Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 683 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Testamento posteriore inefficace

Dispositivo dell'art. 683 Codice civile

La revocazione fatta con un testamento posteriore [682 c.c.] conserva la sua efficacia anche quando questo rimane senza effetto perché l'erede istituito o il legatario è premorto al testatore, o è incapace [592 ss. c.c.] o indegno [463 ss. c.c.], ovvero ha rinunziato all'eredità [519 c.c.] o al legato [649 c.c.] (1).

Note

(1) L'elencazione non è da considerarsi tassativa. La norma si applica, per esempio, anche nel caso di disposizione nulla per indeterminatezza del beneficiato, di commorienza, di assenza o morte presunta, ecc.

Ratio Legis

La norma presume che, se il testatore fosse stato a conoscenza dell'inefficacia del testamento successivo, avrebbe voluto la reviviscenza di quello anteriore.

Spiegazione dell'art. 683 Codice civile

Nel riprodurre la disposizione di cui all’art. #921# del vecchio codice del 1865, l’art. 683 ne ha migliorato il testo dal punto di vista formale, ed ha completato la disposizione medesima, col richiamo espresso dell'indegnità, accanto all'incapacità. In sostanza, l’enumerazione deve sempre ritenersi esemplificativa, poiché la ragione della norma è evidente: il testamento posteriore che sia valido, paralizzerà quello anteriore, anche se non riuscirà a spiegare la sua efficacia, per quanto attiene alle disposizioni in favore dell’erede o degli eredi istituiti o dei legatari designati.

Massime relative all'art. 683 Codice civile

Cass. civ. n. 27161/2017

La persistenza, ex art. 683 c.c, dell'effetto di revoca delle precedenti disposizioni testamentarie incompatibili, in presenza di un successivo testamento dichiarato inefficace, non opera allorché quest'ultimo sia annullato per incapacità naturale del testatore, difettando in tal caso una valida espressione della volontà testamentaria, che possa consentire il riscontro dell'incompatibilità tra vecchie volontà del "de cuius" e nuove disposizioni, frutto di un procedimento cognitivo e volitivo inficiato a monte dalla patologia psichica.

Cass. civ. n. 12098/2005

Poiché il testamento olografo può essere revocato dal testatore anche mediante distruzione o lacerazione (art. 684 c.c.), il suo mancato reperimento giustifica la presunzione che il de cuius lo abbia revocato, distruggendolo deliberatamente, con la conseguenza che per vincere tale presunzione occorre provare o che la scheda testamentaria esisteva ancora al momento dell'apertura della successione e che quindi la sua irreperibilità non può farsi risalire al testatore, oppure che quest'ultimo, benché autore materiale della distruzione, non era animato da volontà di revoca.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo