Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 14 Codice Civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/09/2020]

Atto costitutivo

Dispositivo dell'art. 14 Codice Civile

Le associazioni e le fondazioni devono essere costituite [16] con atto pubblico [2699] [3].

La fondazione può essere disposta anche con testamento.

Note


Brocardi

Universitas bonorum

Spiegazione dell'art. 14 Codice Civile

L'atto costitutivo è il fondamentale negozio giuridico preposto alla costituzione dell'ente; esso è un contratto plurilaterale con comunione di scopo, in genere aperto all'adesione di altri soggetti, necessario e prodromico (se nelle forme dell'atto pubblico) al riconoscimento; diversamente, l'associazione non riconosciuta ben potrà costituirsi senza l'osservanza della forma dettata dal presente articolo.

L'atto costitutivo delle fondazioni, oltre alla forma dell'atto pubblico unilaterale, può rivestire la forma del testamento (atto di ultima volontà del fondatore). Essenziale risulta essere l'atto di dotazione, con cui il fondatore costituisce il patrimonio necessario, destinato alla realizzazione dello scopo.
Inoltre, le fondazioni devono essere riconosciute (nel nostro ordinamento non sono ammissibili le fondazioni non riconosciute).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

45 E' stato osservato che le regole contenute nell'art. 14 del progetto definitivo potevano agevolmente desumersi dai principi generali. L'osservazione è esatta per ciò che riguarda l'impugnativa dell'atto di fondazione per lesione della legittima o per frode, ma non sembra che possa dirsi altrettanto per ciò che riguarda la intrasmissibilità agli eredi della facoltà di revoca, perché, nel silenzio della legge, siffatta facoltà si dovrebbe considerare trasmissibile. Sono stati mantenuti pertanto nell'art. 15 del c.c. i due primi commi dell'articolo 14 del progetto, salvo un lieve miglioramento formale. E' stato osservato che le disposizioni del primo e del terzo comma dell'art. 15 del progetto definitivo circa il riconoscimento di associazioni e di fondazioni, avendo una portata puramente regolamentare, troverebbero più appropriata sede nelle norme di attuazione. La proposta è apparsa fondata ed è stata accolta. Chè anzi, anche il secondo comma deve avere una stessa sorte, in quanto che stabilisce una modalità nella procedura per la concessione del riconoscimento, che non contrasta col principio affermato nel primo comma dell'art. 12 del c.c. del testo, e ne può costituire un ulteriore svolgimento.

Massime relative all'art. 14 Codice Civile

Cass. civ. n. 16409/2017

L'atto pubblico costitutivo di una fondazione, ai sensi dell'art. 14 c.c., avendo struttura di negozio unilaterale ed autonoma causa, consistente nella destinazione di beni per lo svolgimento in forma organizzata dello scopo statutario, non dà luogo ad un atto di donazione e non rientra, pertanto, fra gli atti per i quali è sempre necessaria la presenza di due testimoni, agli effetti dell'art. 48 della l. n. 89 del 1913, nella formulazione antecedente alla sostituzione operata dalla l. n. 246 del 2005.

Cass. civ. n. 21477/2007

L'atto col quale taluno eriga una fondazione, disponendo che i beni ed i redditi di essa siano destinati, dopo la morte del fondatore, ad un proprio erede legittimario, costituisce un legato disposto con un testamento assimilabile a quello olografo, a nulla rilevando che l'atto costitutivo della fondazione non sia stato scritto di pugno del testatore, ove comunque sia incontestabile l'autenticità della sua sottoscrizione. Ne consegue che, nel suddetto caso, l'acquisto effettuato dal beneficiario ha natura successoria ed è assoggettabile all'imposta sulle successioni.

