Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 509 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Composizione della somma ricavata

Dispositivo dell'art. 509 Codice di procedura civile

La somma da distribuire è formata da quanto proviene a titolo di prezzo o conguaglio (1) delle cose vendute o assegnate [540 3, 585 1, 590], di rendita o provento delle cose pignorate [594] (2), di multa (3) e risarcimento di danno da parte dell'aggiudicatario [494 3, 495, 540 2, 574 3, 587] (4).

Note

(1) La norma si riferisce alla c.d. massa attiva, ovvero la massa da distribuire. Innanzitutto, la massa è composta dal prezzo o conguaglio delle cose vendute o assegnate.
Nello specifico, il conguaglio consiste nella somma che l'assegnatario deve pagare nel caso in cui il valore del bene assegnato sia superiore al credito vantato dall'assegnatario stesso. Di fatto, l'assegnazione di un bene ed il pagamento del conguaglio danno luogo alla c.d. mista.
(2) Per rendite o proventi delle cose pignorate si intendono i frutti civili e naturali delle cose pignorate. Infatti, i frutti sono destinati a soddisfare i creditori concorrenti, tolte le spese necessarie.
(3) La multa a cui si riferisce la norma coincide con la cauzione versata da coloro che intendono concorrere all'incanto nell'espropriazione immobiliare (v. 580). Infatti, se l'offerente non diviene aggiudicatario, la cauzione gli viene restituita dopo la chiusura dell'incanto; se l'offerente diviene aggiudicatario, la cauzione garantisce il pagamento del prezzo nel termine fissato dal giudice. Infine, nel caso di una sua inadempienza, l'aggiudicatario perde la cauzione a titolo di multa (v. 587).
(4) La voce "risarcimento di danno" di cui alla norma in analisi, consiste nella somma dovuta dall'aggiudicatario che risulti inadempiente in ordine all'obbligo di versare il prezzo. In tale caso, infatti, se l'aggiudicatario non versa tempestivamente e integralmente il prezzo offerto, decade dall'aggiudicazione ed è tenuto a pagare la differenza tra il prezzo offerto e quello ricavato dalla nuova liquidazione forzata, unita alla cauzione confiscata. È questa un'ipotesi di c.d. vendita in danno.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo