Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 684 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Distruzione del testamento olografo

Dispositivo dell'art. 684 Codice civile

Il testamento olografo [602 c.c.] distrutto, lacerato o cancellato (1), in tutto o in parte (2), si considera in tutto o in parte revocato, a meno che si provi che fu distrutto, lacerato o cancellato da persona diversa dal testatore, ovvero si provi che il testatore non ebbe l'intenzione di revocarlo (3) [463 n. 5 c.c.].

Note

(1) L'elencazione si ritiene tassativa. Non determina, pertanto, la revoca del testamento olografo la cattiva conservazione di esso, l'appallottolamento, ecc...
(2) In caso di distruzione, lacerazione o cancellazione di singole disposizioni, la revoca riguarderà soltanto queste.
(3) L'onere di provare che la distruzione del testamento sia stata opera di un terzo o del testatore senza che sussistesse, tuttavia, la volontà di revocare l'atto di ultima volontà spetta a chi intende far valere il testamento.
Raggiunta la prova della volontarietà della distruzione, alcuni ritengono inammissibile la dimostrazione di un diverso intento del testatore rispetto alla revoca, altri la ritengono possibile (es: la distruzione del testamento per riscriverlo in una forma migliore).

Ratio Legis

La norma tutela la volontà testamentaria ricollegando alla distruzione del testamento olografo l'intenzione di farne venir meno gli effetti.

Brocardi

Quae in testamento tegi possunt, et inconsulto deleta et inducta, nihilominus valent; consulto, non valent

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

326 A prescindere dai rilievi di natura formale, che sono stati tutti accolti, due punti di questa sezione hanno dato luogo a osservazioni: la norma sulla distruzione del testamento olografo e quella sulla trasformazione della cosa legata. In ordine al primo punto il progetto definitivo (art. 221) stabiliva che «se il testatore distrugge, cancella o lacera in tutto o in parte il testamento olografo, questo si considera in tutto o in parte revocato, salvo che l'intenzione di revocarlo resti esclusa». Ma è stato rilevato che la norma così come era formulata poneva, come presupposto pacifico, il fatto che fosse stato il testatore a distruggere, a cancellare o a lacerare la scheda testamentaria: in tal modo restava insoluto il problema pratico più importante che può presentarsi nell'ipotesi in cui si rinvenga nelle carte del defunto un testamento cancellato o lacerato, senza che si sappia a priori se la cancellazione o la lacerazione sia opera del testatore o cli terzi. Si tratta, cioè, di stabilire se l'onere di provare che il testamento è stato lacerato o cancellato dal testatore spetti a chi invoca l'inefficacia del testamento o se piuttosto l'onere di provare che la scheda è stata distrutta da terzi incomba a chi vuol giovarsi del testamento stesso. Seguendo la prima soluzione, il testamento cancellato o lacerato produrrà i suoi effetti fintanto che non venga provato che la lacerazione o la cancellazione è stata opera del testatore. Seguendo, invece, la seconda, il testamento lacerato o cancellato dovrà ritenersi revocato, salvo che si provi che la lacerazione o la cancellazione è stata opera di terzi. I pareri si sono divisi in favore dell'una e dell'altra soluzione. Di fronte a questa incertezza era stata suggerita la soppressione dell'articolo, nell'intesa di lasciare all'apprezzamento del magistrato la valutazione delle svariate e imprevedibili forme con cui il testatore può con atti materiali mostrare la sua volontà di porre nel nulla il suo precedente testamento. Ho creduto di dover dissentire dalla proposta di soppressione per non lasciare senza disciplina un punto così delicato, che ha dato luogo a tante incertezze sotto l'impero del codice del 1865. Ma, conservando la norma, ho voluto risolvere i dubbi circa il problema dell'onere della prova. Al riguardo ho considerato che il testamento olografo distrutto o lacerato o cancellato si presenta indiscutibilmente in condizioni così anormali da non potersi dispensare chi ne invoca l'efficacia dal dare la prova specifica che la volontà espressa nel testamento è rimasta ferma fino al momento della morte del testatore, nonostante la cancellatura o la lacerazione o la distruzione della scheda. A questi concetti si ispira l'art. 684 del c.c., disponendo che il testamento distrutto, lacerato o ,cancellato, in tutto o in parte, si considera in tutto o in parte revocato, a meno che si provi che il testamento fu distrutto, lacerato o cancellato da persona diversa dal testatore, ovvero si provi che il testatore, pur distruggendo, cancellando o lacerando, non ebbe l'intenzione di revocare il testamento.

Massime relative all'art. 684 Codice civile

Cass. civ. n. 918/2010

In materia testamentaria, ove l'istituito produca in giudizio una fotocopia di un frammento dell'originale della scheda, strappato in una sua parte in modo tale che non sia possibile ricostruirne l'esatto contenuto, deve ritenersi ammissibile la prova per testimoni finalizzata, da un lato, a dimostrare - ai sensi dell'art. 684 c.c. - che la distruzione o cancellazione parziale del testamento non costituisce espressione di un'effettiva volontà di revoca e, dall'altro, che il mancato reperimento dell'originale della scheda non è addebitabile - ai fini di cui agli artt. 2724, n. 3), e 2725 c.c. - a responsabilità dell'istituito medesimo.

Cass. civ. n. 27395/2009

A norma dell'art. 684 c.c., la distruzione del testamento olografo si configura come un comportamento concludente avente valore legale, sia in ordine alla riconducibilità della distruzione al testatore, sia in ordine all'intenzione di quest'ultimo di revocare il testamento, salva la prova contraria in ordine all'assenza di un'effettiva volontà di revoca; ove, peraltro, il testamento olografo sia stato redatto in due originali, la distruzione, da parte del testatore, di uno solo di essi - comportando la permanenza di un originale non distrutto - non rientra nell'ambito di operatività dell'art. 684 c.c. e non consente di applicare la relativa presunzione, potendo la distruzione verificarsi indipendentemente da qualsiasi intento di revoca.

Cass. civ. n. 10/1973

L'art. 684 c.c. — secondo cui il testamento olografo distrutto, lacerato o cancellato, in tutto o in parte, si considera in tutto o in parte revocato, a meno che si provi che fu distrutto, lacerato o cancellato da persona diversa dal testatore, ovvero si provi che il testatore non ebbe l'intenzione di revocarlo — configura una fattispecie di revoca del testamento a struttura negoziale, in cui la volontà del testatore di revocare il testamento è presunta al verificarsi di alcuno degli eventi (distruzione, lacerazione, cancellazione) tassativamente indicati dalla norma. Tale presunzione di volontà, essendo fondata sulla considerazione che gli eventi anzidetti sono normalmente riconducibili all'attività materiale ed all'intento del testatore di revocare il testamento, viene meno quando i medesimi eventi trovino la loro causa in un fatto naturale. La prova di quest'ultimo deve essere fornita da chi intende avvalersi del testamento. L'ipotesi della lacerazione del testamento olografo — posto all'art. 684 c.c. a fondamento della presunzione della volontà del testatore di revocare il testamento lacerato — ricorre solo se siano venute meno le normali caratteristiche di integrità con cui suole presentarsi la scheda testamentaria dum fragmenta supersint e prescinde dalle multiformi accidentalità che possono accompagnare la disintegrazione della scheda medesima. Se, peraltro, nel modo di presentarsi di quest'ultima si ravvisino elementi tali da escludere la congruenza della lacerazione con la volontà del testatore di revocare il testamento, il giudice del merito può tenerne conto nel quadro della prova contraria alla presunzione legale. (Nella specie, il foglio sul quale era scritto il testamento olografo si presentava diviso a metà nel senso perpendicolare allo scritto ed aveva una linea di frattura, non comportante il distacco totale, in senso parallelo allo scritto stesso. I consulenti tecnici d'ufficio avevano espresso l'avviso che, secondo un giudizio «di massima probabilità, i fenomeni riscontrati erano caratteristici di un foglio piegato in quattro e tenuto addosso per lungo tempo in tale condizione». I giudici del merito - fondandosi sul parere dei consulenti e sulla considerazione che il testatore, qualora avesse prescelto una così anormale modalità di attuazione dei proprio intento di revoca, ben difficilmente avrebbe perpetuato le ragioni di equivoco in essa insite, continuando a conservare e custodire la scheda disintegrata - avevano ritenuto raggiunta la prova che la lacerazione fosse stata causata da un fatto naturale. La C.S., nel ritenere tale convincimento correttamente e sufficientemente motivato, ha enunciato il principio massimato).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Revoca del legato mediante alienazione e interpretazione della volontà

    Collana: Quaderni della Rassegna di dirit. civile
    Pagine: 112
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 15 €
    Categorie: Il legato

    Il contributo analizza la revoca testamentaria nella più ampia prospettiva della diffusa, quanto discutibile, tassonomia tra atti mortis causa e atti inter vivos, altresì indagando i profili dell'oggetto della sua operatività (ribadendo la definitività e la precettività del testamento e gli equivoci concettuali troppo spesso non denunciati), le modalità di produzione degli effetti e la qualificazione in termini di negozialità, provvedendosi... (continua)

  • Funzione e vicende dei legati. Il legato di debito

    Collana: Quaderni «Diritto successioni e famiglia»
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Il legato

    Lo studio propone un approccio al tema della successione a titolo particolare incentrato sulla valorizzazione degli interessi concretamente rilevanti nelle singole fattispecie: emerge così la necessità di ricostruire anche la disciplina dei legati secondo la funzione che le singole attribuzioni realizzano di volta in volta. In questa prospettiva, il legato di debito, momento di peculiare intersezione della normativa successoria con quella del rapporto obbligatorio, offre... (continua)

  • I legati a contenuto atipico e tipico nella prassi notarile

    Editore: Ipsoa
    Collana: Quaderni di notariato
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €
    Categorie: Il legato, Notariato

    Il legato è un istituto il cui contenuto è commisurato alle esigenze sempre nuove del testatore e pur mantenendo sempre la stessa struttura, di per sé già idonea a garantire una successione a titolo particolare di qualsiasi diritto, nel corso dei secoli è stato riempito in maniera sempre diversa in funzione delle sue finalità.

    Il legato quindi è in grado di produrre qualsiasi effetto, reale o obbligatorio, che il nostro ordinamento... (continua)

  • L'invalidità del testamento per vizi della volontà

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Famiglia e successioni
    Data di pubblicazione: gennaio 2017
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Il testamento
  • Incapacità testamentarie

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €

    Il volume tratta delle incapacità testamentarie (incapacità di disporre e di ricevere per testamento), alla luce delle recenti novità in materia di filiazione, introdotte dalla l. n. 219/2012 e del d.lgs. n. 154/2013, entrato in vigore il 7 febbraio 2014. In particolare, sulla base delle predette novità e della introdotta possibilità di riconoscere i figli incestuosi, si ricostruisce il sistema della successione dei figli non dichiarati, tenendo conto dei... (continua)

  • Clausole testamentarie

    Editore: Giuffrè
    Collana: Percorsi. I manuali e gli studi
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 65,00 -5% 61,75 €
    Categorie: Il testamento

    Il presente volume è suddiviso in tre titoli che prendono in considerazione tutti gli aspetti teorico-redazionali della prova concorsuale mortis causa: le diverse forme di testamento; - l'istituzione di erede con particolare attenzione alla disposizioni riguardanti i legittimari, la divisione e l'institutio ex re certa; - la panoramica completa dei legati tipici ed atipici, oltre alle disposizioni a carattere patrimoniale e non, tipiche ed atipiche. Ogni paragrafo è suddiviso... (continua)