Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 107 Legge fallimentare

(R.D. 16 marzo 1942, n. 267)

Modalità delle vendite

Dispositivo dell'art. 107 Legge fallimentare

(1) Le vendite e gli altri atti di liquidazione posti in essere in esecuzione del programma di liquidazione sono effettuati dal curatore tramite procedure competitive anche avvalendosi di soggetti specializzati, sulla base di stime effettuate, salvo il caso di beni di modesto valore, da parte di operatori esperti, assicurando, con adeguate forme di pubblicità, la massima informazione e partecipazione degli interessati (2). Le vendite e gli atti di liquidazione possono prevedere che il versamento del prezzo abbia luogo ratealmente; si applicano, in quanto compatibili, le disposizioni di cui agli articoli 569, terzo comma, terzo periodo, 574, primo comma, secondo periodo e 587, primo comma, secondo periodo, del codice di procedura civile. In ogni caso, al fine di assicurare la massima informazione e partecipazione degli interessati, il curatore effettua la pubblicità prevista dall'articolo 490, primo comma, del codice di procedura civile, almeno trenta giorni prima dell'inizio della procedura competitiva.

Il curatore può prevedere nel programma di liquidazione [104 ter] che le vendite dei beni mobili, immobili e mobili registrati vengano effettuate dal giudice delegato secondo le disposizioni del codice di procedura civile in quanto compatibili (3).

Per i beni immobili e gli altri beni iscritti nei pubblici registri, prima del completamento delle operazioni di vendita, è data notizia mediante notificazione da parte del curatore, a ciascuno dei creditori ipotecari o comunque muniti di privilegio (4).

Il curatore può sospendere la vendita ove pervenga offerta irrevocabile d'acquisto migliorativa per un importo non inferiore al dieci per cento del prezzo offerto (5).

Degli esiti delle procedure, il curatore informa il giudice delegato ed il comitato dei creditori, depositando in cancelleria la relativa documentazione.

Se alla data di dichiarazione di fallimento sono pendenti procedure esecutive, il curatore può subentrarvi; in tale caso si applicano le disposizione del codice di procedura civile; altrimenti su istanza del curatore il giudice dell'esecuzione dichiara l'improcedibilità dell'esecuzione, salvi i casi di deroga di cui all'articolo 51.

Con regolamento del Ministro della giustizia, da adottare ai sensi dell'articolo 17, comma 3, della legge 23 agosto 1988, n. 400, sono stabiliti requisiti di onorabilità e professionalità dei soggetti specializzati e degli operatori esperti dei quali il curatore può avvalersi ai sensi del primo comma, nonché i mezzi di pubblicità e trasparenza delle operazioni di vendita.

Note

(1) Articolo così sostituito dal d.lgs. 5/2006.
(2) Comma così modificato con d.lgs. 169/2007.
La scelta della forma di pubblicità è lasciata al curatore, essendo sufficiente che si tratti di un mezzo idoneo ad assicurare l'informazione e la partecipazione degli interessati (es. comunicazioni in via telematica).
(3) Comma aggiunto con d.lgs. 169/2007.
(4) Comma così modificato con d.lgs. 169/2007.
Il curatore potrà prevedere nel programma di liquidazione la possibilità di ricorrere al g.d. per l'effettuazione delle vendite secondo le modalità stabilite dal codice di procedura civile, nonché di poter utilizzare la trattativa privata, anche per i beni mobili registrati (es. automobili, imbarcazioni).
(5) Il legislatore del 2006 ha introdotto la possibilità di pervenire a vendite private, se più convenienti. Poiché si tratta di operazioni potenzialmente sospette, il curatore è obbligato a informare il giudice delegato e il comitato dei creditori mediante deposito della documentazione in cancelleria.

Ratio Legis

Le procedure di vendita sono state modificate per rispondere ad esigenze di semplificazione e speditezza.

Rel. ill. riforma fall. 2007

(Relazione Illustrativa al decreto legislativo 12 Settembre 2007, n. 169)

7 L’articolo 7 del decreto legislativo, reca disposizioni correttive del Titolo II, Capo VI della legge fallimentare.
Il comma 6 reca modifiche all’articolo 107 del r.d.
Il nuovo secondo comma dell’articolo in commento ha la funzione di permettere al curatore di prevedere, nel programma di liquidazione, che determinate vendite vengano effettuate direttamente dal giudice delegato secondo le disposizioni del codice di rito (vendita con o senza incanto).
La modifica dell’articolo 107, secondo comma (nuovo terzo comma), serve ad estendere, uniformandolo, il regime della vendita dei beni immobili agli autoveicoli, nonché a navi, galleggianti e aeromobili. Una volta introdotta la possibilità di vendita a trattativa privata per gli immobili, non è giustificabile per i beni di cui al codice della navigazione mantenere il diverso regime stabilito da quel codice.

Massime relative all'art. 107 Legge fallimentare

Cass. civ. n. 17334/2002

In caso di procedure esecutive che possono trovare prosecuzione in pendenza di fallimento, è data facoltà al curatore di avvalersi di esse (consentendo che l'attività liquidatoria si svolga per loro tramite e partecipando per conto della massa alla ripartizione del ricavato), oppure di procedere direttamente all'esecuzione concorsuale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 107 Legge fallimentare

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Michelangelo D. F. chiede
lunedì 17/12/2018 - Veneto
“E' corretta questa procedura in una vendita fallimentare all'incanto di beni mobili (ivi compresi due autocarri) per cui sino al momento del saldo (previsto entro venti giorni dalla gara):
"il curatore può sospendere la vendita ove pervenga offerta irrevocabile d'acquisto migliorativa per un importo non inferiore al dieci per cento del prezzo offerto”, e ii) ai sensi dell’art. 108 1 comma, L.F." ?”
Consulenza legale i 24/12/2018
In primo luogo, va sottolineato come la norma cui fa riferimento il quesito non sia l’art. 108 L.F. ma più correttamente l’art. 107 L. F..
Il primo, infatti, si riferisce ai poteri del Giudice Delegato.

Ciò chiarito, va detto che è difficile rispondere al quesito senza aver prima visionato il programma di liquidazione predisposto dal Curatore e, comunque, senza avere ulteriori informazioni in merito alla procedura in oggetto.
Il Curatore, infatti, entro 60 giorni dalla redazione dell'inventario dei beni, deve predisporre un programma di liquidazione, programma che deve essere sottoposto al vaglio del comitato dei creditori e all'approvazione del Giudice Delegato. E’ in questo momento che il curatore deve indicare al comitato dei creditori e al Giudice Delegato quali siano le modalità con le quali provvederà ad alienare i beni immobili e mobili oggetto del fallimento ed è questo il momento in cui il curatore deve indicare quali delle “procedure competitive” (ai sensi del citato art. 107 L.F.) intenderà utilizzare per ottenere il massimo attivo possibile.

Ebbene, nell’ipotesi in cui il curatore chieda al Giudice Delegato, ai sensi dell’art. 107, secondo comma, L.F., di procedere lui stesso alle vendite, il legislatore prevede che egli debba procedere alla liquidazione dei beni “secondo le disposizioni del codice di procedura civile in quanto compatibili”, quindi secondo un “modello chiuso”. In questo caso, quindi, il giudice o il delegato del giudice dovranno procedere alla liquidazione dei beni mobili, immobili e mobili registrati secondo il modello della vendita con incanto o senza incanto senza che il modello stesso possa in alcun modo essere modificato, peculiarità questa invece, che possono avere le vendite del curatore o dei suoi delegati.
La giurisprudenza afferma sul punto: “In tema di liquidazione dell'attivo fallimentare, qualora il curatore ricorra alle modalità di vendita prefissate dal codice di procedura civile divengono applicabili alla liquidazione le sole norme previste dal codice di rito, restando esclusa la possibilità di applicare tanto l'istituto della sospensione della vendita che l'art. 107, quarto comma, l. fall. riconosce al curatore, quanto quello della sospensione delle operazioni di vendita che l'art. 108, primo comma, l. fall. riconosce al giudice delegato.” (Cass. civ. Sez. I Sent., 11/04/2018, n. 9017).

In buona sostanza, il curatore ha discrezionalità piena nella scelta delle procedura competitive da seguire: “L'art. 107 legge fall. (…) nel prevedere che le operazioni di vendita e liquidazione del compendio immobiliare possano essere disposte direttamente dal curatore senza ricorrere al giudice delegato, non impone alcun vincolo che non sia quello di adottare procedure competitive sulla base di un prezzo di stima, che assicurino la massima partecipazione possibile di interessati, posti su un piano di parità informativa conseguito con adeguata pubblicità, non essendo tenuto il curatore a seguire, a pena d'invalidità, le forme previste dal codice di procedura civile.” (Cass. civ. Sez. I Sent., 19/10/2011, n. 21645).
Secondo la giurisprudenza già citata, tuttavia, nel momento in cui egli opta per l’applicazione delle regole di cui al codice di procedura civile gli è preclusa l’applicazione delle modalità speciali di cui alla legge fallimentare.

Per tornare al quesito, dunque, come già detto, occorrerebbe capire come e secondo quali regole il Curatore abbia programmato la liquidazione: in effetti, se è stata disposta la vendita secondo le regole del codice di rito, il Curatore non potrà esercitare il potere di cui all’art. 107 L.F.


Andrea M. chiede
venerdì 19/10/2018 - Estero
“Buongiorno, in data 28 settembre 2018 ho partecipato ad un'asta con incanto e sono risultato aggiudicatario provvisorio per un importo pari a 261.000 Euro. Ieri mi è stato comunicato dal liquidatore che 10 giorni dopo l'asta ha ricevuto una offerta da una società superiore del 10% al prezzo di aggiudicazione e ha deciso di sospendere il processo di aggiudicazione. (in base all'art. 107 comma 4 della legge fallimentare.)
Mi rendo conto che la procedura adottata dal liquidatore è corretta, vorrei sapere tuttavia se e cosa posso fare per verificare che non siano stati commessi errori formali tali per cui io possa provare a inficiare l'offerta più alta pervenuta.”
Consulenza legale i 25/10/2018
Va innanzitutto precisato che il potere del curatore di sospendere la vendita previsto dal citato art. 107 della legge fallimentare (R.D. n. 267/1942) non può essere esercitato in qualsiasi momento. Il curatore, in effetti, ha sicuramente ampia discrezionalità sulla determinazione delle modalità di vendita. Tuttavia, le modalità ed i termini per la presentazione di offerte migliorative – come quella che è stata presentata nel caso di specie – successive all’aggiudicazione provvisoria, nonché quelli per la successiva sospensione della vendita, non sono purtroppo disciplinate dal legislatore.
La fissazione di un termine, dunque, entro il quale può essere esercitato il suddetto potere, è rimessa all’iniziativa del curatore stesso, che lo precisa nella predisposizione del bando di gara, pur senza averne alcun obbligo (il bando, cioè, rimane valido anche se tale fissazione viene omessa: nel caso in esame, ad esempio, il disciplinare della vendita non contiene informazioni utili su questa eventualità).

Secondo la (poca) giurisprudenza in materia, tuttavia, esiste una precisa sequenza tra ruolo del curatore e ruolo del Giudice Delegato nel governare la vendita: quello del curatore si esaurisce nella trasmissione degli atti relativi alla vendita (ed all’aggiudicazione ovviamente) al Giudice Delegato, trasmissione a seguito della quale il curatore si spoglia definitivamente del potere di rimettere in discussione l’aggiudicazione provvisoria.
Dopo il deposito degli atti in Cancelleria, infatti, solo il Giudice avrà il potere di sospendere la vendita ai sensi dell’art. 108 della legge fallimentare, a seguito di eventuali tempestive istanze dei soggetti interessati o quando ricorrano gravi e giustificati motivi (si veda in proposito Trib. Udine, decreto 14 novembre 2016, rel. Zuliani).

Tornando al quesito, il momento esatto in cui il curatore ha sospeso la vendita (particolare che purtroppo non emerge dal contenuto della comunicazione inviata all'aggiudicatario provvisorio) è uno degli aspetti sicuramente da verificare e valutare nel caso di specie: si dovrà capire, insomma, se il curatore abbia esercitato il suo potere di sospensione prima o dopo la trasmissione al Giudice Delegato degli atti relativi alla vendita.

Per effettuare, in ogni caso, ogni opportuna verifica e controllo sulla regolarità formale della procedura e sulla condotta del curatore, non si può che chiedere di prendere visione del fascicolo del fallimento.
Tale diritto è assicurato ai terzi interessati dall’art. 90 della legge fallimentare, il quale recita: "Immediatamente dopo la pubblicazione della sentenza di fallimento, il cancelliere forma un fascicolo, anche in modalità informatica, munito di indice, nel quale devono essere contenuti tutti gli atti, i provvedimenti ed i ricorsi attinenti al procedimento, opportunamente suddivisi in sezioni, esclusi quelli che, per ragioni di riservatezza, debbono essere custoditi separatamente.
(….) III. Gli altri creditori ed i terzi hanno diritto di prendere visione e di estrarre copia degli atti e dei documenti per i quali sussiste un loro specifico ed attuale interesse, previa autorizzazione del giudice delegato, sentito il curatore
.”

Si suggerisce, dunque, nel caso in esame, di conferire apposita procura ad un legale (che, assai meglio del non addetto ai lavori, conosce l’ambiente e sa come muoversi all’interno della Cancelleria del Tribunale) affinché depositi istanza al Giudice Delegato per poter prendere visione del fascicolo del Fallimento ed estrarre copia, eventualmente, di tutti gli atti e i documenti che riguardano la fase successiva all’aggiudicazione, la presentazione dell’offerta migliorativa e i “movimenti” del curatore, con le date.
Il consiglio, però, è di procedere rapidamente con le verifiche: gli strumenti processuali per presentare reclami ed opposizioni - sia in ambito fallimentare che esecutivo in generale - solitamente hanno tempi di decadenza molto ristretti.