Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1001 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Obbligo di restituzione. Misura della diligenza

Dispositivo dell'art. 1001 Codice civile

L'usufruttuario deve restituire le cose che formano oggetto del suo diritto, al termine dell'usufrutto, salvo quanto è disposto dall'articolo 995 (1).

Nel godimento della cosa egli deve usare la diligenza del buon padre di famiglia (2).

Note

(1) La regola è in sintonia col diritto di usufrutto (art. 978 del c.c.), nonché con il contenuto del quasi usufrutto (art. 995 del c.c.).
(2) Se la gestione di un fondo rustico è affidata a terzi, l'usufruttuario è diligente se vigila con costanza sulle sue opere, provvedendo, in particolare, a mantenere immutata la naturale destinazione del fondo, nonché la sua capacità reddituale e il suo godimento.

Brocardi

Fructuarius causam proprietatis deteriorem facere non debet, meliorem facere potest

Spiegazione dell'art. 1001 Codice civile

L'obbligo di restituire la cosa alla fine dell'usufrutto

L'obbligo principale che incombe sull' usufruttuario nel momento in cui si estingue il suo diritto ha per contenuto la restituzione della cosa in natura. Si è già visto che l'obbligo di restituzione, di cui il codice ha voluto dare una definizione generale, assume in diversi casi svariati atteggiamenti, come per le cose consumabili, le cose deteriorabili, le scorte di un fondo, il capitale di un credito (in tale ipotesi l'obbligo di restituzione dell'usufruttuario si converte nell'obbligo di prestarsi agli adempimenti necessari per attribuire al proprietario l'esclusiva disponibilità del capitale investito ai sensi dell' art. 1000 del c.c.). Va solamente rilevato, senza ripetere quanto detto nella spiegazione degli articoli precedenti, che l'eccezione all'obbligo di restituzione in natura non si ha soltanto nella ipotesi prevista dall' art. 995 del c.c. (cose consumabili), come sembrerebbe dalla formulazione letterale dell'art. 1001, ma si può avere anche in altre ipotesi (es. scorte di un fondo).

Se, durante l'usufrutto, l'usufruttuario ha goduto nei limiti della destinazione economica della cosa, osservando la diligenza del buon padre di famiglia ed adempiendo tutti gli obblighi che per legge o secondo il titolo erano a suo carico (custodia, vigilanza, manutenzione ecc.), l'obbligo di restituzione alla fine dell'usufrutto esaurisce tutti gli obblighi dell'usufruttuario.

Se, invece, i limiti del godimento non sono stati rispettati, oppure gli obblighi non sono stati adempiuti, l'usufruttuario sarà tenuto a risarcire i danni che il suo comportamento, positivo o negativo, avrà arrecato alle ragioni del proprietario.

Si è talvolta dubitato, sotto la vigenza del vecchio codice, se, nel caso in cui fosse stata alterata la sostanza della cosa data in usufrutto, ossia la sua destinazione, l'usufruttuario avesse anzitutto l'obbligo di restituire in pristinum la cosa, dubbio che aveva la sua radice nel problema se fosse o no ammessa nel nostro ordinamento la risarcibilità del danno in forma specifica.. La questione deve dirsi risolta grazie all' art. 2058 del c.c. che autorizza il creditore a chiedere la reintegrazione in forma specifica, quando questa sia in tutto o in parte possibile, salvo nel caso in cui il giudice ritenga che tale forma di reintegrazione risulti per il debitore eccessivamente onerosa rispetto a quella per equivalente.

Questa norma, collocata nel titolo relativo agli atti illeciti perchè questo è il campo della sua maggiore applicazione, rappresenta indubbiamente un principio generale che può quindi funzionare anche nei rapporti tra proprietario e usufruttuario. Si deve solo avvertire che quando per la reintegrazione in forma specifica occorre procedere alla distruzione di qualche cosa che l'usufruttuario abbia fatto, entra in considerazione un altro limite di carattere generale, per cui non e consentito di distruggere cose la cui distruzione e di pregiudizio all'economia nazionale (art. 2933 capov. c.c.). In tal caso il creditore può pretendere solo il risarcimento dei danni per equivalente.

Quanto allo stato in cui la cosa deve essere restituita non può essere dato che un criterio generale: la cosa non deve essere restituita nello stato in cui era all'inizio dell'usufrutto ma nello stato in cui si trova per effetto del godimento da parte dell'usufruttuario, godimento che, se contenuto nei limiti stabiliti dalla legge o dal titolo, non può essere fonte di responsabilità per il titolare, anche se la cosa sia alterata nella sua consistenza originaria ovvero nella sua attitudine produttiva.


La diligenza nel godimento

Uno dei criteri fondamentali che determinano la normalità del godimento dell'usufruttuario, e quindi delimitano il contenuto dell'obbligo di restituzione, è quello posto nel capoverso dello stesso art. 1001 per cui nel godimento della cosa l'usufruttuario deve usare la diligenza del buon padre di famiglia. Questo criterio fondamentale, già incidentalmente messo in luce dall'art. 497 del codice del 1865, non sempre è stato valutato nella sua giusta portata, tanto che a qualcuno è apparso come un duplicato dell'obbligo di conservare la destinazione economica della cosa e che, in sede di elaborazione del nuovo codice, la Commissione delle Assemblee Legislative ne aveva proposto addirittura la soppressione.

