Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 794 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Onere illecito o impossibile

Dispositivo dell'art. 794 Codice civile

L'onere illecito o impossibile si considera non apposto; rende tuttavia nulla la donazione se ne ha costituito il solo motivo determinante (1) [v. 788 c.c.].

Note

(1) Legittimati ad agire per ottenere la dichiarazione di nullità e la conseguente restituzione del bene donato sono il donante e gli eredi di questo.

Ratio Legis

Nelle disposizioni testamentarie e negli atti di liberalità, le clausole e le disposizioni illecite o impossibili sono nulle, ma non invalidano il resto dell'atto che le contiene (c.d. regola sabiniana).

Brocardi

Modus

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

380 A proposito dell'art. 794 del c.c. sull'onere illecito o impossibile era stato proposto che si facesse risultare che l'efficienza causale del motivo deve desumersi dall'atto stesso di donazione. Uniformando la disciplina a quella stabilita per il motivo illecito (art. 788 del c.c.) e all'altra sull'onere nel testamento (art. 647 del c.c.), ho invece ammesso la possibilità della prova desunta da elementi estrinseci alla donazione.

Massime relative all'art. 794 Codice civile

Cass. civ. n. 5983/1994

Agli effetti stabiliti dall'art. 794 c.c., la disposizione modale che accede ad una donazione deve essere valutata globalmente con riguardo anche agli elementi accidentali, quali il termine, che connotano o completano la prestazione dovuta dal donatario, per stabilire se la prestazione era impossibile ab origine o lo è diventata posteriormente alla donazione, nella quale ultima ipotesi perché l'onere possa essere ritenuto non apposto occorre che la causa dell'impossibilità della prestazione non sia imputabile al donatario obbligato.

Cass. civ. n. 4560/1993

L'impossibilità dell'onere, che, ai sensi dell'art. 794 c.c., rende nulla la donazione modale ove l'onere stesso ne abbia costituito l'unico motivo determinante, è soltanto l'impossibilità originaria, ossia già esistente all'atto della stipulazione, mentre quella sopravvenuta non può produrre altro effetto che l'estinzione del modus, facendo sì che la donazione ne resti liberata, salva l'ipotesi, disciplinata dall'art. 793, quarto comma, c.c., che le parti abbiano espressamente previsto la risoluzione per inadempimento dell'onere e quest'ultimo sia divenuto impossibile per fatto e colpa del donatario.

Cass. civ. n. 737/1977

È lecito il modus, apposto alla donazione di una somma di danaro, in base al quale il donatario è tenuto a servirsi della somma stessa per pagare il riscatto di suo padre, sequestrato da malviventi, poiché l'immoralità non concerne colui che deve versare il danaro per ottenere detto risultato, ma soltanto chi ne sarà l'accipiens.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo


→ Altri libri su Onere illecito o impossibile ←