Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2348 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Categorie di azioni

Dispositivo dell'art. 2348 Codice civile

Le azioni devono essere di uguale valore [2463, 2468] e conferiscono ai loro possessori uguali diritti (1).

Si possono tuttavia creare, con lo statuto [2328, n. 8, 2351] o con successive modificazioni di questo [2346, 2350, 2351, 2365, 2369, 2376, 2436], categorie di azioni fornite di diritti diversi anche per quanto concerne la incidenza delle perdite (2). In tal caso la società, nei limiti imposti dalla legge, può liberamente determinare il contenuto delle azioni delle varie categorie.

Tutte le azioni appartenenti ad una medesima categoria conferiscono uguali diritti.

Note

(1) Il primo comma enuncia il principio di uguaglianza delle azioni.
(2) Si possono creare azioni privilegiate nella partecipazione alle perdite e nella liquidazione della società, ma non in misura totale, in quanto in tal caso lo statuto che prevede tali privilegi assoluti non sarebbe omologabile.

Ratio Legis

La norma enuncia il principio di uguaglianza delle azioni: le azioni sono partecipazioni omogenee e standardizzate e ciascuna azione attribuisce identici diritti nella società e verso la società.

Spiegazione dell'art. 2348 Codice civile

La dottrina chiarisce che l'uguaglianza delle azioni è relativa e non assoluta, infatti possono essere create con lo statuto categorie di azioni fornite di particolari diritti. In tale ipotesi il principio di uguaglianza deve essere rispettato nell'ambito di ciascuna categoria.
L'uguaglianza è, inoltre, oggettiva e non soggettiva, nel senso che uguali sono i diritti che ciascuna azione attribuisce, non i diritti di cui ciascun azionista dispone.
Facendo riferimento alla posizione del singolo azionista, i diritti sociali possono essere distinti in tre categorie:
- diritti indipendenti dal numero di azioni possedute, quindi basta una sola azione per poter esercitare tali diritti, ad esempio il diritto di intervento in assemblea;
- diritti proporzionali al numero di azioni possedute, quali, ad esempio, il diritto di voto o il diritto di opzione;
- diritti che competono solo se si possiede una determinata percentuale del capitale, sono i c.d. diritti della minoranza, quali il diritto di impugnare le deliberazioni assembleari invalide (2377 3° comma) o di chiedere la convocazione dell'assemblea (2367).
La norma prevede l'ipotesi della creazione di azioni postergate nelle perdite, ossia di azioni che subiscono le perdite solo dopo che le perdite hanno colpito le altre azioni. La postergazione può essere totale, se le perdite incidono esclusivamente sulle altre azioni, oppure parziale se le perdite incidono sulle azioni ordinarie fino a un determinato ammontare, superato il quale la perdita torna a gravare in proporzione su tutte le azioni.

Massime relative all'art. 2348 Codice civile

Cass. civ. n. 6207/2013

In tema di recesso da società di capitali, laddove le azioni possedute dal socio receduto siano quotate nel mercato dei titoli, il valore di rimborso a lui spettante deve tener conto esclusivamente delle indicazioni di prezzo fornite dal mercato stesso in relazione a quelle azioni, non potendo, quindi, il titolare di azioni di risparmio dolersi del fatto che, in tal modo, si possa pervenire ad una determinazione di rimborso inferiore a quello spettante ai titolari di azioni ordinarie, non sussistendo alcuna violazione dell'art. 2348 cod. civ., atteso che il principio secondo cui tutte le azioni emesse dalla società attribuiscono uguali diritti trova espressa deroga, nel caso delle azioni di risparmio, nel disposto dell'art. 14, quarto comma, della legge 7 giugno 1974, n. 216.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2348 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Sergio C. chiede
martedì 10/03/2020 - Lombardia
“Aumento di capitale di spa non quotata.
Data la situazione attuale l’aumento di capitale non può essere collocato con un valore nominale delle azioni pari al nominale, ma solo al 50%.Aumento che sarebbe probabilmente sottoscritto solo da una parte dei soci.
Il c.c. prevede che le azioni abbiano tutte lo stesso valore nominale per cui non si può aumentare il capitale emettendo nuove azioni con un valore nominale inferiore a quelle già emesse. Occorrerà ’ effettuare una emissione con una diversa categoria/classe.
E’ corretto che le possa emettere con un valore nominale inferiore attribuendo ad esse una caratteristica di poco conto ad es. solo formale?”
Consulenza legale i 21/03/2020
La risposta al quesito richiede il richiamo, in prima battuta, dell’art. 2346, II comma, c.c. a mente del quale “Se determinato nello statuto, il valore nominale di ciascuna azione corrisponde ad una frazione del capitale sociale; tale determinazione deve riferirsi senza eccezioni a tutte le azioni emesse dalla società”.

Se, come pare di evincere dal quesito formulato, risulta essere stato attribuito un valore nominale alle azioni emesse, tutte le successive, e future, emissioni di azioni della stessa società non potranno essere effettuate ad un valore nominale inferiore a quelle già in circolazione.

La necessità di mantenere identico il valore delle azioni emesse nel corso della vita della società è confermata anche dalla previsione di cui all’art. 2348 c.c.: “Le azioni devono essere di uguale valore e conferiscono ai loro possessori uguali diritti”.

Pertanto, e venendo alla risposta al quesito formulato, non sembra corretta l’emissione di azioni ad un valore nominale pari al 50% di quelle già in circolazione, in quanto anche le azioni di nuova emissione dovranno avere come valore nominale il medesimo delle prime.

In seconda battuta, e rispondendo alla possibilità di poter emettere azioni di categoria differente rispetto a quelle in circolazione, detta possibilità è riconosciuta dal menzionato art. 2348 c.c.

Alla luce di tale previsione legislativa, potranno essere emesse, ad esempio, azioni senza diritto di voto, azioni con diritto di voto limitato a particolari argomenti, azioni con diritto di voto subordinato al verificarsi di particolari condizioni non meramente potestative, azioni con diritti correlati ai risultati dell'attività sociale in un determinato settore etc.

Testi per approfondire questo articolo