Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2729 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Presunzioni semplici

Dispositivo dell'art. 2729 Codice civile

Le presunzioni non stabilite dalla legge sono lasciate alla prudenza del giudice [116 c.p.c.], il quale non deve ammettere che presunzioni gravi, precise e concordanti (1).

Le presunzioni non si possono ammettere nei casi in cui la legge esclude la prova per testimoni[2721, 2722] (2).

Note

(1) L'orientamento giurisprudenziale preponderante ha stabilito che il giudice può far discendere il proprio convincimento esclusivamente da presunzioni semplici e può addirittura fondarlo su un'unica presunzione di tale tipologia, anche contrastante con eventuali altri elementi acquisiti nel corso del procedimento. Il prudente apprezzamento del giudice deve però ritenere dimostrato il fatto solo se gli indizi presunti sono "gravi precisi e concordanti", tali da dichiarare non attendibili i suddetti altri elementi ulteriori, cosicché la prova per presunzione semplice diverrà allora una prova completa, dotata del medesimo valore probatorio degli altri espedienti e prevalente nel convincimento del giudice.
(2) Il legislatore sancisce espressamente che le stesse limitazioni prescritte ex lege per la prova testimoniale debbano essere analogicamente estese alle ipotesi di prova per presunzioni semplici.

Ratio Legis

La norma in esame permette l'utilizzo delle cosiddette presunzioni semplici (o hominis), ossia deduzioni da parte del giudice per fondare il proprio convincimento in ordine a fatti non provati, purché siano necessariamente basate su elementi gravi, precisi e concordanti.

Brocardi

Argumenta non sunt numeranda, sed ponderanda
Praesumptio iuris tantum
Quae singula non probant coniuncta probant

Spiegazione dell'art. 2729 Codice civile

Definizione della presunzione

La definizione contenuta nell'art. 2727 è testualmente proposta dall’art. 1349 cod. civ. 1865, sostituita solo la parola « trae » alla parola «deduce », ed è a sua volta la traduzione del concetto che avevano dato Pothier e Domat. Lo stabilite il concetto di presunzione è uno dei punti più delicati del sistema probatorio. Non potendo qui esaminare a fondo, anche per evidenti ragioni di economia, il problema stesso, mi limiterò a brevi osservazioni.
Le presunzioni, giusto l’articolo in esame, si distinguono in presunzioni di legge e presunzioni giudiziali.

A) Le presunzioni di legge possono avere un duplice carattere. Sotto un primo aspetto esse sono costitutive di una determinata condi­zione giuridica ; sotto il secondo esse rappresentano una relevatio ab onere probandi.

a) La prima delle due categorie prevedute dal capoverso dell'ar­ticolo .2727 si ha quando la legge dichiara nulli certi atti o non ammette l'azione in giudizio. La dottrina precedente rannodava alla prima ipo­tesi (già formulata nell'art. 1350, n. I) le disposizioni degli articoli 773, 811, e 1053 cod. civ. 1865, 687 cod. proc. civ. 1865, 707 cod. di comm. L'art. 773 è riprodotto (con modificazioni) nell'art. 599: l'art. 1053 è stato ripetuto parzialmente nell'art. 780 ; l'art. 687 cod. proc. civ. 1865 non risulta riprodotto (cfr. però art. 2915). Del pari non risulta riprodotto l'art. 811 cod. civ. mentre l'art. 707 cod. di comm., 1 comma, è dive­nuto l'art. 44, i o comma, legge sulla disciplina del fallimento 16 marzo 1942, n. 267. Sotto il secondo aspetto la dottrina medesima faceva rientrare la volontaria restituzione del titolo di credito preveduta all'art. 1279 cod. civ. (corrispondente all'art. 1237 cod. civ. vigente) ; la riscossione dal debitore solidale di una somma eguale alla sua parte non accompagnata da analoga riserva (art. 1190 cod. civ. 1865, corrispon­dente con modificazioni all'art. 1311 del cod. vigente) ; la riscossione dallo stesso della parte dei frutti od interessi (art. 1197 cod. civ. 1865, ora art. 1312). Molti altri casi, che è dubbio se rientrino nel concetto di presunzione, sono esaminati dal Lessona ai numeri 116 e seguenti.

b) La seconda delle cennati classi, cioè la relevatio ad onere probandi, conprende le ipotesi di cui agli articoli 897, 898, 899 secondo comma c.c., 1101 c.c., 1143 c.c., 1147 c.c., (presunzione di buona fede del possesso) ; 1578 ib. (presunzione di conoscenza nel locatore dei vizi della cosa) ; 1588 ib. (presunzione a carico del conduttore per la perdita della cosa locata) ; 1693 ib. (pre­sunzione di responsabilità del vettore : cfr. articoli 389 e 399, 914, 923 cod. navig.) ; 1694 ib. (presunzione di fortuito) ; 1784, 3 comma ib. (responsabilità dell'albergatore) ; 1805 (presunzione a carico di commodatario di cosa perita), 2206 ib. presunzione di generalità del man­dato all'institore) ; art. 67, legge 16 marzo 1942, n. 267 (presunzione di conoscenza dello stato di insolvenza in caso di fallimento) ; arti­coli 69, 70 ib. (presunzione muciana) ; art. 12o r. d. 8 dic. 1933, n. 1740, c. d. codice stradale, che porta presunzione di responsabilità del condu­cente e del proprietario di autoveicolo ; etc.
Una serie di presunzioni può pure riscontrarsi in quelle ipotesi in cui una norma processuale attribuisce ad un certo comportamento un determinato valore. Così ad es. per l'art. 14 cod. proc. civ. 1940 (art. 80 cod. proc. civ. 1865) la causa si presume di competenza del giudice adito ; cosi gli articoli 2705 e 2706, come abbiamo già visto, stabiliscono presun­zioni di provenienza e di esenzione da colpa in tema di prova per tele­gramma, etc.

bb) Allorchè la legge non dispone diversamente, si intende che nessuna prova è ammessa in contrario, cioè che si tratti di presunzione assoluta (cfr. art. 1721).

bbb) In molteplici casi, la legge pur ammettendo la prova contraria alla presunzione di legge, la limita a certi determinati mezzi. Esempi ne sono le seguenti disposizioni : art. 235 (circa la prova contraria alla presunzione di paternità del marito), articoli 2954, 2955, 2956, 296o (prescrizioni presuntive contro le quali è ammesso unicamente il giu­ramento) ; cfr. art. 2739, n. 3.

B) Le presunzioni semplici sono quelle che il giudice trae da un fatto noto per risalire ad un fatto ignorato. In sostanza questo proce­dimento è comune ad ogni mezzo di prova : il giudice opera sempre de ducendo da un fatto provato (documento, articoli 2699-2720 o dichiarazione, articoli 2720-2726, 2730-2739) il fatto da provarsi.
La distinzione consiste in ciò : ha un mezzo di prova quando il fatto è costituito appunto in svista della efficacia probatoria ; si ha presunzione quando il fatto in sé e per sé ha una finalità diversa, ma viene adoperato ed utilizzato ai fini della prova.
Perché il giudice possa fare uso di presunzioni semplici occorre che non si versi in un caso in cui la legge escluda la prova testimoniale (articoli 135o, 272z cod. civ.) o in cui le parti abbiano pattiziamente stabilito la forma scritta (art. 1852 cod. civ.).
Conformemente all'art. 1354 cod. civ. 1865, la legge richiede che le presunzioni siano gravi, precise e concordanti. Contro l'opinione del Lessona, si ritiene fondato il rilievo del Ramponi che la gravità, precisione e concordanza delle presunzioni costituisca un requisito non di ammissibilità ma di valutazione di esse. Il giudice, cioè, non riscontrando nel materiale di causa mezzi di prova (nel senso suddetto) indaga sulla possibilità di ammettere presunzioni ; solo in caso affermativo, procede a ricercare se esse concorrano e se abbiano i caratteri voluti dalla legge. Che questa triplice operazione avvenga in unico momento non contradice alla distinzione concettuale.


Suoi caratteri

Secondo la dottrina, le presunzioni sono gravi quando danno la certezza, o il sicuro convincimento ; sono concordanti quando. con­vergono allo stesso risultato. La precisione, secondo taluni (Coniglio) si confonde con la gravità; secondo altri (Lessona) attiene piuttosto alla concordanza. Si potrebbe dire che le presunzioni sono precise quando il loro complesso copre e coincide col thema probandi. È opinione domi­nante (Lessona, Coniglio, etc. con ampie citazioni) anche in giurisprudenza che a formare. il convincimento del giudice basti una sola pre­sunzione ; ma pare che tale opinione urti direttamente contro il testo della legge : nè appaiono fondate le ragioni addotte ex adverso. È arbi­trario dire che la legge ha voluto la concordanza nel solo caso della pluralità; come è arbitrario il dire che non vigendo il principio unus testis, nullus testis, debba valere l'opposto anche per le presunzioni, nulla vietando al legislatore di adottare due diversi sistemi per l'uno e per l'altro istituto.


Fonte delle presunzioni

Le presunzioni possono essere desunte da qualunque fatto legittimamente accertato, anche se (anzi, appunto e malgrado perché tale) sfornito di proprio valore probante: altrimenti le presunzioni sarebbero superglue. Se però il fatto fosse dichiarato dalla legge privo di forza probatoria, non potrebbe servire come base di presunzioni. Neppure può ritenersi valida fonte di presunzione altra presunzione (praesumptum de preasumpto non admittitur) perché la presunzione non è un fatto, e solo da fatti è lecito dedurre le presunzioni.


A chi spetti ricercarle ed utilizzarle

Secondo il c.p.c. 1940, il compito di disporre e raccogliere le prove spetta al giudice istruttore, quello di vagliarne i risultati al collegio. In tema di presunzioni le due funzioni si unificano, onde esse non possono essere poste e utilizzate se non appunto dal solo collegio.


Prova contraria

Ha formato oggetto di vivissime dispute il quesito se il giudice, affermando che le presunzioni semplici già dimostrano l'esistenza di un fatto, possa respingere la prova diretta a combattere le presunzioni stesse. Il Lessona, ad es., manifestò in proposito dapprima opinione negativa, poi affermativa nè sono privi di incertezze gli altri scrittori della materia. La giurisprudenza della Corte Suprema ha adottato da tempo un criterio la cui formulazione scientifica fa capo ad uno scritto del D’Amelio: « Contro le presunzioni semplici é sempre ammissibile la prova testimoniale diretta a smentire i fatti, dai quali sono dedotti : ma la prova contraria non deve essere ammessa quando il giudice in base alle presunzioni si è già formato il convinci­mento circa i fatti da provare e creda raggiunta quella certezza che gli consenta di decidere la contestazione ». In sostanza la prova sarebbe ammissibile contro il fatto-base, non contro il procedimento deduttivo : il che è conforme al sistema generale del diritta, giacché la formazione del convincimento del giudice e la sua critica sono un posterius rispetto al fatto da cui scaturisce la prova.


Cosa giudicata

Da ultimo è opportuno notare che sono stati soppressi, nel nuovo codice, gli articoli 135o, 1351 cod. civ. 1865. Il primo di essi, fra le presunzioni legali annoverava la cosa giudicata, di cui il secondo stabiliva i limiti soggettivi ed oggettivi. Nel nuovo codice, il legislatore ha rifiutato di concepire la cosa giudicata come una presun­zione senza pronunciarsi sul problema, di carattere essenzialmente dot­trinale, del fondamento di essa. Dice la relazione (n. 1118) che la materia è ora più razionalmente disciplinata nel Tit. IV di questo libro ; e che esclusa la cosa giudicata dal novero delle presunzioni legali non avrebbe trovato sede propria nel capo in esame la disposizione dell'art. 1351 che determinava i requisiti subiettivi ed obiettivi che devono concorrere perchè il giudicato si formi. Infatti l'art. 2go9 stabilisce che l'accer­tamento contenuto nella sentenza passata in giudicato fa stato a ogni effetto tra le parti e i loro eredi o aventi causa. Si accenna cosi ai limiti soggettivi della cosa giudicata i mentre resta completamente in ombra il problema dei suoi limiti oggettivi.

L’art. 2909 va collegato all'art. 111 cod. proc. civ. 194o, ultimo comma, il quale dichiara che la sentenza pronunciata contro l'alienante o il successore a titolo uni­versale ha effetti contro il successore a titolo particolare, e con l'art. 324, che dichiara intendersi per cosa giudicata formale la sentenza non più soggetta nè a regolamento di competenza nè ad appello nè a ricorso per cassazione nè a revocazione per i motivi di cui ai numeri 4 e 5 dell'art. 395 (errore di fatto, contraddittorietà di giudicato) che sono ,quelli che la parte può percepire immediatamente.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 2729 Codice civile

Cass. civ. n. 6387/2018

In tema di prova per presunzioni, nel dedurre il fatto ignoto dal fatto noto, la valutazione del giudice del merito incontra il solo limite della probabilità, con la conseguenza che i fatti su cui la presunzione si fonda non devono essere tali da far apparire l'esistenza del fatto ignoto come l'unica conseguenza possibile dei fatti accertati secondo un legame di necessità assoluta ed esclusiva, ma è sufficiente che l'operata inferenza sia effettuata alla stregua di un canone di ragionevole probabilità con riferimento alla connessione degli accadimenti, la cui normale sequenza e ricorrenza può verificarsi secondo regole di esperienza, basate sull'"id quod plerumque accidit". Ne consegue che, anche se il giudizio valutativo svolto dal giudice del merito sugli indizi è insindacabile, essendo il controllo di legittimità circoscritto alla verifica della correttezza logico giuridica del ragionamento seguito, tuttavia, in relazione all'utilizzo di massime o regole d'esperienza, anche in sede di giudizio di legittimità, si deve verificare che il giudizio probatorio non sia fondato su congetture, ovvero ipotesi non fondate sull'"id quod plerum accidit" o regole generali prive di una sia pur minima plausibilità invece che su vere e proprie massime di esperienza.

Cass. civ. n. 10973/2017

In materia di prova presuntiva, compete alla Corte di cassazione, nell’esercizio della funzione nomofilattica, il controllo che i principi contenuti nell’art. 2729 c.c. siano applicati alla fattispecie concreta al fine della ascrivibilità di questa a quella astratta. Se è vero che è devoluta al giudice di merito la valutazione della ricorrenza dei requisiti enucleabili dagli artt. 2727 e 2729 c.c. per valorizzare gli elementi di fatto quale fonte di presunzione, tuttavia, tale giudizio non può sottrarsi al controllo in sede di legittimità, ai sensi dell’art. 360, comma 1, n. 5, c.p.c., se risulti che, violando i criteri giuridici in tema di formazione della prova critica, il giudice si sia limitato a negare valore indiziario a singoli elementi acquisiti in giudizio, senza accertarne l’effettiva rilevanza in una valutazione di sintesi.

Cass. civ. n. 5374/2017

In tema di prova per presunzioni, il giudice, dovendo esercitare la sua discrezionalità nell'apprezzamento e nella ricostruzione dei fatti in modo da rendere chiaramente apprezzabile il criterio logico posto a base della selezione delle risultanze probatorie e del proprio convincimento, è tenuto a seguire un procedimento che si articola necessariamente in due momenti valutativi: in primo luogo, occorre una valutazione analitica degli elementi indiziari per scartare quelli intrinsecamente privi di rilevanza e conservare, invece, quelli che, presi singolarmente, presentino una positività parziale o almeno potenziale di efficacia probatoria; successivamente, è doverosa una valutazione complessiva di tutti gli elementi presuntivi isolati per accertare se essi siano concordanti e se la loro combinazione sia in grado di fornire una valida prova presuntiva, che magari non potrebbe dirsi raggiunta con certezza considerando atomisticamente uno o alcuni di essi. Ne consegue che deve ritenersi censurabile in sede di legittimità la decisione in cui il giudice si sia limitato a negare valore indiziario agli elementi acquisiti in giudizio senza accertare se essi, quand'anche singolarmente sforniti di valenza indiziaria, non fossero in grado di acquisirla ove valutati nella loro sintesi, nel senso che ognuno avrebbe potuto rafforzare e trarre vigore dall'altro in un rapporto di vicendevole completamento.

