Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 12 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

(D.lgs. 4 marzo 2010, n. 28)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Efficacia esecutiva ed esecuzione

Dispositivo dell'art. 12 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

1. Ove tutte le parti aderenti alla mediazione siano assistite da un avvocato, l'accordo che sia stato sottoscritto dalle parti e dagli stessi avvocati costituisce titolo esecutivo per l'espropriazione forzata, l'esecuzione per consegna e rilascio, l'esecuzione degli obblighi di fare e non fare, nonché per l'iscrizione di ipoteca giudiziale. Gli avvocati attestano e certificano la conformità dell'accordo alle norme imperative e all'ordine pubblico. L'accordo di cui al periodo precedente deve essere integralmente trascritto nel precetto ai sensi dell'articolo 480, secondo comma, del codice di procedura civile. In tutti gli altri casi l'accordo allegato al verbale è omologato, su istanza di parte, con decreto del presidente del tribunale, previo accertamento della regolarità formale e del rispetto delle norme imperative e dell'ordine pubblico. Nelle controversie transfrontaliere di cui all'articolo 2 della direttiva 2008/52/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 maggio 2008, il verbale è omologato dal presidente del tribunale nel cui circondario l'accordo deve avere esecuzione(1).

2. Il verbale di cui al comma 1 costituisce titolo esecutivo per l'espropriazione forzata, per l'esecuzione in forma specifica e per l'iscrizione di ipoteca giudiziale.

Note

(1) Il D.L. 21 giugno 2013, n. 69, convertito con modificazioni dalla L. 9 agosto 2013, n. 98 ha disposto (con l'art. 84, comma 2) che "Le disposizioni di cui al comma 1 si applicano decorsi trenta giorni dall'entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto."

Spiegazione dell'art. 12 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

Tale disposizione rappresenta una delle più significative novità introdotte dalla riforma. La norma in commento stabilisce infatti che, allorquando tutte le parti che aderiscono alla mediazione siano assistite da un avvocato, l’accordo che sia stato sottoscritto dalle parti e dagli stessi avvocati costituisce titolo esecutivo per l’espropriazione forzata, per l'esecuzione per consegna e rilascio e degli obblighi di fare e non fare, nonché per l'iscrizione dell’ipoteca giudiziale. Gli avvocati giocano un ruolo fondamentale poiché, sottoscrivendo l’accordo, attestano e certificano la conformità dello stesso rispetto alle norme imperative ed all’ordine pubblico.
Il mantenimento della previsione dell’omologa da parte del Presidente del Tribunale induce a ritenere che vi possano essere ipotesi nelle quali le parti non siano assistite dagli avvocati, ma ciò contrasta con il dato normativo di cui all’art. 8 del D.lgs. 28 del 2010. Quest’ultimo articolo prevede, infatti, l’obbligatorietà dell’assistenza di un legale in mediazione, introdotta dal D.L. 69/2013 convertito in legge dalla L. 98/2013.
Tale necessità di omologa da parte del Presidente del Tribunale, quindi, potrebbe più facilmente ritenersi applicabile a quei casi in cui gli avvocati che assistono le parti non ritengano di poter sottoscrivere l’accordo.

In ogni caso, se l’accordo è contrario a norme imperative e di ordine pubblico, lo stesso non sarà omologabile da parte del Presidente del Tribunale; si tratterebbe, infatti, di un accordo giuridicamente invalido, non suscettibile di essere portato ad esecuzione. Ciò non toglie che l’accordo resti valido per le parti che l’hanno sottoscritto, che sono libere di eseguirlo spontaneamente.
In caso di controversie transfrontaliere, poi, la norma non fa riferimento alla disciplina della sottoscrizione-attestazione da parte degli avvocati. Si deve quindi ritenere che in questo caso l’unico meccanismo valido per conferire efficacia esecutiva all’accordo sia quello dell’omologa da parte del Presidente del Tribunale.

L'accordo conciliativo concluso in mediazione ottiene efficacia immediatamente esecutiva con l'apposizione di una clausola che solitamente recita: “Gli avvocati sottoscrivono il presente accordo per certificarne la conformità alle norme imperative e all'ordine pubblico ai sensi e per gli effetti dell'art. 12 del D. Lgs 28/2010”. L'accordo conciliativo, così perfezionato, deve poi essere allegato al verbale di mediazione (D. Lgs 28/2010, art. 11, comma 1).

L’art. 475 del c.p.c. stabilisce che l'apposizione della formula esecutiva munisce di efficacia esecutiva gli atti dell'autorità giudiziaria o dei pubblici ufficiali, “salvo che la legge disponga altrimenti”. Il D. Lgs 28/2010, all’art. 12, riconosce infatti efficacia esecutiva ex lege all'accordo di conciliazione, senza bisogno di apporvi la formula esecutiva. Tuttavia, è comunque possibile rivolgersi al Tribunale per apporre la formula esecutiva all'accordo di conciliazione.
La formula esecutiva, viceversa, è necessaria, ai sensi del medesimo art. 475, allorquando il presidente del tribunale abbia omologato l'accordo conciliativo, se gli avvocati delle parti non lo avessero sottoscritto ai sensi e per gli effetti del D. Lgs 28/2010.

Infine, l'articolo in commento stabilisce che l'accordo di conciliazione “deve essere integralmente trascritto nel precetto”. L'avvocato procederà, quindi, alla trascrizione del testo dell'accordo conciliativo nel precetto (proprio come avviene per le cambiali e per gli assegni) e l'ufficiale giudiziario ne attesterà poi la conformità all'originale.

L’avvocato che cura l'esecuzione dovrà notificare all'altra parte l'atto di precetto e il verbale di mediazione con l'accordo conciliativo allegato, che l'ufficiale giudiziario ha precedentemente attestato conformi agli originali. Dopodiché, si potrà procedere all'esecuzione forzata.

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 12 Mediazione finalizzata alla conciliazione delle controversie civili e commerciali

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

E. F. chiede
giovedģ 24/11/2022 - Lazio
“Abbiamo fatto un accordo conciliativo conclusosi il 07/07/2022, per la divisione di un lotto di terreno con sopra 4 BOX. Premetto che siamo 4 proprietari, la domanda è: due proprietari non hanno soldi sufficienti per il seguente motivo, all'inizio di questa controversia dovevamo ristrutturare la palazzina di 4 appartamenti poi sospesa per motivi legati alla mediazione Box. Conclusasi la mediazione sopra descritta abbiamo detto, tutti d'accordo, facciamo i lavori della palazzina. Ora l'impresa citata nella mediazione ha detto di iniziare i lavori dei Box, ma ci sono 2 proprietari che non anno soldi sufficienti per affrontare questa spesa, e però c'è un proprietario che citando l'accordo conciliativo vuole fare subito i lavori. Cosa possiamo fare per rimandare questi lavori ? Grazie cordiali saluti.”
Consulenza legale i 06/12/2022
Il verbale di chiusura positiva della mediazione, quando tutte le parti siano assistite da un avvocato (come nel nostro caso), costituisce titolo esecutivo per l'espropriazione forzata, l'esecuzione per consegna e rilascio, l'esecuzione degli obblighi di fare e non fare, nonché per l'iscrizione di ipoteca giudiziale (art. 12, D. Lgs. n. 28/2010).
Questo significa che quanto previsto in tale atto può essere azionato davanti al Giudice dell’esecuzione nei confronti dei proprietari “recalcitranti”.
Dal tenore del verbale, dalla descrizione dello stato dei box e dal fatto che in esso vengono richiamati alcuni preventivi (non inviati allo scrivente), si comprende che l’intenzione delle parti sia quella di avviare i lavori in tempi ravvicinati (in caso contrario i preventivi non sarebbero infatti più attuali).
Tuttavia, si nota che negli accordi sono stabilite le prestazioni a carico di ciascuna parte, ma non sembra indicato un termine entro il quale queste debbano essere iniziate o comunque eseguite.
Tale mancanza potrebbe essere citata per rinviare il momento di avvio dei lavori.
In ogni caso, di fronte a un’obiezione di questo tipo si può ipotizzare che l’altra parte invii una diffida fissando un termine per l’esecuzione, una volta trascorso il quale si potrà procedere con la notificazione del precetto e l’avvio dell’esecuzione, a meno di non “attaccare” direttamente la validità dell’accordo stesso (ma questa strada appare a prima vista più complicata).

Pertanto, visto che la conflittualità tra le parti sembra ancora abbastanza elevata e che costringere l’altra parte a agire in giudizio farebbe soltanto aumentare le spese a carico di tutti, si consiglia di optare per un compromesso con la controparte e concordare il momento di avvio dei lavori in una data conveniente per tutti.