Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 656 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n.1443)

Impugnazione

Dispositivo dell'art. 656 Codice di procedura civile

Il decreto d'ingiunzione, divenuto esecutivo a norma dell'articolo 647, può impugnarsi (1) per revocazione nei casi indicati nei nn. 1, 2, 5 e 6 dell'articolo 395 e con opposizione di terzo nei casi previsti nell'articolo 404 secondo comma (2) (3) (4).

Note

(1) In caso di mancata opposizione o mancata costituzione dell'opponente o inerzia delle parti, il decreto ingiuntivo acquista autorità ed efficacia di giudicato, impugnabile solo con la revocazione ai sensi dell'[395cpc]], nn.1,2,5,6, e con l'opposizione di terzo revocatoria ai sensi dell'art. 404 del c.p.c., II comma. Il giudice competente a conoscer di tali eventuali impugnazioni è quello che ha emesso l'ingiunzione o al collegio cui appartiene il Presidente.
(2) La norma indica due rimedi straordinari che hanno, per l'appunto, dei limiti ben precisi. Sul punto, sia la dottrina che la giurisprudenza sono concordi nel sostenere che il rimedio della revocazione è esperibile solamente nelle ipotesi in cui non sia più possibile promuovere l'opposizione ordinaria per scadenza del termine di cui all'art. 641 né il rimedio dell'opposizione tardiva ai sensi dell'art. 650.
(3) In giurisprudenza si è precisato che l'impugnazione per revocazione di cui alla norma in analisi è ammissibile anche nel caso in cui il decreto sia divenuto esecutivo per estinzione del procedimento di opposizione.
(4) Il termine per proporre la domanda di revocazione o di opposizione di terzo revocatoria è pari a trenta giorni che decorrono dal momento indicato nell'art. 326.

Massime relative all'art. 656 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 2151/1983

Il creditore che voglia far venir meno l'efficacia di un decreto ingiuntivo ottenuto da un terzo contro il proprio debitore e della relativa iscrizione ipotecaria, per asserita simulazione del negozio e delle cambiali sulla cui base è stato emesso il decreto, non può chiedere tale inefficacia come conseguenza dell'accertamento giudiziale della simulazione del negozio, ma è tenuto a proporre l'opposizione di terzo revocatoria avverso il decreto ingiuntivo, nei modi e nei termini stabiliti dagli artt. 656, 404 (comma secondo), 405, 325 e 326 c.p.c., che subordinano, tra l'altro, l'ammissibilità dell'opposizione di terzo revocatoria, all'osservanza di termini perentori che decorrono dal giorno della scoperta del dolo e della collusione in danno del terzo e della relativa prova (la cui data deve essere, a tal fine, indicata nell'atto introduttivo del relativo giudizio).

Cass. civ. n. 1074/1978

Al procedimento di revocazione del decreto ingiuntivo si applicano le regole relative alla revocazione della sentenza. Pertanto la citazione introduttiva deve contenere, a pena d'inammissibilità, anche nel caso che il provvedimento di cui si chiede la revocazione sia un decreto ingiuntivo, l'indicazione oltre che del motivo dell'impugnazione delle prove relative alla dimostrazione del giorno della scoperta o dell'accertamento del dolo ovvero della falsità del documento.

Cass. civ. n. 411/1977

L'impugnazione del decreto ingiuntivo per revocazione prevista dall'art. 656 c.p.c. nei casi indicati nei numeri 1, 2, 5 e 6 dell'art. 395 è ammissibile non soltanto nell'ipotesi in cui il decreto sia divenuto esecutivo per mancata opposizione o mancata costituzione dell'opponente, secondo le ipotesi espressamente previste dall'art. 647 cui fa richiamo il citato 656, ma anche nel caso in cui il decreto stesso sia divenuto esecutivo per estinzione del procedimento di opposizione (art. 653).

Cass. civ. n. 2697/1973

Ai fini della revocazione di cui all'art. 656 c.p.c. il compito del giudice non è di accertare se il documento in base al quale è stato emesso il decreto ingiuntivo fosse o meno falso, bensì di accertare se la falsità di esso sia stata riconosciuta o giudizialmente dichiarata.

