Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 646 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Retroattività della condizione

Dispositivo dell'art. 646 Codice civile

L'adempimento della condizione [633 c.c.] ha effetto retroattivo (1) (2) [456, 1360 c.c.]; ma l'erede o il legatario, nel caso di condizione risolutiva, non è tenuto a restituire i frutti [820 c.c.] se non dal giorno in cui la condizione si è verificata (3) [1361 c. 2 c.c.]. L'azione per la restituzione dei frutti si prescrive in cinque anni [2948 c.c.].

Note

(1) Al verificarsi della condizione risolutiva l'erede (o il legatario) condizionato si considera come se non fosse mai stato chiamato all'eredità. Di conseguenza vengono meno gli atti dispositivi da questo compiuti in pendenza della condizione, siano essi a titolo gratuito od oneroso, con la sola eccezione del possesso di buona fede ex art. 1153 del c.c.. L'acquirente in buona fede si ritiene non possa avvalersi della tutela prevista per gli acquisti dall'erede apparente (v. art. 534 del c.c.) in quanto l'acquisto è stato concluso non con chi sembrava erede ma con chi lo era realmente.
(2) Ove si verifichi la condizione sospensiva, il chiamato si considera erede (o legatario) fin dal momento dell'apertura della successione. Sono, pertanto, validi gli atti di disposizione e amministrazione compiuti in pendenza della condizione.
(3) Il testatore può, tuttavia, prevedere diversamente.

Ratio Legis

La retroattività della condizione assicura la certezza dei rapporti giuridici, disciplinando la sorte degli atti di amministrazione e disposizione compiuti dall'erede o dal legatario sotto condizione.

Massime relative all'art. 646 Codice civile

Cass. civ. n. 1701/1969

L'art. 646 c.c. — innovando rispetto al codice civile abrogato, il quale, all'art. 853, sanciva l'inefficacia della disposizione testamentaria sotto condizione sospensiva, qualora l'istituito fosse morto prima del verificarsi della condizione — stabilisce che l'adempimento della condizione sospensiva ha effetto retroattivo. Conseguentemente, retroagendo gli effetti della disposizione testamentaria, al verificarsi della condizione, al momento dell'apertura della successione, l'istituzione sotto condizione sospensiva, nel caso in cui l'erede sia deceduto dopo il testatore ma anteriormente al verificarsi della condizione, è pienamente valida secondo l'ordinamento vigente.

Cass. civ. n. 663/1969

In tema di successione testamentaria l'efficacia retroattiva della condizione comporta che al suo verificarsi gli effetti della disposizione condizionata retroagiscono al tempo dell'apertura della successione; ma, mentre l'istituito sotto condizione risolutiva è considerato come se mai avesse adita l'eredità ed in tal caso cadono tutti i diritti costituiti dall'erede o dal legatario a favore dei terzi senza distinzione fra atti a titolo oneroso o gratuito, diversamente avviene al verificarsi della condizione sospensiva perché l'istituito assume la qualità di erede sin dal tempo dell'apertura della successione e gli atti da lui compiuti medio tempore non sono caducati e non possono essere dallo stesso erede, che li ha compiuti, inficiati di nullità o ritenuti a lui non opponibili. Pertanto, mentre gli atti di amministrazione sono validi in ogni caso, sia che si tratti di condizione risolutiva o sospensiva, gli atti dispositivi sono invece subordinati nei loro effetti alla condizione medesima nel senso che, ove si tratta di condizione risolutiva, essi sono caducati, mentre permangono validi con l'avverarsi della condizione sospensiva.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • «Regula Sabiniana». Elaborazioni giurisprudenziali in materia di condizioni impossibili

    Editore: Giuffrè
    Collana: Quaderni di «studi senesi»
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 87,00 -5% 82,65 €

    Il testo si propone di sottoporre a revisione storiografica il tema delle condizioni impossibili apposte alle disposizioni di ultima volontà secondo il diritto romano, inquadrandolo nell'ambito delle controversie tra le scholae giurisprudenziali del Principato. In particolare, assume rilievo la vicenda genealogica della cosiddetta "regula Sabiniana" (ossia del principio per cui l'atto mortis causa debba avere la medesima efficacia che se la condizione non vi fosse mai stata... (continua)


→ Altri libri su Retroattività della condizione ←