Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 711 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Separazione consensuale

Dispositivo dell'art. 711 Codice di procedura civile

Nel caso di separazione consensuale previsto nell'articolo 158 del c.c., il presidente (1), su ricorso di entrambi i coniugi, deve sentirli nel giorno da lui stabilito e procurare di conciliarli nel modo indicato nell'articolo 708.

Se il ricorso è presentato da uno solo dei coniugi, si applica l'articolo 706 ultimo comma.

Se la conciliazione non riesce, si dà atto nel processo verbale del consenso dei coniugi alla separazione e delle condizioni riguardanti i coniugi stessi e la prole.

La separazione consensuale acquista efficacia (2) (3) con l'omologazione del tribunale, il quale provvede in camera di consiglio su relazione del presidente.

Le condizioni della separazione consensuale sono modificabili a norma dell'articolo precedente (4).

Note

(1) La norma descrive le due fasi tramite cui si sviluppa il procedimento di separazione consensuale. La prima è quella che si svolge di fronte al Presidente del Tribunale del luogo di residenza o domicilio di entrambi i coniugi se il ricorso viene proposto congiuntamente e se risiedono nello stesso luogo; diversamente, quando il ricorso viene presentato da uno solo, sarà competente il giudice del luogo di residenza dell'altro. Il Presidente ascolta le parti e tenta la conciliazione. Se il tentativo di conciliazione conciliazione fallisce, si da atto nel processo verbale del consenso dei coniugi alla separazione e delle condizioni relative ai coniugi stessi e alla prole. La seconda fase è quella dell'omologazione che si svolge secondo le modalità del rito camerale ai sensi dell'art. 737 del c.p.c. e ss..
(2) L'accordo di separazione deve contenere elementi essenziali quali il consenso a vivere separati e le pattuizioni relative al mantenimento dei coniugi e della prole, oltre alla loro educazione. Tale accordo ha carattere negoziale e, pertanto, consiste in un atto di autonomia privata, che il Tribunale non può modificare. Infatti, il ruolo dell'organo giudiziario è limitato al solo controllo di legalità e di opportunità, e alla verifica che le clausole pattuite non siano nulle per contrarietà a norme imperative o all'ordine pubblico e valutando la convenienza delle pattuizioni per l'interesse morale e materiale della prole. Il tribunale quindi può soltanto indicare le modificazioni da apportare in ordine al mantenimento ed ai diritti e doveri verso la prole nonché alla tutela degli interessi indisponibili delle stesse parti, rifiutando, ove i separandi non ottemperino, la omologazione.
(3) L'omologazione viene pronunciata con decreto e acquista efficacia di titolo esecutivo (si cfr. 474). Pertanto, ciascuno dei coniugi in caso di inadempienza dell'altro, può chiedere al tribunale l'adozione delle misure cautelari di cui all'art. 156 comma 6 c.c. ovvero il sequestro di parte dei beni e l'ordine ai terzi di versare direttamente al coniuge avente diritto parte delle somme di cui sono debitori nei confronti del coniuge inadempiente.
(4) Una volta omologato l'accordo, le modifiche alle pattuizioni ivi contenute possono avvenire tramite il procedimento in camera di consiglio, previo ricorso di ciascuna parte, qualora sopraggiungano mutamenti della condizione personale o patrimoniale di uno di entrambi i coniugi ai sensi dell'art. 710.

Massime relative all'art. 711 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 2263/2014

Il trasferimento di un immobile in favore del coniuge per effetto degli accordi intervenuti in sede di separazione consensuale è comunque riconducibile alla volontà del cedente, e non al provvedimento giudiziale di omologazione, sicchè, qualora, intervenga nei cinque anni successivi al suo acquisto, senza che il cedente stesso, abbia comprato, entro l'anno ulteriore, altro appartamento da adibire a propria abitazione principale, le agevolazioni fiscali "prima casa" di cui egli abbia beneficiato per l'acquisto di quell'immobile vanno revocate, con conseguente legittimo recupero delle ordinarie imposte di registro, ipotecarie e catastali da parte dell'Amministrazione finanziaria.

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 711 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Giuseppe D. F. chiede
domenica 10/06/2018 - Liguria
“Buonasera,
Il quesito riguarda la seguente fattispecie:
In sede di separazione consensuale (matrimonio in regime di separazione dei beni) mediante negoziazione assistita mi sono impegnato a pagare a mia moglie un importo una tantum da corrispondere ratealmente in 10 anni con un importo annuo minimo pari ad 1/10 del totale.
Dopo 2 anni abbiamo firmato il divorzio presso il Comune dichiarando entrambi di non avere questioni di carattere patrimoniale da definire (erano state integralmente esaurite con il mio impegno in sede di separazione).
Avrei necessità di sapere se la mia obbligazione, sorta in sede di separazione si può ritenere superata dalla dichiarazione sottoscritta in sede di divorzio, oppure, se il mio debito, concretizzatosi con la firma nella separazione la cui corresponsione differita riguarda solo la modalità di pagamento resta integralmente dovuto.
Le nostre intenzioni onestamente erano quelle di far permanere la mia obbligazione anche dopo la separazione.
Spero di essere stato sufficientemente chiaro nell'esposizione del caso.
Grazie”
Consulenza legale i 20/06/2018
La negoziazione assistita costituisce uno strumento di risoluzione alternativa delle controversie, introdotto dal D.L. n. 132/2014, conv. in L. n. 162/2014.
Essa è utilizzabile anche per raggiungere una soluzione condivisa in caso di crisi del rapporto matrimoniale. In particolare, la negoziazione assistita in materia di separazione personale dei coniugi, nonché di cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio è specificamente disciplinata dall’art. 6 del decreto legge citato.
La stessa denominazione dell’istituto evidenza la necessità che ciascuna parte sia assistita da un avvocato.

L’iter procedurale seguito dall’accordo successivamente alla sua conclusione è diverso a seconda della presenza o meno di figli minori, ovvero figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave oppure economicamente non autosufficienti. Laddove gli stessi siano presenti, infatti, l'accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita deve essere trasmesso entro il termine di dieci giorni al procuratore della Repubblica presso il tribunale competente, il quale, quando ritiene che l'accordo risponde all'interesse dei figli, lo autorizza. Nel caso, invece, di ritenuta non rispondenza dell'accordo all'interesse dei figli, il procuratore della Repubblica lo trasmette, entro cinque giorni, al presidente del tribunale, il quale fissa entro termini brevi la comparizione delle parti e provvede senza ritardo autorizzando o meno l’accordo.
In assenza di figli minori o incapaci o comunque non autosufficienti, invece, l'accordo raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita è trasmesso al procuratore della Repubblica presso il tribunale competente il quale, quando non ravvisa irregolarità, comunica agli avvocati il nullaosta. La medesima norma precisa che l’accordo raggiunto a seguito di negoziazione assistita produce gli effetti e tiene luogo dei provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili del matrimonio, di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Lo stesso D.L. 132/2014, con l’art. 12, ha introdotto una ulteriore forma semplificata per addivenire ad una separazione tra coniugi o ad un divorzio ovvero alla modifica delle condizioni di separazione o di divorzio già stabilite: in questo caso i coniugi possono concludere l’accordo dinanzi al sindaco (quale ufficiale di stato civile) del comune di residenza di uno di loro o del comune presso cui è stato iscritto o trascritto l'atto di matrimonio. A differenza che nella negoziazione assistita, dinanzi al sindaco l’assistenza di un avvocato è facoltativa.
La possibilità di separarsi, o divorziare, o modificare le condizioni della separazione o del divorzio con l’intervento del sindaco è esclusa in presenza di figli minori, di figli maggiorenni incapaci o portatori di handicap grave ovvero economicamente non autosufficienti.
Anche rispetto a questa fattispecie la legge specifica che l’accordo sottoscritto dinanzi al Sindaco tiene luogo dei provvedimenti giudiziali che definiscono i procedimenti di separazione personale, di cessazione degli effetti civili del matrimonio, di scioglimento del matrimonio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Ciò premesso, deve escludersi che, nel caso in esame, la dichiarazione di non avere “questioni di carattere patrimoniale da definire” possa considerarsi quale modifica o revoca dell’obbligo assunto in sede di separazione.
Manca infatti qualsivoglia espressione di una eventuale volontà di eliminare, in sede di divorzio, l’impegno economico sottoscritto al momento della separazione. Semmai, invece, l’espressione che risulta usata dalle parti va interpretata nel senso di ritenere non necessaria una ulteriore regolamentazione degli aspetti di carattere patrimoniale, da considerarsi già definiti con l’accordo di separazione.
Peraltro, l’importo che il coniuge si è impegnato a versare nella convenzione di separazione ha carattere di contributo una tantum, sia pure da corrispondersi ratealmente e non in un’unica soluzione, e non periodico come avviene per l’assegno mensile: il che conforta la tesi del permanere dell’obbligo di pagare tale importo anche a seguito del divorzio (vista l'unicità dell'obbligazione). Inoltre in questo senso depone anche l’intenzione comune delle parti, come ammesso nel quesito.