Cass. civ. n. 1741/1966

La sentenza, che abbia pronunciato in primo grado sulla revocazione di un decreto ingiuntivo, può essere impugnata soltanto con l'appello. Pertanto è inammissibile il ricorso per cassazione proposto contro di essa.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 656 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Giuseppe C. chiede
sabato 27/02/2016 - Lazio
“Sto subendo una richiesta di pignoramento del quinto della mia pensione per un Decreto Ingiuntivo malamente opposto.
Il tutto ha origine per una travagliata vicenda che mi vede secondo la sentenza della Corte di appello di R. n° .../98, responsabile in solido con E.C. e il Sig. B. al risarcimento di un danno di circa 120 milioni più interessi al Sig. T.
Su richiesta del Sig. T. (esecuzione mobiliare), il Sig. B. ebbe a risarcire per intero quanto previsto in sentenza n° .../98.
Il Sig. B. dopo aver risarcito l’intero, con Decreto Ingiuntivo emesso in forma esecutiva dal Tribunale di L. (D.I. n° .../02), mi intimava al risarcimento della metà (e non di un terso) di quanto lui aveva risarcito, assumendo che per la Corte di Appello di R. il debito sarebbe stato solidale solo tra me e il Sig. B.
All’epoca del D.I. tramite il mio legale proposi opposizione a detto D.I. deducendo appunto che avendo la sentenza della Corte di appello prevista la responsabilità tra tre soggetti (me, la E.C. e il Sig. B.), e avendo uno di questi (il Sig. B.) provveduto a risarcire l’intero, avrebbe avuto titolo a rifarsi verso gli altri due corresponsabili solo per un terso.
Detta opposizione per me si è trasformata in un vero disastro, perché il Tribunale di L. con sentenza n° .../07 dichiarava non procedibile ex art. 647 c.p.c. per la mancata costituzione dell’opponente (la causa non è stata iscritta a ruolo nei termini).
Stessa sorte a subito l’appello presso la Corte di appello di R. che con sentenza n° .../14, ha respinto l’appello dando quindi al D.I. valore di giudicato.
Mi rivolgo a Voi per un parere sulla vicenda, e quali possibili vie di uscita residuali potrei intraprendere.
La via della revocazione art. 656 c.p.c. n° 5 è percorribile in qualche modo ???? (il D.I. .../02 ora divenuto cosa giudicata tra le parti, farebbe ricadere la responsabilità solo tra due parti, contro la sentenza .../98 della Corte di Appello di R. n° .../98, che accerta la sussistenza della responsabilità solidale in capo a tre parti).
Rimango a disposizione per eventuali chiarimenti.”
Consulenza legale i 03/03/2016
L’art. 656 del codice di procedura civile prevede la possibilità di impugnare il decreto ingiuntivo divenuto esecutivo perché non opposto tramite lo strumento della revocazione nei casi indicati dai numeri 1,2,5 e 6 dell’art. 395 c.p.c. e dell’opposizione di terzo nei casi previsti dall’art. 404 c.p.c.

Il riferimento normativo che nel caso di specie viene in rilievo è quello descritto al numero 5 dell’art. 395 c.p.c. che indica la possibilità della revocazione ordinaria nel caso della contrarietà della sentenza ad altra precedente avente tra le parti l'autorità di cosa giudicata purché non vi sia stata pronuncia sulla relativa eccezione. Si precisa che il termine per proporre la revocazione ordinaria è quello di 30 giorni dalla notificazione della sentenza ovvero quello di sei mesi dal suo deposito, se la sentenza non viene notificata.

Ciò premesso, anche se la fattispecie concreta ben poteva essere sussunta nell’art. 395 c.p.c. perché il decreto ingiuntivo passato in giudicato risultava essere contrastante con la precedente pronuncia della Corte d’appello di R., appaiono a tutt’oggi decorsi i termini prescritti dalla legge entro cui poter promuovere la revocazione ordinaria. Non risultano esserci ulteriori strumenti di impugnativa messi a disposizione dalla legge e applicabili al caso di specie per rimuovere un provvedimento divenuto ormai definitivo.

Si potrebbe ipotizzare un ricorso contro l’esecuzione già pendente, istituto disciplinato dal secondo comma dell’art. 615 c.p.c. rubricato “opposizione all’esecuzione”, a mente del quale “Quando è iniziata l'esecuzione, l'opposizione di cui al comma precedente e quella che riguarda la pignorabilità dei beni si propongono con ricorso al giudice dell'esecuzione stessa [disp. att. 184]. Questi fissa con decreto l'udienza di comparizione delle parti davanti a sè e il termine perentorio per la notificazione del ricorso e del decreto [disp. att. 184, 185, 186].

Secondo l’orientamento oramai consolidato della giurisprudenza di legittimità, il giudice dell’opposizione ha sì il potere di sindacare l’esecutorietà del titolo esecutivo (sia esso di formazione stragiudiziale che di formazione giudiziale) ma detto potere può essere esercitato solo in via “residuale”, ovverossia quando le contestazioni non possono essere avanzate con un mezzo di impugnazione legislativamente previsto. Dunque, onde evitare che l’istituto ex art. 615 c.p.c. sia sovrapponibile alle ipotesi di sospensione dei titoli di formazione giudiziale, previste per l’impugnazione e la revocazione della sentenza (artt. 283, 351, 373, 401, 431, 447 bis c.p.c.), per l’opposizione di terzo ordinaria (art. 407 c.p.c.), per l’opposizione a decreto ingiuntivo (artt. 645 e 649 c.p.c.) e per l’opposizione all’ordinanza di convalida di licenza o sfratto per finita locazione o per morosità (art. 668 c.p.c.), si ritiene che sarà inibito al giudice dell’esecuzione di compiere valutazioni che spettano al giudice di merito. Solo successivamente, qualora ricorrano fatti successivi al giudicato, comunque non deducibili in sede di impugnazione del titolo, sarà consentito al giudice dell’opposizione sospendere l’efficacia esecutiva del titolo per fatti successivi o esterni al titolo.

Pertanto, con l’opposizione avverso l’esecuzione fondata su titolo giudiziale, il debitore non può sollevare eccezioni inerenti a fatti estintivi o impeditivi anteriori a quel titolo, i quali sono deducibili esclusivamente nel procedimento preordinato alla formazione del titolo medesimo.

In altre parole, in sede di opposizione ex art. 615 c.p.c. avverso un decreto ingiuntivo dichiarato esecutivo il debitore non può contestare il diritto del creditore per ragioni che avrebbe potuto, e dovuto, far valere nel giudizio di opposizione al decreto ingiuntivo, ma può far valere esclusivamente fatti modificativi o estintivi sopravvenuti.

Alla luce di quanto sopra esposto, avanzare un’opposizione all’esecuzione per motivi che avrebbero dovuto essere sollevati con l’opposizione a decreto ingiuntivo attinenti a fatti già esistenti prima della formazione del giudicato, potrebbe comportare il respingimento della domanda del ricorrente, con la condanna alle spese di lite.

Tutt’al più, nel caso di specie, si potrebbe ipotizzare - ma occorre fare una attenta valutazione - una pretesa di risarcimento nei confronti del legale responsabile professionalmente per la mancata iscrizione a ruolo dell’atto di citazione in opposizione a decreto ingiuntivo che ha determinato il passaggio in giudicato del provvedimento stesso.

Testi per approfondire questo articolo

  • Codice dei procedimenti monitori. Procedimenti di ingiunzione e per convalida di sfratto

    Editore: neldiritto.it
    Collana: I codici del professionista
    Data di pubblicazione: maggio 2013
    Prezzo: 70,00 -5% 66,50 €

    La seconda edizione del codice dei procedimenti monitori (di ingiunzione e di sfratto), notevolmente ampliata e aggiornata, tiene conto dei più recenti interventi normativi e giurisprudenziali, sino a tutto il 2012, oltre che degli spunti critici espressi dalla dottrina su ciascun istituto processuale esaminato.

    Si tratta di uno strumento pensato e indirizzato agli operatori del diritto (giudici e avvocati), che potranno rinvenire nel codice esauriente risposta ai quesiti... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo. Con CD-ROM

    Collana: Legale
    Pagine: 758
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 78,00 -5% 74,10 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L'opera, con formulario e giurisprudenza su cd-rom, è aggiornata al cosiddetto Decreto del fare (L. 98-2013). Il testo, ricco di riferimenti dottrinali e giurisprudenziali, approfondisce le varie fasi del procedimento d'ingiunzione fino ad arrivare al procedimento di opposizione al decreto ingiuntivo. Numerose sono le pronunce della giurisprudenza di legittimità e di merito, nonché della Corte Costituzionale, che hanno via via precisato e confermato l'ambito di... (continua)

  • Formulario dei procedimenti monitori (procedimenti d'ingiunzione e per convalida di sfratto)

    Editore: neldiritto.it
    Collana: Formulari
    Data di pubblicazione: maggio 2013
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €

    Il ricorso per decreto ingiuntivo è il procedimento più comune per il recupero dei crediti: si tratta di un procedimento speciale, caratterizzato dalla sommarietà della cognizione, al pari di quello di sfratto, ampiamente analizzato nel presente volume, che ha lo scopo di essere molto più veloce del giudizio ordinario che, come noto, è molto lento, nonostante i recenti sforzi del legislatore per renderlo più celere. Il presente Formulario,... (continua)

  • Decreto ingiuntivo

    Editore: Ipsoa
    Collana: Manuali professionali
    Pagine: 480
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume analizza l'istituto del decreto ingiuntivo sotto tutti gli aspetti procedurali: si parte analizzando il decreto ingiuntivo nei suoi elementi essenziali, con particolare riguardo al decreto ingiuntivo quale titolo esecutivo, alle condizioni di ammissibilità, alla notificazione, all'esecutività provvisoria inaudita altera parte e in pendenza di opposizione, al ricorso ed opposizione, all’eventuale sospensione dell'esecuzione provvisoria, fino alla dichiarazione... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo e l'opposizione

    Editore: CEDAM
    Pagine: 534
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 45 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    “Il decreto ingiuntivo e l’opposizione” è un’opera suddivisa in due parti, la prima redatta da Antonio Valitutti, la seconda da Franco De Stefano, che si pone l’obiettivo di fare il punto, anche con riferimento alla giurisprudenza più recente, sul procedimento monitorio, operandone una complessiva rilettura e sottolineandone le potenzialità deflattive derivanti dalla sua attitudine alla definizione, in tempi rapidi e con efficacia di... (continua)

  • L'esecutività del decreto ingiuntivo

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume analizza l'esecutività del decreto ingiuntivo in tutte le sue possibili esplicazioni, affrontandone i principali problemi pratici e applicativi. Nell'indagine sviluppata convergono profili concernenti, per un verso, la natura spuria del modello monitorio al quale il codice di rito si ispira e, per altro verso, la stessa idoneità di un provvedimento monitorio a fungere in sé da titolo esecutivo. L'elaborazione si snoda nella dicotomia tra fattispecie di... (continua)

  • Il procedimento monitorio. Decreto ingiuntivo. giudizio di opposizione. Recupero crediti per insoluto su estero

    Editore: CEDAM
    Pagine: 1130
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L’opera ha per oggetto la materia del procedimento monitorio, sviluppata partendo dall’esame del decreto ingiuntivo per giungere alla fase processuale del giudizio di opposizione. Il volume che tratta di una materia di grande interesse pratico ed attualità, si occupa di esaminare in taglio pratico ed operativo tutte le fasi che caratterizzano il procedimento monitorio. Vengono, pertanto, esaminate nel dettaglio aspetti quali la forma della domanda, i provvedimenti... (continua)

  • Opposizione a decreto ingiuntivo

    Autore: Ianni Giusi
    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    L'opera approfondisce la vasta tematica dell'opposizione a decreto ingiuntivo, con particolare attenzione alle problematiche di ordine pratico destinate a presentarsi nelle aule giudiziarie. Vengono esaminati tutti gli snodi del giudizio di opposizione, dalle modalità di introduzione, all'istruzione, ai possibili esiti definitori. Sono analizzate, inoltre, le principali questioni sottese agli istituti di cui agli artt. 648 e 649 c.p.c., che consentono alle parti del giudizio di... (continua)

  • Decreto ingiuntivo
    Manuale con formule. Contiene CD-Rom

    Editore: Giuffrè
    Collana: Manuali con formule
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 52,00 -5% 49,40 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il volume costituisce una guida per il procedimento d'ingiunzione considerato in tutte le sue fasi, da quella a cognizione sommaria sino a quella (eventuale) a cognizione piena che ha luogo con l'inizio del giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo. L'opera oltre a contenere una vasta esposizione aggiornata della produzione giurisprudenziale, nella trattazione sistematica dei singoli argomenti, segue un itinerario improntato ad un percorso ragionato circa le numerose problematiche ed... (continua)

  • Il decreto ingiuntivo. Con CD-ROM

    Collana: Serie L. Professionale
    Pagine: 896
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 70,00 -5% 66,50 €
    Categorie: Decreto ingiuntivo

    Il procedimento per decreto ingiuntivo rappresenta, come noto, lo strumento più duttile per la definizione rapida ed efficace delle controversie di più semplice decisione. In tempi come gli attuali, in cui le croniche lentezze del processo civile, cui si è cercato, non sembra con fortuna, di ovviare con le numerose riforme del codice di rito poste in essere negli ultimi anni, non consentono di raggiungere la definizione dei procedimenti in tempi rapidi, l'utilizzo del... (continua)