Ovviamente, nell'ambito della destinazione economica della cosa, le modalità e le gradazioni del godimento possono essere svariate e che perciò può essere assai utile porre un criterio generale che di quello determini la misura. Ora, la diligenza del buon padre di famiglia, richiamata nell'art. 1001 come criterio limite del godimento dell'usufruttuario, presuppone il rispetto della destinazione economica della cosa e l' adempimento degli obblighi particolari che incombono all'usufruttuario e che saranno esaminati in occasione delle singole disposizioni. Naturalmente nell'adempimento di ognuno di questi obblighi l'usufruttuario deve osservare, in base a una regola generale, la diligenza del buon padre di famiglia (art. 1224 cod. 1865 e art. 1175), ma qui la diligenza non è il contenuto dell'obbligo ma solo la misura e il grado del comportamento dovuto dal debitore. Invece, nel senso in cui ne parla l'art. 1001, la diligenza media è il contenuto di un obbligo autonomo che opera nella sfera di libertà riservata al godimento dell'usufruttuario dove cioè non operano i limiti e gli obblighi specifici stabiliti per l'usufruttuario dalla legge o dal titolo. L'obbligo della diligenza non rappresenta perciò un limite estrinseco della situazione tutelata per l'usufruttuario ma è una condizione intrinseca del godimento che ne determina il modo e l'intensità.

Precisata l'autonomia dell'obbligo in oggetto, si deve però rilevare che il suo contenuto è necessariamente vago e generico e nei suoi atteggiamenti concreti non può essere determinato che caso per caso. In generale si può solo dire che la diligenza che l'usufruttuario deve impiegare nel godimento della cosa non è affatto quella che la persona di ordinnria prudenza impiega nell'amministrazione e nel godimento delle cose proprie. L'usufruttuario non è obbligato a godere come godrebbe della cosa propria un diligente padre di famiglia: la condotta del diligente usufruttuario va misurata ad una stregua diversa da quella del diligente proprietario. Questa è commisurata all'interesse prevalente di conservare la cosa, quella all'interesse prevalente di conservarne il reddito. Non si può quindi pretendere che l'usufruttuario ad es. destini una parte del reddito come ammortamento per la reintegrazione della produttività della cosa che eventualmente si esaurisca per effetto di un uso normale, ne che egli sopporti spese per riparazioni straordinarie (art. 1003 del c.c.), ne che egli limiti il suo godimento attuale per garantire la conservazione dell'attitudine e della potenzialità produttiva della cosa.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

480 L'obbligo fondamentale dell'usufruttuario è quello di restituire la cosa al termine del suo diritto, salvo che si tratti di cose consumabili. Ciò è espressamente sancito dal primo comma dell'art. 1001 del c.c., il quale, nel secondo comma, stabilisce l'obbligo dell'usufruttuario di godere della cosa con la diligenza del buon padre di famiglia. Quest'ultima disposizione, già contenuta nel codice del 1865 (art. 497), completa l'altra sull'obbligo della resistituzione, determinando in quale stato la cosa debba essere restituita, e cioè nello stato conseguente a un uso fattone da buon padre di famiglia.

Massime relative all'art. 1001 Codice civile

Cass. civ. n. 699/1976

L'usufruttuario deve godere il bene impiegando la diligenza del buon padre di famiglia e, pertanto, quando l'usufrutto abbia ad oggetto un fondo rustico la cui gestione sia stata affidata a terzi, è obbligato a controllare che siano compiute tutte le attività necessarie per conservare immutate la naturale destinazione del fondo e la normale efficienza dell'organizzazione, in modo da impedire, nel caso di terreni arborati e con piante fruttifere, che l'inaridimento di queste sia dovuto a mancanza di cure idonee.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I diritti reali
    [volume 3] Usufrutto, uso, abitazione, superficie

    Collana: Trattato di diritto civile
    Pagine: 256
    Data di pubblicazione: ottobre 2009
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €

    Un’opera approfondita e completa della materia che fornisce una lettura teorico-pratica della normativa contenuta nel codice e l’analisi di tutta la casistica più significativa.

    PIANO DELL’OPERA

    I diritti sulle cose limitati nel tempo
    I problemi
    La costituzione dell’usufrutto
    Il contenuto dell’usufrutto
    I poteri di disposizione
    La conservazione della cosa e i carichi di godimento
    L’estinzione(continua)

  • Usufrutto, uso, abitazione

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €

    Il volume attualizza il tradizionale ambito dei diritti reali di usufrutto, uso ed abitazione, alla luce dei nuovi orientamenti offerti dalla giurisprudenza.
    In particolare, ampio risalto è concesso alle “nuove” figure del diritto reale d'uso, “ope legis”, sulle aree a parcheggio e dei diritti d'uso e d'abitazione a favore del coniuge superstite.
    Completa l'opera la disamina della nuova disciplina della mediazione civile (D.lgs. n. 28 del 4.3.2010),... (continua)

  • Rapporti familiari ed esigenze abitative. (Le risposte in uno studio comparato)

    Pagine: 262
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €

    La casa di abitazione familiare è al centro in questa indagine, finanziata in parte dal MIUR, volta a ricostruire e rendere conoscibili la normativa vigente in materia in vari paesi dell'area europea, e a verificare il più possibile la sua attuazione nella realtà concreta. Il gruppo di ricerca modenese (C.Æ.DI.C Centro Æmilia di Diritto Comparato) ha approntato un questionario su argomenti di particolare interesse giuridico, statistico e sociologico,... (continua)

  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)