Cass. civ. n. 4241/2016

La presunzione semplice e la presunzione legale "iuris tantum" si distinguono unicamente in ordine al modo di insorgenza, perché mentre il fatto sul quale si fonda la prima dev'essere provato in giudizio ed il relativo onere grava su colui che intende trarne vantaggio, la seconda è stabilita dalla legge e, quindi, non abbisogna della prova di un fatto sul quale possa fondarsi e giustificarsi. Una volta, tuttavia, che la presunzione semplice si sia formata e sia stata rilevata, essa ha la medesima efficacia che deve riconoscersi alla presunzione legale "iuris tantum", quando viene rilevata, in quanto l'una e l'altra trasferiscono a colui, contro il quale esse depongono, l'onere della prova contraria, la cui omissione impone al giudice di ritenere provato il fatto previsto, senza consentirgli la valutazione ai sensi dell'art. 116 c.p.c.. (In applicazione dell'anzidetto principio, la S.C. ha riscontrato la violazione del regime della prova presuntiva in relazione alla circostanza dell'avvenuto pagamento del canone di locazione, pur avendo l'Amministrazione finanziaria fornito la prova di ogni rilevante fatto storico, che potesse avere valore di premessa del ragionamento inferenziale).

Cass. civ. n. 5787/2014

La valutazione della prova presuntiva esige che il giudice di merito esamini tutti gli indizi di cui disponga non già considerandoli isolatamente, ma valutandoli complessivamente ed alla luce l'uno dell'altro, senza negare valore ad uno o più di essi sol perché equivoci, cosi da stabilire se sia comunque possibile ritenere accettabilmente probabile l'esistenza del fatto da provare.

Cass. pen. n. 8837/2014

In tema di riesame, non costituisce violazione dell'art. 309 comma quinto c.p.p. La circostanza che il PM, selezionando gli atti da produrre a sostegno della richiesta di applicazione della misura cautelare, abbia trasmesso, in luogo della videoregistrazione del fatto oggetto di indagine, annotazioni di servizio in cui erano riportati i dati relativi a quanto videoregistrato, posto che all'accusa compete la direzione dell'inchiesta e la scelta degli atti su cui basare la richiesta della misura. (Nella fattispecie la Corte ha rilevato che il GIP non aveva comunque mai preso visione della videoregistrazione ed aveva considerato per l'emissione della misura le annotazioni di servizio della P.G., regolarmente trasmesse al Tribunale del riesame).

Cass. civ. n. 12248/2013

Il ricorso alla presunzione deve ritenersi consentito al giudice alla sola condizione che i fatti su cui essa si fonda siano stati allegati e possano ritenersi provati, potendo il giudice avvalersene, in presenza di tale evenienza, senza apposita sollecitazione delle parti e in difetto di contraddittorio tra le stesse.

Cass. civ. n. 23096/2012

I requisiti di gravità, precisione e concordanza, richiesti dall'art. 2729 c.c. perché gli indizi possano assurgere al rango di prova presuntiva debbono valutarsi con riferimento ai fatti noti, dai quali risalire con deduzioni logiche ai fatti ignorati; quei requisiti, invece, sono inconcepibili rispetto alle regole statistiche o matematiche attraverso le quali si sviluppa il ragionamento logico deduttivo, le quali devono essere corrette e coerenti, ma non "gravi, precise e concordanti". (Nella specie, l'amministrazione finanziaria aveva ritenuto esistenti redditi non dichiarati, desumendoli dalla sproporzione tra i costi ed i ricavi dell'impresa contribuente, ed aveva quindi determinato il "quantum" del reddito non dichiarato, in assenza di scritture contabili, attraverso un calcolo aritmetico di media tra costi e prodotti venduti; il giudice di merito aveva tuttavia annullato il relativo avviso di accertamento, ritenendo che i calcoli compiuti dell'erario costituissero una "presunzione priva di gravità e precisione"; la S.C., in applicazione del principio di cui alla massima, ha cassato tale decisione).

Cass. civ. n. 9108/2012

In tema di prova per presunzioni, il giudice, posto che deve esercitare la sua discrezionalità nell'apprezzamento e nella ricostruzione dei fatti in modo da rendere chiaramente apprezzabile il criterio logico posto a base della selezione delle risultanze probatorie e del proprio convincimento, è tenuto a seguire un procedimento che si articola necessariamente in due momenti valutativi: in primo luogo, occorre una valutazione analitica degli elementi indiziari per scartare quelli intrinsecamente privi di rilevanza e conservare, invece, quelli che, presi singolarmente, presentino una positività parziale o almeno potenziale di efficacia probatoria; successivamente, è doverosa una valutazione complessiva di tutti gli elementi presuntivi isolati per accertare se essi siano concordanti e se la loro combinazione sia in grado di fornire una valida prova presuntiva, che magari non potrebbe dirsi raggiunta con certezza considerando atomisticamente uno o alcuni di essi. Ne consegue che deve ritenersi censurabile in sede di legittimità la decisione in cui il giudice si sia limitato a negare valore indiziario agli elementi acquisiti in giudizio senza accertare se essi, quand'anche singolarmente sforniti di valenza indiziaria, non fossero in grado di acquisirla ove valutati nella loro sintesi, nel senso che ognuno avrebbe potuto rafforzare e trarre vigore dall'altro in un rapporto di vicendevole completamento.

Le presunzioni semplici costituiscono una prova completa alla quale il giudice di merito può attribuire rilevanza anche in via esclusiva ai fini della formazione del proprio convincimento, nell'esercizio del potere discrezionale, istituzionalmente demandatogli, di scegliere, fra gli elementi probatori sottoposti al suo esame, quelli ritenuti più idonei a dimostrare i fatti costitutivi della domanda o dell'eccezione, non occorrendo l'acquisizione, a conforto, di ulteriori elementi presuntivi o probatori desunti dall'esame della documentazione contabile o bancaria del contribuente, in quanto, se gli indizi hanno raggiunto la consistenza di prova presuntiva, non vi è necessità di ricercarne altri o di assumere ulteriori fonti di prova.

Cass. civ. n. 6181/2009

Ai fini del raggiungimento della prova per presunzioni, le soglie minime di gravità, precisione e concordanza richieste dall'art. 2729 cod. civ. e la possibilità di ritenere come ammessi, ai sensi dell'art. 232 c.p.c., i fatti dedotti nell'interrogatorio formale, cui il convenuto non abbia ingiustificatamente risposto, sono valutate dal giudice di merito alla luce del complessivo contesto, sostanziale e processuale, con la conseguenza che i fatti possono ritenersi di volta in volta provati o non provati all'esito di una valutazione caso per caso e che quest'ultima non è sindacabile in sede di legittimità purchè adeguatamente e congruamente motivata. (Nella specie, proposta azione risarcitoria da parte di persona che, nel badare alla manutenzione dell'appartamento di un parente assente, era inciampata in un tappeto lasciato arrotolato sul pavimento, il giudice di merito, con valutazione considerata corretta dalla S.C., aveva ritenuto non raggiunta la prova sia del nesso di causalità tra la caduta della persona e la posizione dell'oggetto sia della colpa del proprietario dell'immobile).

Cass. civ. n. 26331/2008

Il ricorso alla prova presuntiva esige indefettibilmente che a fondamento di essa il giudice ponga una pluralità di elementi, caratterizzati dai requisiti della gravità, precisione e concordanza. Pertanto l'indicazione, nella sentenza di merito, di un solo ed equivoco elemento presuntivo dal quale è stata ricavata la prova del fatto ignorato costituisce un vizio motivazionale, censurabile in sede di legittimità ai sensi dell'art. 360, n. 5, c.p.c. (in base a tale principio la S.C. ha cassato la sentenza di merito che, nell'accogliere un'azione revocatoria, aveva ritenuto provata la scientia fraudis sulla base della sola sproporzione tra il prezzo dichiarato nell'atto di vendita ed il valore commerciale del bene del quale il debitore si era disfatto).

Cass. civ. n. 17535/2008

In tema di presunzioni, qualora il giudice di merito sussuma erroneamente sotto i tre caratteri individuatori della presunzione (gravità, precisione e concordanza) fatti concreti che non sono invece rispondenti a quei requisiti, il relativo ragionamento è censurabile in base all'art. 360, n. 3, c.p.c. (e non già alla stregua del n. 5 dello stesso art. 360), competendo alla Corte di cassazione, nell'esercizio della funzione di nomofilachia, controllare se la norma dell'art. 2729 c.c., oltre ad essere applicata esattamente a livello di proclamazione astratta, lo sia stata anche sotto il profilo dell'applicazione a fattispecie concrete che effettivamente risultino ascrivibili alla fattispecie astratta.