Cass. civ. n. 16600/2007

La creazione di un'associazione presuppone un contratto (normalmente) plurilaterale, caratterizzato dal fatto che le prestazioni sono dirette al perseguimento di uno scopo collettivo, da realizzarsi attraverso lo svolgimento, in comune, di un'attività, ogni contraente trovando il corrispettivo della propria prestazione nella partecipazione al risultato a cui tende l'intera associazione; la formazione dell'atto costitutivo può essere non solo simultanea, ma anche continuata o successiva, secondo un procedimento nel quale il vincolo associativo si forma, progressivamente, attraverso le adesioni al programma, essendo escluso che la semplice possibilità di adesioni successive renda configurabile un'associazione (fattispecie in cui la S.C., in applicazione di tali principi, ha confermato la decisione di merito che aveva escluso la sussistenza del requisito della pluralità di soggetti nel caso di ente costituito unilateralmente con deliberazioni comunali, senza che ad esso avessero aderito, neppure successivamente, altri enti o soggetti).

Cass. civ. n. 3892/2004

La controversia circa la validità o l'efficacia dell'atto costitutivo di una fondazione (nella specie impugnato per simulazione e per frode alla legge) rientra, anche dopo che sia intervenuto il provvedimento di riconoscimento della personalità giuridica, nella giurisdizione del giudice ordinario, atteso che il negozio di fondazione integra un atto di autonomia privata, che non partecipa della natura del provvedimento amministrativo di riconoscimento, ma è regolato in relazione alla sua validità ed efficacia dalle norme privatistiche e genera rapporti di diritto privato e posizioni di diritto soggettivo. Nè, ove si tratti di una fondazione ecclesiastica, ciò è di ostacolo la disposizione dell'art. 20, primo comma, della legge 20 maggio 1985, n. 222, giacchè talé norma si limita a disciplinare le modalità con le quali viene recepito nell'ordinamento statuale il provvedimento dell'autorità ecclesiastica competente che sopprime l'ente o ne dichiara l'avvenuta estinzione, senza in alcun modo incidere sulla distinzione tra atto negoziale di costituzione dell'ente e provvedimento ecclesiastico che crea o sopprime la persona giuridica nell'ambito di quell'ordinamento, dovendosi d'altra parte escludere che il sindacato sulla validità o sull'efficacia del primo, da svolgere secondo le norme civilistiche, menomi il potere riservato all'autorità ecclesiastica di pronunciare sulla soppressione dell'ente. (Principio espresso in fattispecie disciplinata dalla normativa anteriore alla riforma di cui al regolamento approvato, in attuazione della legge 15 marzo 1997, n. 59, con D.P.R. 10 febbraio 2000, n. 361, recante norme per la semplificazione dei procedimenti di riconoscimento di persone giuridiche private e di approvazione delle modifiche dell'atto costitutivo e dello statuto).

Cass. civ. n. 8435/2000

Lo statuto e l'atto costitutivo di un'associazione non riconosciuta costituiscono espressione di autonomia negoziale, nell'ambito di un fenomeno (quello associativo) in cui il perseguimento di comuni interessi costituisce oggetto di un impegno contrattualmente assunto dai singoli associati; ne consegue che l'interpretazione dei suddetti atti è soggetta alla disciplina prevista per i contratti e che l'accertamento della volontà degli stipulanti costituisce indagine di fatto affidata in via esclusiva al giudice di merito e sindacabile in sede di legittimità solo per vizi di motivazione e violazione dei canoni legali di ermeneutica contrattuale.

Cass. civ. n. 11046/1997

Lo statuto dell'associazione nazionale podologi (ente di diritto privato) ha natura indiscutibilmente negoziale, e la sua interpretazione, da parte del giudice di merito, è censurabile, in sede di legittimità, soltanto per difetto di motivazione o per violazione delle regole di ermeneutica contrattuale previste dagli art. 1362 ss. c.c. (nella specie, la corte territoriale, nell'escludere che lo statuto "de quo" contenesse una deroga al disposto di cui all'art. 24 c.c. in tema di organi competenti a decidere sulla espulsione agli appartenenti all'associazione, aveva ritenuto che l'art. 8 del detto statuto - secondo il quale le decisioni per le controversie tra soci ed associazioni erano rimesse alla valutazione finale del consiglio direttivo - non fosse applicabile anche all'ipotesi dell'espulsione, in considerazione della "tipicità" di tale sanzione, richiamando, a conforto di tale interpretazione, il disposto del precedente art. 3, contenente espressa previsione della sanzione della espulsione per i soli atti "contrari alle finalità all'associazione". La S.C., nel confermare tale decisione, ha enunciato il principio di diritto di cui in massima).

Cass. civ. n. 3980/1997

Il quadro generale della disciplina delle associazioni (riconosciute o meno) è caratterizzato dall'assenza di qualsiasi previsione normativa che valga a configurare, a carico di un'associazione, un obbligo di accogliere le domande di ammissione di volta in volta presentate da chi si dimostri in possesso dei requisiti richiesti. Pertanto, nell'assenza di qualsivoglia obbligo di tal genere, l'ammissione resta, pur sempre, sia da parte dell'associazione, sia da parte di chi aspiri ad entrarvi, un atto di autonomia contrattuale, sicchè l'adesione ad un ente già costituito non si sottrae al requisito dell'accordo delle parti, necessario per la conclusione di ogni contratto. Nè ha pregio richiamare la disciplina dell'obbligo a contrarre che l'art. 2597 c.c. pone a carico del monopolista legale, ed invocarne l'applicazione analogica nel caso in esame. Una tale norma, infatti, prende in considerazione l'ipotesi dell'impresa che goda dell'esclusiva dell'offerta di beni o servizi, o in virtù di legge, o in base ad una concessione amministrativa, e, in armonia con il principio dell'utilità sociale di cui all'art. 41 Cost., fissa, a tutela del consumatore, l'obbligo di contrattare del monopolista. Ma, ovviamente, una tale disciplina - che già non può essere applicata analogicamente all'ipotesi del monopolista di fatto - meno che mai può trovare applicazione in una materia - quale quella delle associazioni - che si rende del tutto estranea alla tematica del monopolio.

Cass. civ. n. 1806/1997

L'atto di dotazione, correlato al negozio istitutivo di una fondazione contenuto, a norma dell'art. 14, secondo comma, c.c., in un testamento, può consistere non solo nell'attribuzione alla istituenda fondazione di un legato, ma anche in lascito di beni a titolo ereditario. (Nella specie peraltro, la S.C. ha confermato la sentenza impugnata che aveva qualificato come legato l'attribuzione patrimoniale relativa alla nuova fondazione, dando rilievo alla parte della motivazione della medesima sentenza basata sull'interpretazione della specifica volontà testamentaria).

Cass. civ. n. 1737/1996

Nel caso di fondazione costituita con testamento, le disposizioni del fondatore, le quali prevedano la destinazione a favore di terzi degli utili dei beni che costituiscono la dotazione dell'ente, determinano lo scopo della fondazione medesima e non prevedono, invece, a carico della stessa un modo, inteso nel senso di onere o peso che il gratificato di una liberalità subisca per volontà di chi ha fatto l'attribuzione e consistente nell'erogazione di una parte del vantaggio patrimoniale a favore del disponente o di terzi.

Cass. civ. n. 5192/1991

La norma dettata dall'art. 24 c. c. - secondo cui gli organi associativi possono deliberare l'esclusione dell'associato per gravi motivi - è applicabile anche alle associazioni non riconosciute ed implica per il giudice, davanti al quale sia proposta l'impugnazione della deliberazione di esclusione, il potere dovere di valutare, ex art. 1455 c. c., ove si tratti di fatti imputabili a titolo di dolo o di colpa dell'associato escluso, se essi siano gravi e non di scarsa importanza, non anche di valutare l'opportunità intrinseca della deliberazione stessa, dovendosi l'accertamento giudiziale ritenere limitato alla risoluzione della questione se si sia avverata in concreto una delle ipotesi previste dalla legge e dall'atto costitutivo per la risoluzione del singolo rapporto associativo.

Cass. civ. n. 6725/1988

In tema di associazioni, riconosciute o non riconosciute, il principio secondo il quale la deliberazione di esclusione dell'associato è di pertinenza dell'assemblea a norma dell'art. 24 3° comma c. c., è derogabile con lo statuto (atto contrattuale soggetto alle ordinarie regole di ermeneutica negoziale), il quale può attribuire il relativo potere ad organi diversi, salvo restando la facoltà dell'interessato di impugnare il provvedimento di esclusione con ricorso all'autorità giudiziaria.

Cass. civ. n. 2601/1986

L'associazione non riconosciuta, inquadrabile nello schema dell'art. 36 c. c., si configura come un ente collettivo costituente un centro autonomo di interessi fornito di un patrimonio distinto da quello dei singoli soci e, se pur priva di personalità giuridica, rappresenta comunque un soggetto di diritto, disciplinato dagli accordi stipulati dagli associati, la cui esistenza e contenuto possono essere provati anche per testi, richiedendosi la forma scritta solo limitatamente alle pattuizioni che conferiscono il godimento di beni immobili o di altri diritti immobiliari per un tempo eccedente i nove anni od indeterminato, ai sensi dell'art. 1350, n. 9 c. c.

Cass. civ. n. 4024/1984

In materia successoria le controversie relative (e limitate) alla validità ed efficacia del negozio di fondazione, inserito nel testamento, rientrano nella giurisdizione dell'ago, trattandosi di negozio avente natura privatistica, cui afferiscono posizioni di diritto soggettivo.

Cass. civ. n. 6683/1982

L'interpretazione delle clausole statutarie di un'associazione non riconosciuta è riservata al giudice del merito, il cui apprezzamento è incensurabile in sede di legittimità, se sostenuto da motivazione aderente ai criteri legali di ermeneutica contrattuale, dettati dagli art. 1362 e segg. c. c., ed immune da vizi (nella specie: la sentenza impugnata aveva ritenuto che l' del presidente del club promotore del giudizio, con riferimento alla quale l'art. 44 dello statuto prevedeva l'attribuzione del potere di rappresentanza al vicepresidente, fosse comprensiva anche dell'ipotesi, non espressamente contemplata, della della carica; la suprema corte ha giudicato corretta tale interpretazione, ritenendo, conseguentemente, non invocabile l'art. 78 c. p. c., che prevede la nomina di un curatore speciale nel caso in cui manchi la persona cui spetta la rappresentanza).

Cass. civ. n. 654/1968

Al negozio di fondazione, che è atto di privata autonomia, sono applicabili tutte le regole sancite per i contratti compatibili con il suo specifico contenuto e, quindi, anche quelle che regolano l'inserzione di clausole condizionali. Nell'atto di fondazione può essere posta come condizione di efficacia del negozio anche la concordanza tra lo statuto predisposto dal fondatore e quello approvato con l'atto amministrativo di riconoscimento, concordanza la cui sussistenza o mancanza si pone, nei confronti dell'atto del fondatore come evento estraneo all'autonomia di questi, ed il cui verificarsi è possibile sia in un senso che nell'altro.

Qualora sia posta come condizione di efficacia dell'atto di fondazione di una persona giuridica, la conformità dello statuto approvato dall'autorità amministrativa a quello predisposto dal fondatore, il difetto di essa assume una duplice rilevanza: quella di difetto di un presupposto e quindi di invalidità dell'atto di riconoscimento, e quella di difetto di efficacia dell'atto di fondazione (quanto meno con riguardo all'attribuzione patrimoniale). Di conseguenza si offre al fondatore la possibilità di esercizio di una duplice pretesa; quella di invalidazione del provvedimento amministrativo, esercitabile dinanzi alla giurisdizione amministrativa, e quella di caducazione del negozio privato la quale, in quanto concerne l'attuazione di un negozio di diritto privato, l'efficacia o meno di questo e le conseguenze dell'asserita inefficacia (restituzione dei beni trasferiti per difetto dell'atto traslativo), è proponibile dinanzi all'autorità giudiziaria ordinaria.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 14 Codice Civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

ENRICO M. chiede
martedì 11/08/2020 - Marche
“Con riferimento alla situazione di seguito descritta si richiede il Vostro parere legale circa la correttezza dei passaggi seguiti.

Antefatto: in una Associazione culturale si dimette, per ragioni personali, un componente del Consiglio Direttivo che riveste anche la carica di Vice Presidente, il quale chiede comunque di rimanere come socio.

La questione viene affrontata nel seguente modo:

1) Il Direttivo a maggioranza accetta le dimissioni e comunica all'interessato con lettera l'accettazione delle dimissioni; nulla in contrario al mantenimento della veste di socio dell'Associazione.

2) Il Direttivo sostituisce il dimissionario con il primo dei non eletti ed elegge al proprio interno il nuovo Vice Presidente.

Quanto deciso ai precedenti punti 1 e 2 verrà portato alla prossima Assemblea annuale ordinaria dei soci.
Qui però, in assenza di precise disposizioni statutarie, sorgono i seguenti dubbi:

a) se nei confronti dell' Assemblea ci debba essere solo una semplice comunicazione e quindi una mera presa d'atto oppure se, con particolare riferimento all'avvicendamento tra il dimissionario e il primo dei non eletti, vi debba essere l'approvazione dell'Assemblea e quindi, in ipotesi, anche la richiesta da parte dell'Assemblea stessa di procedere alla sostituzione non mediante semplice cooptazione ma con una votazione (si fa presente che fra sette mesi il Direttivo andrà a scadenza statutaria e pertanto dovrà essere rinnovato);

b) se, nelle more dell'Assemblea, la delibera di sostituzione del dimissionario si possa considerare immediatamente esecutiva, cioè se il nuovo componente possa fin da subito entrare a far parte del Direttivo.

Si ringrazia per l'attenzione e per la risposta.”
Consulenza legale i 31/08/2020
L’assenza di una specifica disciplina statutaria in punto di sostituzione di un membro del Consiglio Direttivo di una associazione rende possibile (e quindi legittima) la possibilità procedere alla sostituzione del membro dimissionario del Consiglio Direttivo da parte dell’Associazione per mezzo della nomina al suo interno del primo dei non eletti, così come risulta essere stato fatto nel caso di specie. Non v’è, pertanto, alcun obbligo di procedere ad una successiva delibera dell’Assemblea di nomina di detto nuovo membro.

In relazione, invece, al quesito di cui alla lettera b), si evidenzia come l’efficacia della nomina del nuovo membro del Consiglio Direttivo è da rinvenirsi nel momento in cui quest’ultimo accetta detta nomina.

Lorena P. chiede
martedì 01/03/2011 - Puglia

“Esiste una regolamentazione nel Codice Civile in base alla quale è fatto obbligo di distribuire a tutti i soci di una associazione i verbali delle assemblee?
Grazie”

Consulenza legale i 02/03/2011

Esiste una norma nel codice civile che riguarda, però, le società di capitali ed è l'art. 2422 del c.c. rubricato "diritto di ispezione dei libri sociali" che permette ai soci di esaminare e di ottenere copia anche dei verbali grazie al rinvio operato al punto 3 dell'art. 2421 del c.c..
Sennonchè nella disciplina codicistica delle Associazioni non si rinviene una norma analoga che detti una precisa prescrizione concernente il diritto di accesso agli atti e ai provvedimenti dell’ente, comprensiva, dunque, della facoltà di richiedere in qualsiasi momento copia dei verbali delle sedute dell’Assemblea o di un altro organo di gestione o degli atti formali assunti.
Si evidenzia, comunque, che l’art. 16 del c.c. prescrive che l’atto costitutivo e lo statuto dell’ente devono stabilire i diritti e gli obblighi degli associati, tra i quali dovrebbe essere comunque annoverato una forma di diritto di accesso agli atti.


Testi per approfondire questo articolo

  • I soggetti. Gli enti non commerciali

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 160
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 24 €

    Il volume traccia un quadro della figura dell'ente collettivo non commerciale, come delineata dalle disposizioni del codice civile, dalle novelle ad esso apportate e dalle leggi speciali. Si ripercorrono i temi della soggettività e della personalità giuridica, della struttura organizzativa caratterizzanti i diversi tipi di enti rinvenienti dalle leggi e dalla prassi, si esaminano i profili della responsabilità gestoria. Con specifico riferimento alle associazioni si... (continua)