Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2468 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Quote di partecipazione

Dispositivo dell'art. 2468 Codice civile

Le partecipazioni dei soci non possono essere rappresentate da azioni né costituire oggetto di offerta al pubblico di prodotti finanziari(1).

Salvo quanto disposto dal terzo comma del presente articolo, i diritti sociali spettano ai soci in misura proporzionale alla partecipazione da ciascuno posseduta. Se l'atto costitutivo non prevede diversamente, le partecipazioni dei soci sono determinate in misura proporzionale al conferimento(2).

Resta salva la possibilità che l'atto costitutivo preveda l'attribuzione a singoli soci di particolari diritti riguardanti l'amministrazione della società o la distribuzione degli utili.

Salvo diversa disposizione dell'atto costitutivo e salvo in ogni caso quanto previsto dal primo comma dell'articolo 2473, i diritti previsti dal precedente comma possono essere modificati solo con il consenso di tutti i soci.

Nel caso di comproprietà di una partecipazione, i diritti dei comproprietari devono essere esercitati da un rappresentante comune nominato secondo le modalità previste dagli articoli 1105 e 1106. [Nel caso di pegno, usufrutto o sequestro delle partecipazioni si applica l'articolo 2352.](3)

Note

(1) Comma così modificato dall'art. 5 D. Lgs. 28 marzo 2007, n. 51.

Il D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, come modificato dal D. Lgs. 3 agosto 2017, n. 129, ha disposto (con l'art. 100-ter, comma 1-bis) che "In deroga a quanto previsto dall'articolo 2468, primo comma, del codice civile, le quote di partecipazione in piccole e medie imprese costituite in forma di società a responsabilità limitata possono costituire oggetto di offerta al pubblico di prodotti finanziari, anche attraverso i portali per la raccolta di capitali, nei limiti previsti dal presente decreto".
Il D. Lgs. 3 agosto 2017, n. 129, nel modificare l'art. 100-ter, comma 1-bis del D. Lgs. 24 febbraio 1998, n. 58, ha conseguentemente disposto (con l'art. 10, comma 2) che "Le disposizioni del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, modificate dal presente decreto, si applicano dal 3 gennaio 2018, fatto salvo quanto diversamente previsto dall'articolo 93 della direttiva 2014/65/UE, con riferimento dell'articolo 65, paragrafo 2, della direttiva medesima, le cui disposizioni attuative si applicano dal 3 settembre 2019, e dall'articolo 55 del regolamento (UE) n. 600/2014, e successive modificazioni, nonché dal comma 3. [...] Fermo restando quanto previsto dalle disposizioni dell'Unione europea direttamente applicabili, le disposizioni emanate dalla Banca d'Italia e dalla Consob, anche congiuntamente, ai sensi di disposizioni del decreto legislativo 24 febbraio 1998, n. 58, abrogate o modificate dal presente decreto, continuano a essere applicate fino alla data di entrata in vigore dei provvedimenti emanati dalla Banca d'Italia o dalla Consob nelle corrispondenti materie".
(2) E' consentita una partecipazione sociale del socio non necessariamente proporzionale al conferimento.
(3) Periodo soppresso dall'art. 21 D. Lgs. 28 dicembre 2004, n. 310.

Ratio Legis

La norma definisce la natura giuridica delle quote, rimarcando la chiusura della s.r.l. al mercato di capitali di rischio.

Spiegazione dell'art. 2468 Codice civile

Nella s.r.l. il capitale sociale è diviso secondo un criterio personale.
Il capitale è diviso secondo il numero dei soci: infatti il numero iniziale delle quote corrisponde al numero dei soci che partecipano alla costituzione della società e ciascun socio diventa titolare di un'unica partecipazione (CAMPOBASSO).
Le quote possono essere di diverso ammontare, a differenza delle azioni che hanno uguale valore. Nella s.r.l. il socio è titolare di una sola quota, il cui valore può variare, infatti la quota è divisibile.
Le quote non possono essere rappresentate da titoli di credito né costituire oggetto di offerta al pubblico di prodotti finanziari. La quota non è, quindi, un bene mobile materiale. Il valore patrimoniale oggettivo della quota è determinato dalla frazione del patrimonio sociale rappresentata. La giurisprudenza ha definito la quota come un bene mobile immateriale equiparabile al bene mobile non iscritto in pubblico registro.

Nella s.r.l. sono ammessi i conferimenti non proporzionali. Infatti l'atto costitutivo può prevedere che i conferimenti siano non proporzionali alle partecipazioni dei soci.

La regola della parità di trattamento dei soci può essere derogata quando si vuole attribuire un particolare diritto.
I particolari diritti possono essere connessi alla quota, ma devono essere attribuiti ai singoli soci, ne consegue la creazione di categorie di quote aventi diritti diversi. Il Comitato Triveneto dei Notai ha precisato che i diritti particolari possono essere attribuiti ai singoli soci individuati nominativamente oppure ai singoli soci individuati per appartenenza a categorie omogenee (massima I.I.9).
I diritti particolari non possono essere attribuiti a chi non è più socio o deve diventarlo.
L'attribuzione dei particolari diritti deve essere prevista nell'atto costitutivo che deve indicare in concreto lo specifico diritto.
I particolari diritti possono riguardare:
1) l'amministrazione della società: ad esempio il diritto di nominare uno o più amministratori; di individuare le persone tra le quali l'assemblea dovrà scegliere gli amministratori; di rivestire la carica di amministratore o consigliere; il diritto di veto su decisioni riguardanti l'amministrazione;
2) gli utili: ad esempio l'attribuzione di una percentuale non proporzionale alla quota; il diritto agli utili in misura fissa (purché conseguiti e nei limiti del divieto del patto leonino ex art. 2265; il diritto alla priorità alla distribuzione degli utili;
3)altri particolari diritti: la dottrina maggioritaria ritiene che le indicazioni della norma siano esemplificative e non tassative, per cui i soci possono determinarne liberamente il contenuto nei limiti di legge.
I particolari diritti possono essere modificati solo all'unanimità.

Nell'ipotesi di comunione di quote deve essere nominato un rappresentante comune. Tale nomina serve per regolare i rapporti interni tra comproprietari, ma l'esercizio dei diritti processuali compete a ciascun comproprietario singolarmente.

Relazione al D.Lgs. 6/2003

(Relazione illustrativa del decreto legislativo recante: "Riforma organica della disciplina delle società di capitali e società cooperative, in attuazione della legge 3 ottobre 2001, n. 366.")

Tesi di laurea correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2468 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

V. A. chiede
lunedì 11/07/2016 - Abruzzo
“Quesito B: la (mia) società scrivente, insieme ad altri 3 soci (a me coesi) detiene il 50% di una SRL (ALFA SRL - Allego visura).
Siamo soci non amministratori e non operativi.
L'altro 50% è rappresentato dal dominus (nonché gestore di fatto 39%) e dall'amm. unico (11% - solo mera testa di legno del dominus). Insieme fanno il 50%

Durante l'assemblea del 30.06.16 - Approvazione bilancio ed altri ODG (prego vedere da fine pag.6 a pag.9 dell'allegato ) - abbiamo revocato ad nutum l'amministratore unico, escludendo la quota dell' AU dal voto (per ovvio conflitto di interesse).

I soci, nonostante varie proposte, non sono riusciti a votare per un nuovo amministratore e quindi, visto anche la tarda ora, abbiamo rimandato ad una prossima assemblea

Poichè siamo in un caso di deadlock e stallo decisionale (e tale sarà la situazione nell'assemblea di domani)
oltre le opzioni di messa in liquidazione e/o di rivolgersi con procedura d'urgenza al giudice per la nomina di un amministratore giudiziario (opzione che finirebbe di depauperare le casse della società con conseguente messa in liquidazione), vorremmo sapere se, nel caso di deadlock, abbiamo noi 4 soci qualche facoltà di nomina di un nuovo amministratore unico o C.D.A. basato sul principio della maggioranza di teste.
Ho letto che in alcuni casi i giudici, nella ratio di lasciare una certa autonomia ai soci di risolversi tra di loro le questioni societarie (di una srl) , hanno fatto decidere alla maggioranza di teste votanti.
Vi chiedo nel caso fosse possibile, di citarmi qualche riferimento normativo.

Diversamente le chiedo di consigliare a noi 4 soci cosa poter fare, visto che i due soci operativi sono davvero degli sciagurati e non si fanno tante remore nel chiudere questa società ed aprirne da soli una nuova, depauperando gli ultimi fondi disponibili.”
Consulenza legale i 11/07/2016
La riforma del diritto societario (Dl.gs. n. 6/2003), ha introdotto importanti elementi di novità nella disciplina delle S.r.l. in materia di amministrazione eliminando il richiamo alle norme sulle S.p.A.
Alla luce di ciò non è più consentito applicare queste ultime alle S.r.l. per analogia ma si dovrà necessariamente fare riferimento allo statuto della singola società a responsabilità limitata, verificando sempre che quest'ultimo permetta o non vieti ciò che si decide di porre in essere. Sarebbe quindi utile ed opportuno al fine di poter entrare maggiormente nel dettaglio della questione ed essere più precisi, analizzare lo statuto della Srl.
In linea generale, nel caso specifico, esistono dubbi di legittimità circa la delibera di revoca dell'amministratore posto che per la sua validità era necessario un quorum del 50%+1 degli aventi diritto, diversamente da quanto sembrerebbe essere accaduto, a causa della mancata votazione dell'Amministratore.
Ad ogni modo, la situazione di stallo, laddove non risolvibile dagli stessi soci, può essere superata rivolgendosi al tribunale, al fine di ottenere la nomina di un Amministratore giudiziale.

Circa la possibilità di nominare un nuovo Amministratore o C.D.A. applicando il principio della “maggioranza di teste”, si dubita della compatibilità di tale criterio con il modello organizzativo proprio della S.r.l.. Ciò in quanto questo tipo di società è caratterizzato dalla prevalenza dell’elemento capitalistico su quello personale.
Infatti, la maggioranza per teste si porrebbe in contrasto con quanto previsto dall’art. 2468, comma secondo, Cod. Civ., secondo cui i diritti sociali spettano ai soci proporzionalmente alla partecipazione da ciascuno posseduta, con l’unica eccezione rappresentata dagli eventuali diritti, attribuiti dall’atto costitutivo. Inoltre, si è individuata un’ulteriore conferma di tale interpretazione nella formulazione del quinto comma dell’art. 2479, Cod. Civ, che ribadisce la regola del voto proporzionale alla partecipazione senza fare salva la diversa pattuizione dei soci.
E' da notare comunque che secondo una pronuncia del Tribunale di Genova (ord., 8.7.2004), sarebbe però valido un sindacato di voto deliberante a maggioranza per teste.
Si tratta tuttavia di un modesto e circoscritto orientamento giurisprudenziale.

Recentemente, peraltro, il Consiglio Notarile di Milano ha emesso una interessante (e controcorrente) massima del seguente tenore:
"L'atto costitutivo delle s.r.l. può derogare, per tutte o alcune delle decisioni di competenza dei soci, al principio di proporzionalità del diritto di voto sancito dall'art. 2479, comma 5, c.c.
Ciò può avvenire: (i) con clausole applicabili in via generale e astratta a tutti i soci (ad esempio: tetto massimo di voto, voto scalare, voto scaglionato, voto capitario, etc.), nonché (ii) con clausole che attribuiscono a taluni soci particolari diritti che comportano una "maggiorazione" del diritto di voto (ad esempio: voto plurimo, casting vote, voto determinante, etc.) o che lo limitano (ad esempio: voto limitato, voto condizionato, etc.); non trovando in ogni caso applicazione il limite e il divieto di cui all'art. 2351, comma 2, ultimo periodo, e comma 4, c.c.
Le clausole sub (i), applicabili in via generale e astratta a tutti i soci, costituiscono normali clausole "statutarie", la cui introduzione, modificazione e soppressione può essere decisa, salvo diversa disposizione dell'atto costitutivo, con la maggioranza richiesta dall'art. 2479-bis, comma 3, c.c. Le clausole sub (ii), invece, danno luogo a diritti particolari ai sensi dell'art. 2468, comma 3, c.c., e possono essere introdotte, modificate e soppresse, salvo diversa disposizione dell'atto costitutivo, solo con il consenso unanime di tutti i soci" (si legga l'intero documento al seguente link:
http://www.consiglionotarilemilano.it/documenti-comuni/massime-commissione-societa/138.aspx).

La decisione "per teste", quindi, sembrerebbe ammissibile, almeno secondo la massima appena citata, laddove esista una specifica regola che lo preveda nell'atto costitutivo della società.
La massima, a cui si rimanda, dà puntuale ed estesa spiegazione delle ragioni a sostegno di tale tesi.


Testi per approfondire questo articolo

  • Società a responsabilità limitata

    Autore: Paccoia Mario
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 43,00 -5% 40,85 €

    Il presente volume si pone l'obiettivo di delineare in modo esaustivo e di esaminare in modo sistematico la vigente, elastica disciplina della S.r.l. in tutti i suoi aspetti rilevanti, con particolare attenzione alle controversie applicative ed alle complesse problematiche (ivi compresa la peculiare procedura dell'arbitrato societario e gestionale), alla luce della elaborazione dottrinale e giurisprudenziale, sempre però con la finalità di una sua declinazione pratica.... (continua)

  • L'esclusione del socio nella società a responsabilità limitata

    Editore: Aracne
    Pagine: 184
    Data di pubblicazione: ottobre 2013
    Prezzo: 14 €

    L'estromissione forzosa di un partecipante da un gruppo associativo è causa di gran parte delle controversie che contrappongono il singolo alle altre parti del gruppo. Nel più ampio quadro di un'analisi volta ad individuare le "costanti" sostanziali e procedimentali delle ipotesi di esclusione del singolo dai rapporti associativi pluripersonali - dalle società di persone e cooperative, alle associazioni, consorzi e GEIE, fino alla Società Privata Europea, ai... (continua)

  • Collegio sindacale ed obblighi di garanzie nelle s.r.l.

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. tel. Pegaso. Law & economics
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €

    L'organo collegiale delegato al controllo sociale e la reale efficacia degli obblighi di garanzia. L'organizzazione e i conflitti di funzionalità dell'organo monocratico. L'indebolimento della funzione di garanzia tra incertezze e contraddizioni. Posizioni di garanzia e ruolo privato e pubblico del revisore legale dei conti all'interno delle società a responsabilità limitata. La difficile convivenza tra interesse "pubblico" ed interesse "sociale" e l'effettivo ruolo di... (continua)

  • Procedimenti e patologie delle decisioni dei soci nella s.r.l.

    Editore: Giuffrè
    Collana: Quaderni di giurisprudenza commerciale
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 26,00 -5% 24,70 €

    Tra gli argomenti trattati: profili funzionali e procedimentali delle decisioni dei soci nella società a responsabilità limitata; patologie delle decisioni dei soci nella società a responsabilità limitata (l'invalidità delle delibere assembleari societarie nel codice di commercio del 1882 e nel testo originario del codice civile del 1942; l'invalidità delle decisioni dei soci nella vigente disciplina della società a responsabilità... (continua)

  • Libro quinto: Art. 2462-2483. Società a responsabilità limitata

    Editore: Zanichelli
    Collana: Comm. del Codice Civile Scialoja-Branca
    Pagine: 880
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 130,00 -5% 123,50 €

    Lo studioso troverà via via il commento a tutti gli interventi legislativi che hanno interessato il tipo società a responsabilità limitata: a partire dall'introduzione della società unipersonale e dalle modifiche al regime di circolazione delle quote, per giungere alla vera e propria Riforma del diritto societario, fino alla disamina delle norme più recenti, relative, tra l'altro, all'abolizione del libro soci, alla nuova figura del sindaco unico, alla... (continua)

  • L'esclusione del socio nella società a responsabilità limitata

    Editore: Aracne
    Collana: Diritto commerciale e fallimentare
    Pagine: 196
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 15 €

    L'estromissione forzosa di un partecipante da un gruppo associativo è causa di gran parte delle controversie che contrappongono il singolo alle altre parti del gruppo. Nel più ampio quadro di un'analisi volta ad individuare le "costanti" sostanziali e procedimentali delle ipotesi di esclusione del singolo dai rapporti associativi pluripersonali - dalle società di persone e cooperative, alle associazioni, consorzi e GEIE, fino alla Società Privata Europea, ai... (continua)