Cass. civ. n. 19088/2007

In tema di presunzioni semplici, gli elementi assunti a fonte di prova non debbono essere necessariamente più d'uno, potendo il convincimento del giudice fondarsi anche su di un solo elemento purché grave e preciso, dovendosi il requisito della «concordanza» ritenersi menzionato dalla legge solo in previsione di un eventuale ma non necessario concorso di più elementi presuntivi. (Nella specie la S.C. ha confermato la decisione di merito che ha desunto la conoscenza dello stato d'insolvenza di un imprenditore, successivamente dichiarato fallito, in capo alla banca, da un unico fatto costituito dall'improvvisa revoca di tutte le linee di credito e richiesta d'immediato soddisfacimento di tutti i suoi crediti).

Cass. civ. n. 3646/2004

L'esistenza di una presunzione sulla quale sia possibile fondare la decisione di una causa può validamente desumersi in presenza di una pluralità di elementi di valutazione gravi precisi e concordanti, nei quali il requisito della gravità è ravvisabile per il grado di convincimento che ciascuno di essi è idoneo a produrre a fronte di un fatto ignoto, la cui esistenza deve poter essere dimostrata in termini di ragionevole certezza, il requisito della precisione impone che i fatti noti e l'iter logico del ragionamento probabilistico ben determinati nella loro realtà storica, ed il requisito unificante della concordanza richiede che il fatto ignoto sia di regola desunto da una pluralità di fatti noti gravi e precisi, univocamente convergenti nella dimostrazione della sua sussistenza, mentre la sommatoria di una serie di dati in sé insignificanti e privi di precisione e gravità non può assumere rilevanza alcuna. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza di merito che aveva ritenuto provato il conferimento di un incarico professionale relativo alla stima di un immobile ed alla redazione di un computo metrico — estimativo [e non alla semplice redazione di un preventivo per le spese burocratiche di ristrutturazione, come sostenuto dai convenuti] sulla base della effettiva redazione del computo, del possesso in capo al professionista di piantine e fotografie dell'immobile, e della attribuzione di valore confessorio ad alcune frasi pronunciate dai presunti committenti in corso di causa).

Cass. civ. n. 18719/2003

Nella decisione della causa di merito, il giudice è libero di fondare il proprio convincimento su prove presuntive a differenza di altri mezzi di prova, ove le ritenga più attendibili, e non è tenuto ad ammettere gli ulteriori mezzi di prova richiesti dalle parti, se è già in grado di formarsi un convincimento sulla base delle risultanze acquisite al processo, essendo tuttavia in ogni caso tenuto a motivare le proprie scelte, e ad ammettere l'eventuale prova contraria al fatto ignoto che si pretende provare tramite presunzioni, ove ciò sia richiesto da una delle parti e la prova non sia né inammissibile o ininfluente. (Nella specie, la S.C. ha cassato per vizio di motivazione la sentenza di merito che non aveva ammesso alcune prove testimoniali, volte a dimostrare l'esistenza di un accordo, sul presupposto che già emergesse in via presuntiva la prova della inesistenza di tale accordo).

Cass. civ. n. 15737/2003

Le presunzioni semplici costituiscono una prova completa alla quale il giudice di merito può attribuire rilevanza, anche in via esclusiva, ai fini della formazione del proprio convincimento, nell'esercizio del potere discrezionale, istituzionalmente demandatogli, di individuare le fonti di prova, controllarne l'attendibilità e la concludenza e, infine, scegliere, fra gli elementi probatori sottoposti al suo esame, quelli ritenuti più idonei a dimostrare i fatti costitutivi della domanda o dell'eccezione. Spetta pertanto al giudice di merito valutare l'opportunità di fare ricorso alle presunzioni, individuare i fatti da porre a fondamento del relativo processo logico e valutarne la rispondenza ai requisiti di legge, con apprezzamento di fatto che, ove adeguatamente motivato, sfugge al sindacato di legittimità, dovendosi tuttavia rilevare che la censura per vizio di motivazione in ordine all'utilizzo o meno del ragionamento presuntivo non può limitarsi ad affermare un convincimento diverso da quello espresso dal giudice di merito, ma deve fare emergere l'assoluta illogicità e contraddittorietà del ragionamento decisorio, restando peraltro escluso che la sola mancata valutazione di un elemento indiziario possa dare luogo al vizio di omesso esame di un punto decisivo. (Nella specie, la S.C. ha confermato la sentenza di merito che aveva escluso che il ritiro del libretto nominativo da parte dell'invalido potesse costituire presunzione della ricezione della comunicazione relativa all'emissione di pagamento dei ratei arretrati dell'indennità di accompagnamento).

Cass. civ. n. 5045/2002

In tema di prove, è inammissibile la c.d. praesumptio de praesumpto, non potendosi valorizzare una presunzione come fatto noto, per derivarne da essa un'altra presunzione. (Nella specie, alla stregua del principio di cui alla massima, la S.C. ha confermato la decisione dei giudici di merito che avevano ritenuta non provata la pretesa del ricorrente, imprenditore commerciale, di ottenere la somma di trecento milioni di lire quale, liquidazione del proprio credito nei confronti di un istituto di credito — somma corrispondente al valore di preziosi che lo stesso assumeva depositati nella cassetta di sicurezza concessa in uso dall'istituto, che era stata aperta da ignoti e svuotata del suo contenuto — pretesa in relazione alla quale era stata invocata la prova per presunzioni in base alla considerazione che per un imprenditore commerciale sarebbe «cosa assai poco probabile» depositare in una cassetta di sicurezza gioielli per un tale valore. Nell'occasione, la Corte territoriale, con motivazione ritenuta corretta dalla S.C., aveva escluso che si potesse presumere la conservazione in cassetta di preziosi di elevato valore in base al solo fatto che il ricorrente godesse di altri redditi, dato a sua volta presuntivamente ricavabile dall'esercizio di un determinato commercio; e che si sarebbe dovuto saldare, ai fini dell'accoglimento della richiesta del ricorrente, alle ulteriori presunzioni della utilizzazione di siffatti redditi per l'acquisto di gioielli, al momento del furto, nella cassetta di cui si trattava).

Cass. civ. n. 9782/1999

Perché possa ritenersi correttamente desunta una presunzione semplice è sufficiente che i fatti sui quali essa si fonda siano tali da far apparire l'esistenza del fatto ignoto come una conseguenza del fatto noto, già accertato in giudizio, alla stregua di canoni di ragionevole probabilità, dovendosi cioè ravvisare una connessione fra la verificazione del fatto già accertato e quella del fatto ancora ignoto secondo regole di esperienza che convincano il giudice circa la probabilità e verosimiglianza della verificazione del secondo quale conseguenza del primo, potendo, dunque, il relativo accertamento presentare qualche margine di opinabilità, poiché il procedimento logico di deduzione non è quello rigido che è imposto, viceversa, in caso di presunzione legale. Il giudizio in base al quale il giudice di merito ragiona per presunzione semplice sottrae al sindacato di legittimità, se convenientemente motivato alla stregua di detti criteri. (Principi affermati dalla Suprema Corte con riguardo ad un caso, in cui, in relazione ad acquisto a non domino, si era desunta per presunzioni la prova dell'inesistenza della buona fede dell'acquirente).

Cass. civ. n. 4777/1998

Al di fuori dei casi di prova legale, non esiste nel nostro ordinamento una gerarchia delle prove, per cui i risultati di talune di esse debbano necessariamente prevalere nei confronti di altri dati probatori, essendo la valutazione delle prove rimessa al prudente apprezzamento del giudice. Ne deriva che il convincimento del giudice di merito sulla verità di un fatto può fondarsi anche su una presunzione che sia in contrasto con le altre prove acquisite, se da lui ritenuta di tale precisione e gravità da rendere inattendibili gli altri elementi di giudizio ad esso contrari, alla sola condizione che egli fornisca del convincimento cosa attinto una giustificazione adeguata e logicamente non contraddittoria.

Cass. civ. n. 2061/1998

In tema di prova civile, prima di avvalersi delle presunzioni il giudice non è tenuto ad invitare la parte contro cui esse operano a fornire la prova contraria. Costituendo le presunzioni unicamente un procedimento logico cui la legge consente di collegare determinati effetti sul piano probatorio, la parte interessata può in sede di merito evidenziare gli elementi idonei a mostrarne le possibili carenze o le eventuali contraddizioni, ma non può addebitare al giudice un obbligo che non gli compete.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo