Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 634 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Turbativa violenta del possesso di cose immobili

Dispositivo dell'art. 634 Codice penale

Chiunque, fuori dei casi indicati nell'articolo precedente, turba, con violenza alla persona [581 2] o con minaccia(1), l'altrui pacifico possesso di cose immobili(2), è punito con la reclusione fino a due anni e con la multa da centotre euro a trecentonove euro.

Il fatto si considera compiuto con violenza o minaccia quando è commesso da più di dieci persone [112 n. 1](3).

Note

(1) Si tratta di comportamenti comportanti una molestia, che non sfocia mai però nello spossessamento.
(2) Il possesso si dice pacifico quando è acquisito e mantenuto in assenza di violenza o clandestinità.
(3) Il comma secondo configura una presunzione legale di condotta violenta, che di conseguenza prescinde dall'accertamento delle modalità attuative della condotta.

Ratio Legis

La norma, che ha natura sussidiaria, trova il proprio fondamento di garantire una copertura penale anche al possesso pacifico dei beni immobili.

Spiegazione dell'art. 634 Codice penale

La norma in esame è posta a tutela dell'inviolabilità della proprietà altrui e del suo libero godimento.

Il delitto è posto in rapporto di sussidiarietà con quello precedente (633), e punisce le turbative della proprietà altrui messe in atto con violenza o minaccia.

A causa del fatto che il soggetto agente non può, pena la configurabilità di altri reati, entrare nel terreno altrui o invadere la proprietà altrui, il legislatore ha specificato che la violenza o la minaccia sussiste solamente quando il fatto è commesso da più di dieci persone, che turbano il libero godimento della proprietà altrui attorniando il perimetro esterno, senza entrarvi.

Massime relative all'art. 634 Codice penale

Cass. pen. n. 24739/2010

Il reato di deturpamento e imbrattamento di cose altrui è sussidiario rispetto a quello di danneggiamento, sicché è configurabile ove il bene, deturpato o imbrattato, non sia stato distrutto, disperso, deteriorato o reso in tutto o in parte inservibile.

Cass. pen. n. 2308/1997

In tema di turbativa violenta del possesso di cose immobili, rientrano nella previsione della norma di cui all'art. 634 c.p. anche le situazioni possessorie — non contraddistinte attualmente dalla presenza viziante della vis o della clandestinità — aventi il contenuto delle servitù, siano esse apparenti e non apparenti; e ciò in quanto, ai fini della tutela penale, nessun senso avrebbe operato tale distinzione privatistica, che nemmeno ha rilevanza nell'ambito della tutela possessoria e che è presa in considerazione dal legislatore civile esclusivamente in relazione alla possibilità dell'usucapione (art. 1061 c.c.). (Fattispecie in tema di servitù di passaggio).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Diritto penale. Parte speciale
    Tutela penale del patrimonio

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 36,00 -5% 34,20 €

    Sommario

    Collaboratori. – Introduzione ai delitti contro il patrimonio. – I. Il patrimonio come oggetto di tutela (D. Pulitanò). – II. Concetti fondamentali fra penale e civile (D. Pulitanò). – III. Profili di parte generale (D. Pulitanò). – IV. Il sistema sanzionatorio (D. Pulitanò). – Parte Prima: Delitti contro il patrimonio. – I. Furto (G. Dodaro). – II. Appropriazione indebita (G.... (continua)

  • La clausola penale usuraria

    Autore: Bivona Elsa
    Editore: Aracne
    Collana: Biblioteca di diritto civile
    Pagine: 144
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 10 €
    Categorie: Usura

    Lo studio affronta il tema della clausola penale e la questione, assai controversa, delle tecniche di tutela da impiegare per il caso in cui essa si riveli usuraria. Dall'esame del dibattito in materia emergono da subito le numerose incertezze sull'argomento: da un lato, con riferimento all'ammissibilità o meno di un controllo usurario delle promesse di vantaggi moratori, revocata in dubbio soprattutto da coloro che sottolineano la mancata considerazione degli interessi moratori... (continua)

  • L'atto dispositivo nei delitti contro il patrimonio. Sezioni e intersezioni del sistema penale

    Editore: Giappichelli
    Collana: Itinerari di diritto penale
    Data di pubblicazione: settembre 2013
    Prezzo: 17,00 -5% 16,15 €

    La modernità del diritto penale si riflette sul settore dei reati contro il patrimonio, dove si intrecciano vecchie e nuove questioni interpretative. Spunti di analisi sono dettati dalla recente giurisprudenza, che definisce l'"atto di disposizione patrimoniale" tipizzato nel delitto di truffa nei termini di un fatto di arricchimento a spese di chi dispone di beni patrimoniali, il quale lo realizza in quanto destinatario dell'inganno. La collaborazione della vittima per effetto del... (continua)

  • Trattato di diritto penale. Parte speciale vol. 10-11

    Collana: Trattato di diritto penale
    Pagine: 448
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    L’opera, a cui viene allegato un DVD, raccoglie tutto ciò che è citato nel testo dei volumi X (“I delitti contro il patrimonio”) e XI (“Delle contravvenzioni in particolare”) e, nello specifico, nel cartaceo saranno inseriti:

    - articoli dei codici citati (anche dei codici stranieri) e normativa speciale;

    - bibliografia.

    Nel DVD invece saranno inseriti:

    - articoli dei codici citati (anche dei codici stranieri) e... (continua)

  • Codice penale. Rassegna di giurisprudenza e di dottrina [vol. 12.2]
    Volume XII - Libro II - Artt. 624-649

    Editore: Giuffrè
    Collana: Rassegna codice penale
    Data di pubblicazione: gennaio 2011
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    La denominazione di Rassegna di giurisprudenza e di dottrina, con la precedenza data alla parola "giurisprudenza", sta a significare che l'intento dell'opera è prevalentemente pratico. Perciò essa è diretta a dare un'informazione completa sul significato normativo delle disposizioni del codice penale muovendo dalla giurisprudenza, della quale riporta in modo diffuso anche la casistica, ma dà pure conto, in modo puntuale ed esaustivo, delle opinioni della... (continua)