Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2114 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Previdenza ed assistenza obbligatorie

Dispositivo dell'art. 2114 Codice civile

Le leggi speciali [e le norme corporative](1) determinano i casi e le forme di previdenza e di assistenza obbligatorie e le contribuzioni e prestazioni relative [242](2).

Note

(1) Le norme corporative sono state abrogate quali fonti di diritto per effetto della soppressione dell'ordinamento corporativo, disposta con R.D.L. 9 agosto 1943, n. 721 e della soppressione delle organizzazioni sindacali fasciste disposta con D. Lgs. Lgt. 23 novembre 1944, n. 369.
(2) Il diritto del lavoratore agli adempimenti assicurativi non è una derivazione del diritto alla retribuzione, in quanto entrambi sorgono contemporaneamente, come effetto immediato dell'instaurazione del rapporto di lavoro.

Ratio Legis

L'articolo 2114 rinvia alla normativa speciale e va letto in combinato con la norma costituzionale art. 38 che afferma il diritto dei lavoratori a disporre di mezzi adeguati di tutela in caso di infortunio, malattia, invalidità, ecc, nonchè di assistenza sociale per i lavorati inabili che non dispongono di risorse.

Massime relative all'art. 2114 Codice civile

Cass. civ. n. 26078/2007

In ragione dell'autonomia del rapporto previdenziale rispetto a quello lavorativo, l'obbligazione contributiva non è esclusa dall'inadempimento retributivo del datore di lavoro, neppure ove questo sia solo parziale e sebbene la originaria obbligazione sia trasformata in altra di natura risarcitoria. (Nella specie, la S.C. ha cassato la sentenza impugnata, applicando l'enunciato principio alla contribuzione dovuta sulle differenze retributive spettanti ad un dipendente che si era visto illegittimamente revocare un incarico dirigenziale e ridurre conseguentemente la retribuzione).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 2114 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Nicola S. chiede
sabato 29/02/2020 - Veneto
“In data 17 agosto 1995 entrava in vigore la Legge 335/95 (RIFORMA PENSIONI) che definiva, fra l’altro, alla data del 31 dicembre dello stesso anno, con quale sistema si sarebbe transitato in pensione a decorrere dal 01.01.1996. Poiché l’ANZIANITA’ CONTRIBUTIVA poneva il sottoscritto giusto sotto la lama che delimitava l’accesso in pensione fra “SISTEMA RETRIBUTIVO” e “SISTEMA MISTO”, preoccupato, m’informai dalla mia Amministrazione sulla propria situazione contributiva al 31.12.1995. Tenuto conto delle norme in vigore nell’anno 1996, epoca della verifica, risultò che avevo maturato 18 anni contributivi e pertanto sarei transitato in pensione con il “SISTEMA RETRIBUTIVO”. Nel 2004, per motivi di salute, transitavo in pensione. Dal mio Decreto di Pensione, emesso in data 26.4.2010, emergeva che la stessa era stata calcolata con il “SISTEMA MISTO”. Chiedevo delucidazioni alla mia ex Amministrazione la quale mi riferiva che con l’entrata in vigore della Legge 27/12/1997, nr. 449, art. 59, comma 1, lett. b., veniva meno l’ARROTONDAMENTO ad anno previsto dall’art. 40 del D.P.R. 29 dicembre 1973, nr. 1092, facendomi scivolare nel meno remunerativo “sistema misto”; se fossi transitato in pensione fra il 1996 ed il 31.12.1997 mi avrebbero calcolato la stessa con il migliore “sistema retributivo”.

QUESITO:
1) E’ CORRETTA L’INTERPRETAZIONE SECONDO LA QUALE UNA NORMA, NELLA FATTISPECIE LA LEGGE 27 DICEMBRE 1997, N. 449 ART. 59, PUR PROIETTATA A REGOLARE SITUAZIONI FUTURE (A DECORRERE DAL 01.01.1998) POSSA MODIFICARE ANCHE FATTI REGOLATI E MATURATI AL 31/12/1995, COME NEL MIO CASO?
2) SE IL DECRETO DI PENSIONE E’ STATO EMESSO IN DATA 26.4.2010, IN CHE DATA SI PRESCVRIVE IL DIRITTO A RIVENDICARE, NELLE OPPORTUNE SEDI, L’EVENTUALE RICALCOLO DELLA MIA PENSIONE?”
Consulenza legale i 07/03/2020
L’articolo 59, comma 1, lettera b), della legge n. 449 del 1997, entrato in vigore il 1° gennaio 1998, ha abolito l'arrotondamento ad anno intero delle frazioni superiori a sei mesi per i pensionati a carico delle gestioni pubbliche.
Tuttavia, l’art. 3 della Legge n. 274/1991, stabilisce che “1. Per le cessazioni dal servizio a decorrere dalla data di entrata in vigore della presente legge, ai fini della determinazione della quota del trattamento di quiescenza di cui al primo comma, lettera a), dell’articolo 3 della legge 26 luglio 1965, n. 965, il complessivo servizio utile viene arrotondato a mese intero, trascurando la frazione del mese non superiore a quindici giorni e computando per un mese quella superiore.”
In pratica, qualora il lavoratore abbia, alla data del 31/12/1995, un’anzianità contributiva che va dai 17 anni 11 mesi e 16 giorni fino a 17 anni 11 mesi e 29 giorni, viene applicato un arrotondamento tale da poter determinare un’anzianità pari a 18 anni “interi”.
Solo in questi specifici casi è quindi possibile applicare il cosiddetto sistema retributivo fino alla data del 31 dicembre 2011.
In tutti gli altri casi, si applicherà il c.d. sistema misto.

Per quanto riguarda la retroattività della disposizione di cui all’art. 59 è da tenere presente l’orientamento dottrinale e giurisprudenziale affermatosi ormai da tempo sul tema della retroattività.
L’art. 11 delle Preleggi sancisce il principio dell’irretroattività della legge, affermando che “la legge non dispone che per l’avvenire: essa non ha effetto retroattivo”.
Tale principio esclude (in linea generale) che una norma giuridica possa applicarsi ad atti, fatti, eventi o situazioni verificatesi prima della sua entrata in vigore, per i quali si suole parlare di “diritti quesiti”.
Può dirsi innanzitutto consolidato l’orientamento giurisprudenziale secondo cui il diritto pensionistico diventa “quesito” solo nel momento in cui l’interessato perfeziona il diritto alla pensione, maturando i requisiti necessari per essere collocato a riposo.
Precedentemente, l’interessato “può vantare solo una aspettativa ad un determinato trattamento di quiescenza” (Cons. Stato, sez. V., 28 febbraio 1987, n. 140) e non può dolersi di eventuali modifiche in pejus delle disposizioni previdenziali incidenti anche sul proprio trattamento.
A conferma di ciò, la Corte di Cassazione, nella sentenza n. 18338 del 1° dicembre 2003, ha chiarito che allorquando la legge parla di “far salvi i diritti quesiti”, essi debbono intendersi “nel senso che i lavoratori che al momento dell’entrata in vigore delle leggi di riforma avevano già maturato i requisiti per la pensione secondo la precedente normativa, pur senza aver presentato domanda di pensionamento, conservano il diritto ad avvalersi dei requisiti precedenti più favorevoli.”. Ciò, lasciando intendere per converso che coloro che non li hanno maturati, non possono vantare prerogative, se non una legittima aspettativa.
In tal senso, l’applicazione retroattiva nel caso in esame dell’art. 59, comma 1, lettera b), della legge n. 449 del 1997 risulta del tutto legittima in quanto norma entrata in vigore quando il lavoratore non aveva ancora maturato i requisiti della pensione.

Per quanto riguarda, invece, il secondo quesito e cioè il termine di prescrizione del diritto al ricalcolo della pensione, si deve tenere presente che la legge 15 luglio 2011, n. 111 di conversione del D. L. 6 luglio 2011, n. 98, ha modificato i termini di decadenza per l’azione giudiziaria in materia pensionistica di cui all’art. 47 D.P.R. 639/70, prevedendo un termine di decadenza di tre anni.
In particolare, la lettera d) del comma 1 dell’articolo 38, D. L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato l’articolo 47 del D.P.R. 30 aprile 1970, n. 639 aggiungendo un ultimo comma che così recita: “Le decadenze previste dai commi che precedono si applicano anche alle azioni giudiziarie aventi ad oggetto l’adempimento di prestazioni riconosciute solo in parte o il pagamento di accessori del credito. In tal caso il termine di decadenza decorre dal riconoscimento parziale della prestazione ovvero dal pagamento della sorte”.
Per effetto della nuova disposizione, la decadenza prevista dal richiamato art. 47 del D.P.R. n. 639/1970 trova applicazione non solo nei casi in cui la domanda giudiziale sia rivolta ad ottenere il riconoscimento del diritto alla prestazione pensionistica, ma anche nei casi in cui essa sia indirizzata a conseguire l’adeguamento della prestazione già riconosciuta in un importo inferiore a quello spettante.
Pertanto, la domanda di ricostituzione presentata per ottenere l’integrale riconoscimento della prestazione, non correttamente calcolata in fase di prima liquidazione pur in presenza di tutti gli elementi utili, può trovare accoglimento solo se presentata entro tre anni dal provvedimento di liquidazione della pensione, o, laddove questo non sia disponibile, dalla riscossione del primo rateo di pensione.
Secondo la Circolare n. 95/2014 dell’INPS “In applicazione del comma 6 dell’articolo 47, decorso il termine triennale dal provvedimento di prima liquidazione, deve essere considerato inammissibile il ricorso/istanza di riesame finalizzato a ottenere la riliquidazione della prestazione riconosciuta solo in parte.”.

Tuttavia, la sentenza della Corte costituzionale 2 aprile 2014, n. 69 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art.38, comma 4, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dall’articolo 1, comma 1, della legge 15 luglio 2011, n.111 nella parte in cui prevede che le disposizioni di cui al comma 1, lettera d), si applicano anche ai giudizi pendenti in primo grado alla data di entrata di entrata in vigore del citato decreto (6 luglio 2011).”
Dalla declaratoria di incostituzionalità del sopra citato articolo 38, si evince che le disposizioni in materia di decadenza di cui all’ultimo comma dell’articolo 47 del D.P.R. 30 aprile 1970, n. 639 trovano applicazione esclusivamente per le prestazioni pensionistiche riconosciute solo dal 6 luglio 2011.
Secondo tale orientamento, al caso di specie non dovrebbe pertanto applicarsi la decadenza.
Si segnala, tuttavia, che potrebbero essere presi in considerazione orientamenti più restrittivi, secondo i quali la decadenza sarebbe intervenuta in data 6 luglio 2014 e quindi non sarebbe più possibile proporre istanza per ricostituzione della pensione.

Ad ogni modo, anche se non dovesse essere applicata la decadenza, interverranno i termini di prescrizione per i singoli ratei previsti dall’art. 38 del D. L. 6 luglio 2011, n. 98 con il comma 1, lett. d), numero 2), ha aggiunto all’articolo 47 del D.P.R. n. 639 del 1970 il seguente articolo: “47-bis. Si prescrivono in cinque anni i ratei arretrati, ancorché non liquidati e dovuti a seguito di pronunzia giudiziale dichiarativa del relativo diritto, dei trattamenti pensionistici, nonché delle prestazioni della gestione di cui all’articolo 24 della legge 9 marzo 1989, n. 88, o delle relative differenze dovute a seguito di riliquidazioni”.
Alla luce della predetta disposizione nel caso di specie potrà proporre domanda di ricostituzione della pensione, ma potrà richiedere solo gli ultimi cinque anni di ratei arretrati, essendo i precedenti ormai prescritti.

Giovanni D. P. chiede
sabato 01/02/2020 - Abruzzo

“Il D.lgs 562/96 ha armonizzato il Fondo Pensioni Elettrici con il sistema pensionistico (AGO)
Il decreto legislativo ha previsto due tetti per il calcolo della pensione per quelli appartenenti al fondo art.3 comma 2 per chi possedeva 18 anni di contributi al 31/12/1995 .Tetto 88% calcolato secondo la normativa del fondo Elettrico
Tetto del’80% calcolato secondo le normativa AGO

Tra i due tetti si prende quello favorevole al pensionato e si confronta con la pensione calcolato secondo il fondo e si liquida quella inferiore. Nel calcolare il tetto AGO l’INPS non ha preso la retribuzione imponibile vigente per AGO che è comprensiva ai sensi dell’art.12 legge 153/1969 di tutti gli elementi retributivi, ma quella più ristretta vigente per il Fondo Elettrico. L’INPS con circolare 190/1997 ha stabilito che per i periodo precedenti al 31/12/1996 bisogna prendere la retribuzione teorica del Fondo Elettrico sulla quale è stato versato i contributi per la pensione, mentre dal 01/01/1997 le retribuzioni imponibile AGO.

Diverse Sentenze Cassazione ha ritenuto errato l’operato dell’INPS ,rigettando i suoi ricorsi. Sentenze :12161/2019,1444/2008,12624/2014 e 997/2017

Il Periodo interessato è dal 1996 al 2006, siccome sono andato in pensione il 31/05/1998 ci rientro.

Chiedo:

- Se c’è una strada amministrativa da intraprendere per il ricalcolo della pensione per far applicare il parere della Cassazione, ho sono costretto ad agire per le vie legali, che in caso a me favorevole mi verrebbero pagati soltanto gli ultimi 5 anni dal ricorso dato la prescrizione.
- C’e qualche altra strada per recuperare l’arretrato di tutti gli anni in caso di vittoria? Sono venuto a coscienza del problema in questi giorni ha seguito di una sentenza del giudice del lavoro del tribunale di Pescara

Cordiali saluti”

Consulenza legale i 06/02/2020
Per il ricalcolo della pensione è possibile presentare istanza di ricostituzione della pensione in via amministrativa. La domanda di ricalcolo della pensione deve essere presentata all'Inps o direttamente online tramite sito web, o contattando il Contact center o tramite enti di patronato e intermediari dell’Istituto, attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi.

Si deve tenere presente che la legge 15 luglio 2011, n. 111 di conversione del D. L. 6 luglio 2011, n. 98, ha modificato i termini di decadenza per l’azione giudiziaria in materia pensionistica di cui all'art. 47 D.P.R. 639/70, prevedendo un termine di decadenza di tre anni.
In particolare, la lettera d) del comma 1 dell’articolo 38, D. L. 6 luglio 2011, n. 98 ha modificato l’articolo 47 del D.P.R. 30 aprile 1970, n. 639 aggiungendo un ultimo comma che così recita: “Le decadenze previste dai commi che precedono si applicano anche alle azioni giudiziarie aventi ad oggetto l’adempimento di prestazioni riconosciute solo in parte o il pagamento di accessori del credito. In tal caso il termine di decadenza decorre dal riconoscimento parziale della prestazione ovvero dal pagamento della sorte”.
Per effetto della nuova disposizione, la decadenza prevista dal richiamato art. 47 del D.P.R. n. 639/1970 trova applicazione non solo nei casi in cui la domanda giudiziale sia rivolta ad ottenere il riconoscimento del diritto alla prestazione pensionistica, ma anche nei casi in cui essa sia indirizzata a conseguire l’adeguamento della prestazione già riconosciuta in un importo inferiore a quello spettante.
Pertanto, la domanda di ricostituzione presentata per ottenere l’integrale riconoscimento della prestazione, non correttamente calcolata in fase di prima liquidazione pur in presenza di tutti gli elementi utili, può trovare accoglimento solo se presentata entro tre anni dal provvedimento di liquidazione della pensione, o, laddove questo non sia disponibile, dalla riscossione del primo rateo di pensione.
Secondo la Circolare n. 95/2014 dell’INPS “In applicazione del comma 6 dell’articolo 47, decorso il termine triennale dal provvedimento di prima liquidazione, deve essere considerato inammissibile il ricorso/istanza di riesame finalizzato a ottenere la riliquidazione della prestazione riconosciuta solo in parte.”.

Tuttavia, la sentenza della Corte costituzionale 2 aprile 2014, n. 69 ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 38, comma 4, del decreto legge 6 luglio 2011, n. 98, convertito con modificazioni dall’articolo 1, comma 1, della legge 15 luglio 2011, n.111 nella parte in cui prevede che le disposizioni di cui al comma 1, lettera d), si applicano anche ai giudizi pendenti in primo grado alla data di entrata di entrata in vigore del citato decreto (6 luglio 2011).”
Dalla declaratoria di incostituzionalità del sopra citato articolo 38, si evince che le disposizioni in materia di decadenza di cui all’ultimo comma dell’articolo 47 del D.P.R. 30 aprile 1970, n. 639 trovano applicazione esclusivamente per le prestazioni pensionistiche riconosciute solo dal 6 luglio 2011.

Secondo tale orientamento, al caso di specie non dovrebbe pertanto applicarsi la decadenza.
Si segnala, tuttavia, che potrebbero essere presi in considerazione orientamenti più restrittivi, secondo i quali la decadenza sarebbe intervenuta in data 6 luglio 2014 e quindi non sarebbe più possibile proporre istanza per ricostituzione della pensione.

Ad ogni modo, anche se non dovesse essere applicata la decadenza, interverranno i termini di prescrizione per i singoli ratei previsti dall'art. 38 del D. L. 6 luglio 2011, n. 98 che con il comma 1, lett. d), numero 2), ha aggiunto all'articolo 47 del D.P.R. n. 639 del 1970 il seguente articolo: “47-bis. Si prescrivono in cinque anni i ratei arretrati, ancorché non liquidati e dovuti a seguito di pronunzia giudiziale dichiarativa del relativo diritto, dei trattamenti pensionistici, nonché delle prestazioni della gestione di cui all'articolo 24 della legge 9 marzo 1989, n. 88, o delle relative differenze dovute a seguito di riliquidazioni”.

Alla luce della predetta disposizione nel caso oggetto del presente parere si potrà proporre domanda di ricostituzione della pensione, ma si potranno richiedere solo gli ultimi cinque anni di ratei arretrati, essendo i precedenti ormai prescritti.

Testi per approfondire questo articolo