Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 46 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Casi di inapplicabilità del regolamento di competenza

Dispositivo dell'art. 46 Codice di procedura civile

Le disposizioni degli articoli 42 e 43 non si applicano nei giudizi davanti ai giudici di pace (1).

Note

(1) La parola "conciliatore" è stata sostituita dalle parole "giudice di pace" ai sensi dell'art. 39, l. 21-11-1991, n. 374. Pertanto, la questione sulla competenza sarà decisa dal Tribunale, nella veste di giudice d'appello oppure, nel caso in cui si tratti di una questione risolta secondo equità, direttamente in Cassazione ex art. 360 n. 2.

Ratio Legis

La norma in esame è stata più volte oggetto di giudizio dinnanzi la Corte costituzionale, la quale si è pronunciata a più riprese sulla sua costituzionalità.
Inoltre, non è possibile nemmeno considerarla abrogata in seguito all'introduzione della l. n. 374 del 1991, poichè la mancanza di continuità tra la figura del giudice di pace e quella del giudice conciliatore e la sostanziale diversità delle due figure non consente di ritenere l'abrogazione implicita per incompatibilità della norma in esame.

Spiegazione dell'art. 46 Codice di procedura civile

Il regolamento di competenza sia necessario che facoltativo, di cui agli artt. 42 e 43 c.p.c. non può proporsi nei giudizi davanti al giudice di pace; pertanto, per poter individuare il mezzo di impugnazione esperibile, la parte che intenda opporsi alla statuizione sulla sola competenza pronunciata dal giudice di pace, potrà avvalersi degli strumenti di impugnazione di cui agli artt. 339 e 360 c.p.c. (ossia, l’appello se il valore della causa superi i 1.032, 91 euro ovvero il ricorso per cassazione se tale valore risulta inferiore).
E’ invece proponibile solo il ricorso per Cassazione nel caso in cui il giudice di pace abbia deciso secondo equità sulla propria competenza unitamente al merito della controversia e se la decisione sul rito venga impugnata unitamente al merito.
Infine, se la sentenza del giudice di pace ha deciso nel merito ma facendo applicazione delle norme di diritto, l’impugnazione proponibile sarà quella ordinaria dell’appello.

Quanto detto per il regolamento di competenza necessario e facoltativo non vale, invece, per il regolamento d’ufficio, il quale, in base ad un consolidato orientamento della giurisprudenza di legittimità, è proponibile dal Giudice di Pace (è soltanto escluso il regolamento ad istanza di parte ex art. 45 del c.p.c.).
Pertanto, qualora sia tempestivamente riassunta davanti al giudice di pace una causa in cui sia stata dichiarata l’incompetenza del giudice adito per essere dichiarato competente il giudice di pace, quest’ultimo potrà rilevare la propria incompetenza solo per materia e territorio funzionale; in questo caso non dovrà dichiararsi incompetente con sentenza, ma dovrà richiedere il regolamento d’ufficio.

Sempre il regolamento d’ufficio potrà essere utilizzato dal giudice dinanzi al quale viene riassunta la causa a seguito della declinatoria di competenza del giudice di pace, qualora ritenga quest’ultimo competente per materia.

Recentemente la Corte di Cassazione ha stabilito che anche il provvedimento di sospensione pronunciato dal Giudice di Pace è impugnabile dalla parte con il regolamento necessario di competenza.

Massime relative all'art. 46 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 20304/2015

La sentenza del tribunale che decida, in sede di appello, unicamente sulla competenza del giudice di pace va impugnata esclusivamente mediante regolamento necessario di competenza, ai sensi dell'art. 42 c.p.c., senza che rilevi la non proponibilità, ai sensi dell'art. 46 c.p.c., di tale mezzo di impugnazione avverso le decisioni del giudice di pace, sicché è inammissibile il ricorso per cassazione eventualmente proposto, salvo risulti osservato il termine perentorio di trenta giorni prescritto dall'art. 47, comma 2, c.p.c., decorrenti dalla notificazione o dalla comunicazione della sentenza impugnata, convertendosi in tal caso il ricorso per cassazione in istanza di regolamento di competenza.

Cass. civ. n. 25232/2014

È ammissibile il regolamento di competenza promosso di ufficio dal giudice togato, adito in riassunzione, avverso la declinatoria di competenza del giudice di pace, ove lo ritenga competente per materia, poiché l'art. 46 cod. proc. civ. preclude l'applicazione, nei giudizi innanzi al giudice di pace, delle disposizione (artt. 42 e 43 cod. proc. civ.) relative al solo regolamento su istanza di parte.

Cass. civ. n. 16700/2014

Il provvedimento di sospensione del processo adottato dal giudice di pace è impugnabile con il regolamento necessario di competenza, non ostandovi l'art. 46 cod. proc. civ. che, pur sancendo l'inapplicabilità nei giudizi davanti al giudice di pace dell'art. 42 cod. proc. civ., che a sua volta prevede la generale proponibilità del regolamento avverso i provvedimenti che dichiarano la sospensione del processo, dev'essere interpretato nel senso, costituzionalmente orientato, di limitare l'inammissibilità del regolamento ai soli provvedimenti del giudice di pace che decidono sulla competenza, consentendo invece alla parte di avvalersi dell'unico strumento di tutela che impedisce la lesione del diritto alla ragionevole durata del processo attraverso un'immediata verifica della sussistenza dei presupposti giuridici del provvedimento di sospensione.

Cass. civ. n. 20324/2013

È inammissibile il regolamento di competenza ad istanza di parte avverso la sentenza del giudice di pace che, ritenuta la propria incompetenza, determinata dall'accertata continenza tra il giudizio di opposizione a decreto ingiuntivo innanzi a lui instaurato ed un processo pendente davanti ad altro giudice preventivamente adito, pronunci la necessaria e conseguente nullità del suddetto decreto, integrando una siffatta declaratoria una decisione sulla competenza e non sul merito, ed applicandosi, quindi, l'art. 46 c.p.c., il quale preclude la proposizione del menzionato regolamento per le statuizioni sulla competenza rese dal giudice.

Cass. civ. n. 22959/2010

La sentenza di incompetenza territoriale emanata da un giudice di pace non è impugnabile con regolamento di competenza (art. 46, c.p.c.) e, nel caso in cui abbia deciso una causa di valore superiore al limite stabilito dall'art. 113, cpv, c.p.c., è appellabile davanti al Tribunale, la cui sentenza, qualora abbia pronunciato solo sulla competenza, è impugnabile con regolamento necessario di competenza.

Cass. civ. n. 4208/2007

Il principio secondo cui la sentenza non definitiva contenente solo statuizioni sulla competenza pronunciata dal giudice di pace, in cause di valore inferiore a millecento euro, oltre a non essere impugnabile con il regolamento di competenza, non è soggetta all'immediato ricorso per cassazione, non può estendersi anche alle sentenze definitive del giudice di pace che pronuncino esclusivamente sulla competenza, e che devono ritenersi invece, soggette al ricorso stesso. La ratio, dell'articolo 46 c.p.c., che preclude la proposizione del regolamento di competenza, consiste infatti nell'impedire che la Corte di legittimità possa essere adita solo per risolvere questioni di competenza, sorte nel contesto di un giudizio ispirato ad evidenti ragioni di speditezza ed economia processuale, ragioni che rendono opportuna la estensione della preclusione al ricorso per cassazione contro tali sentenze non definitive, ma che invece la rendono inconfigurabile allorché il giudice di pace si sia definitivamente spogliato della causa con una sentenza definitiva. Per altro verso, la preclusione di cui all'art. 46 rende necessaria la ricorribilità per cassazione per evitare una situazione di conflitto con il sistema di principi dettato dagli articoli 3, 24 e 111 della Costituzione che verrebbe a crearsi se dovesse affermarsi l'assenza di rimedi giurisdizionali avverso tali pronunce definitive.

Cass. civ. n. 4215/2003

Il regolamento di competenza d'ufficio può essere richiesto anche dal giudice di pace, in quanto l'art. 46 c.p.c. rende inapplicabili al giudizio davanti al giudice di pace solo le norme concernenti il regolamento ad istanza di parte, ossia gli artt. 42 (regolamento necessario di comeptenza) e 43 (regolamento facoltativo di competenza) dello stesso codice.

Cass. civ. n. 803/1999

In tema di procedimento dinanzi al giudice di pace, e alla stregua dell'art. 46 c.p.c. (norma che non può ritenersi implicitamente abrogata in seguito alla nuova disciplina introdotta dalla L. n. 374 del 1991), le sentenze del giudice di pace non sono impugnabili con regolamento di competenza, tuttavia, qualora si tratti di controversia di valore inferiore ai due milioni di lire, il proposto regolamento può essere convertito in ricorso ordinario per cassazione (ove ricorrano tutti i requisiti formali e sostanziali e sempre che il ricorrente non abbia inequivocabilmente manifestato la volontà di proporre soltanto l'istanza di regolamento), a nulla rilevando che la sentenza sulla competenza sia una sentenza pronunciata secondo diritto, giacché, in base al combinato disposto degli artt. 339, terzo comma e 113, secondo comma, c.p.c., sono da ritenersi inappellabili (e perciò immediatamente ricorribili per cassazione) tutte le sentenze pronunciate dal giudice di pace in controversie non eccedenti il valore di due milioni, a prescindere dal fatto che esse siano pronunciate secondo diritto o secondo equità, dovendosi a tal fine considerare, appunto, solo il valore della controversia e non il contenuto della decisione.

Cass. civ. n. 12063/1998

L'art. 46 c.p.c. che, nel testo risultante dal coordinamento imposto dall'art. 39 della L. 121 novembre 1991, n. 374, istitutiva del giudice di pace, prevede l'inapplicabilità nei giudizi davanti a tale giudice delle disposizioni di cui agli articoli 42 e 43 dello stesso codice, in tema di regolamento, necessario o facoltativo, di competenza, deve considerarsi tuttora vigente, non avendo formato oggetto di alcuna esplicita disposizione abrogatrice della citata legge n. 374, né potendo considerarsi implicitamente abrogato per incompatibilità o per effetto della nuova disciplina dell'intera materia. La vigenza dell'art. 46 con riferimento alle sentenze del giudice di pace investe unitariamente la questione dell'ammissibilità sia con riferimento alle sentenze sulla competenza che ai provvedimenti ex art. 295 c.p.c. Consegue che è inammissibile il regolamento di competenza proposto avverso l'ordinanza di sospensione del processo innanzi al giudice di pace, senza possibilità di conversione dello stesso in ricorso ordinario per cassazione, per l'impossibilità di far rientrare il vizio denunziato fra quelli proponibili ai sensi dell'art. 360 c.p.c., avendo il provvedimento di sospensione natura ordinatoria e non potendosi, a tale fine, equiparare ad una declaratoria di incompetenza, ancorché temporanea.

La previsione dell'art. 46 c.p.c. che esclude regolamento di competenza avverso i provvedimenti di sospensione ex art. 295 c.p.c. del giudice di pace è frutto di scelta politica riservata al legislatore che non appare irrazionale ovvero contrastante con gli artt. 3 e 24 della Cost. Infatti, se è vero che la modifica dell'art. 42 nasce dall'esigenza di salvaguardare il diritto d'azione, non da ciò solo può desumersi l'incostituzionalità delle disposizioni che, in relazione a particolari controversie, tale diritto non salvaguardano con gli stessi mezzi, tenendo presente sia che il diritto di difesa non è assicurato allo stesso modo in tutte le controversie, sia che la non impugnabilità immediata del provvedimento di sospensione con il regolamento di competenza non esclude - atteso il carattere ordinatorio del provvedimento stesso - che la parte possa farne valere l'illegittimità con la sentenza che definisce il giudizio.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Declinatoria di giurisdizione ed effetto conservativo del termine

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano Bicocca-Scuol.giurisprudenza
    Data di pubblicazione: dicembre 2013
    Prezzo: 53,00 -5% 50,35 €
    Categorie: Giurisdizione

    Il fenomeno della c.d. translatio iudicii tra plessi giurisdizionali distinti è al centro del volume. La trattazione muove dall'analisi del percorso storico compiuto dall'ordinamento italiano al fine di approfondire le ragioni che hanno condotto il legislatore recente ad introdurre e disciplinare l'istituto. Il libro esamina poi analiticamente il significato e la portata della sentenza della Corte costituzionale n. 77/2007 ed il controverso e perplesso modello di meccanica... (continua)

  • Il riparto di giurisdizione

    Editore: Giuffrè
    Collana: Orientamenti di merito
    Data di pubblicazione: dicembre 2013
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €

    Il volume illustra i principi che regolano il riparto di giurisdizione ed affronta numerose fattispecie con utile taglio trasversale e multidisciplinare. In ogni capitolo è tracciato un quadro dell'evoluzione normativa, dottrinale e giurisprudenziale, con l'indicazione degli orientamenti consolidati e prevalenti. Le singole problematiche sono, infatti, analizzate, talvolta anche con taglio critico, sia nei profili sostanziali che in quelli processuali, dando notevole risalto... (continua)

  • Gli accordi sulla giurisdizione tra parti e terzi
    Natura e legge regolatrice

    Autore: Penasa Luca
    Editore: CEDAM
    Collana: Le monografie di Int'i Lis
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 23,00 -5% 21,85 €

    INT'L LIS è il periodico dedicato al diritto processuale internazionale e all'arbitrato internazionale. Obiettivo della rivista è fornire un'informazione puntuale e approfondita nella materia del contenzioso processuale transnazionale.

    (continua)
  • La translatio iudicii

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: maggio 2010
    Prezzo: 20,00 -5% 19,00 €
    Categorie: Giurisdizione

    La translatio iudicii per difetto di giurisdizione è l'importante novità introdotta dalla riforma del processo civile del 2009 sicché oggi lo sbaglio compiuto dall'attore nella scelta del giudice fornito di giurisdizione può essere rimediata e non rivelarsi un pregiudizio irreparabile.Il volume analizza sia la translatio iudicii per incompetenza, già disciplinata dal codice di procedura civile sia la translatio iudicii per difetto di giurisdizione e... (continua)