Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 669 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Frutti della cosa legata

Dispositivo dell'art. 669 Codice civile

Se oggetto del legato è una cosa fruttifera (1) [820, 821 c.c.], appartenente al testatore al momento della sua morte, i frutti o gli interessi sono dovuti al legatario da questo momento (2).

Se la cosa appartiene all'onerato o a un terzo [651 c.c.], ovvero se si tratta di cosa determinata per genere o quantità [653 c.c.], i frutti o gli interessi sono dovuti dal giorno della domanda giudiziale (3) [163 c.p.c.] o dal giorno in cui la prestazione del legato è stata promessa, salvo che il testatore abbia diversamente disposto (4).

Note

(1) I frutti sono beni prodotti da altri beni. Si distinguono in frutti naturali, ossia quelli che provengono da una cosa produttiva (es. i frutti delle piante), e civili, cioè quelli dovuti a titolo di corrispettivo per il godimento di altri beni (es. gli interessi del denaro). Mentre i primi si acquistano con la separazione dalla cosa madre, i secondi sono dovuti giorno per giorno.
(2) Al contrario, spettano all'erede i frutti maturati fino all'apertura della successione.
(3) E' necessaria la proposizione di una domanda giudiziale, non basta una richiesta scritta stragiudiziale.
(4) Qualora l'erede onerato non abbia la materiale disponibilità del bene, si ritiene che incomba comunque su di esso l'onere di corrispondere al legatario i frutti, salvo il diritto di ripetere quanto pagato dal possessore del bene ai sensi dell'art. 535 del c.c..

Ratio Legis

Il momento a partire dal quale sono dovuti al legatario i frutti sul bene legato viene diversamente individuato a seconda che il legato sia ad efficacia diretta od obbligatoria: nel primo caso i frutti prodotti dopo l'apertura della successione spettano al legatario in quanto la proprietà della cosa si trasmette al momento della morte del testatore (v. art. 649 c. 2 del c.c.); nel secondo caso, non realizzandosi un immediato acquisto della proprietà, al legatario spettano solo i frutti prodotti successivamente alla richiesta giudiziale o alla promessa di adempimento del legato.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

323 Gli articoli 214 e 215 del testo precedente, riguardavano, in sostanza, due aspetti di unico problema: e cioè il regolamento dei frutti o degli interessi della cosa legata, secondo che questa appartenesse al testatore o ad altri. Mi è pertanto sembrato opportuno, nel nuovo testo, fondere le due disposizioni in un solo articolo (art. 669 del c.c.).

Massime relative all'art. 669 Codice civile

Cass. civ. n. 25155/2010

In tema di legato, poiché il legatario acquista la proprietà del bene, ai sensi dell'art. 649 c.c., fin dal momento dell'apertura della successione, con la medesima decorrenza sono a lui dovute, altresì le somme corrispondenti alla fruttificazione dell'immobile, in caso di sua ritardata od omessa consegna.

Cass. civ. n. 110/2009

Qualora la domanda di pagamento degli interessi legali sulla somma capitale, chiesta a titolo di legato avente per oggetto una somma di pari importo, non sia stata espressamente formulata dall'attore con riferimento anche alla disciplina di cui all'art. 669 cod. civ. - prevedente la decorrenza dei medesimi interessi dall'apertura della successione - gli interessi legali devono intendersi richiesti dalla data di notifica dell'atto introduttivo del giudizio; ne consegue che, a norma dell'art. 10 secondo comma cod. proc. civ., per la determinazione del valore della causa ai fini della competenza, ci si deve riferire alla sola somma richiesta a titolo di capitale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Revoca del legato mediante alienazione e interpretazione della volontà

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 112
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 15 €
    Categorie: Il legato

    Il contributo analizza la revoca testamentaria nella più ampia prospettiva della diffusa, quanto discutibile, tassonomia tra atti mortis causa e atti inter vivos, altresì indagando i profili dell'oggetto della sua operatività (ribadendo la definitività e la precettività del testamento e gli equivoci concettuali troppo spesso non denunciati), le modalità di produzione degli effetti e la qualificazione in termini di negozialità, provvedendosi... (continua)

  • I legati a contenuto atipico e tipico nella prassi notarile

    Editore: Ipsoa
    Collana: Quaderni di notariato
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €
    Categorie: Il legato, Notariato

    Il legato è un istituto il cui contenuto è commisurato alle esigenze sempre nuove del testatore e pur mantenendo sempre la stessa struttura, di per sé già idonea a garantire una successione a titolo particolare di qualsiasi diritto, nel corso dei secoli è stato riempito in maniera sempre diversa in funzione delle sue finalità.

    Il legato quindi è in grado di produrre qualsiasi effetto, reale o obbligatorio, che il nostro ordinamento... (continua)