Cassazione civile Sez. II sentenza n. 723 del 14 marzo 1973

(2 massime)

(massima n. 1)

Il primo comma dell'art. 1415 c.c. intende proteggere, in vista della libera circolazione dei beni, l'affidamento fatto dal terzo acquirente sulla validitÓ del titolo del suo autore e pertanto si applica soltanto in favore di chi acquisti dal titolare apparente sulla base del negozio simulato. Ne consegue che Ŕ opponibile la simulazione degli atti di acquisto del de cuius al legittimario, il quale acquista i beni del defunto in base ad una relazione d'indole generale con la persona o col patrimonio del medesimo, senza alcuna derivazione diretta, quanto al singolo bene, fra il titolo di acquisto del titolare apparente e quello dell'acquirente successivo.

(massima n. 2)

L'accertamento della simulazione di una compravendita e della nullitÓ per vizio di forma della dissimulata donazione di un immobile fra padre e figlio, entrambi poi deceduti, pu˛ essere chiesta nei confronti dell'erede dell'accipiens da altro figlio del donante ancorchÚ costui, essendo sopravvissuto al donatario, avesse dichiarato di rinunziare all'ereditÓ del medesimo, ivi compreso il suddetto immobile; infatti la rinunzia ai propri diritti da parte del legittimario pretermesso si configura come rifiuto opposto alla offerta di un potere giuridico fatta dalla legge nell'orbita del fenomeno della successione mortis causa e pertanto non Ŕ causalmente preordinata al trasferimento o anche soltanto alla dismissione di diritti reali su beni.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.