Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1672 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Impossibilità di esecuzione dell'opera

Dispositivo dell'art. 1672 Codice civile

Se il contratto si scioglie perché l'esecuzione dell'opera è divenuta impossibile (1) in conseguenza di una causa non imputabile ad alcuna delle parti, il committente deve pagare la parte dell'opera già compiuta (2), nei limiti in cui è per lui utile [1675, 2228], in proporzione del prezzo pattuito per l'opera intera.

Note

(1) Se l'impossibilità è originaria ciò impedisce il sorgere stesso del rapporto (v. 1256 c.c.).
(2) Della parte di opera di cui paga il prezzo il committente diviene, ovviamente, proprietario.

Ratio Legis

La norma è volta a ripartire tra i contraenti il rischio dell'impossibilità di proseguire l'opera quando tale impossibilità non sia imputabile ad alcuna di esse.

Spiegazione dell'art. 1672 Codice civile

L'impossibilità totale e quella parziale

L'articolo in esame deve essere posto in relazione con il 2° comma dell'art. 1256, con l'art. 1258 e con gli articoli 1463 e 1464.
Escludiamo anzitutto un rapporto con il 1° comma dell'art. 1256 che disciplina l'ipotesi di prestazione divenuta impossibile in modo assoluto e definitivo perché, tranne casi specialissimi di appalti, in tema di costruzioni non vediamo l'impossibilità assoluta e definitiva, a meno che non si vada all'idea di un terremoto, di stato di guerra e simili. Ma per tali eventi soccorrono provvidenze speciali, mentre nella nor­malità una costruzione si può sempre eseguire, perché ad es. un materiale può essere sostituito con un altro.

Viceversa può largamente soccorrere l'applicazione del 2° comma dell'art. 1256, che concerne la temporanea impossibilità, per cui il debitore è esente da responsabilità per il ritardo nell'adempimento. In tema di costruzioni il caso tipico di temporanea impossibilità è il mancato approvvigionamento di materiali dipendente da cause di ordine generale. Se tuttavia, in relazione al titolo dell'obbligazione e alla natura dell'oggetto, l'impossibilità perdura fino a quando il debitore non può ritenersi tenuto ad eseguire la prestazione o il creditore non può più avere interesse a conseguirla, lo stesso comma dichiara estinta l'obbligazione. In tema di costruzione l'obbligazione si può ritenere estinta quando, giunto il termine per l'ultimazione, l'incompiutezza dell'opera è tale che essa risulta inutile per i fini ai quali la destinava il committente. Quali siano le conseguenze di queste prescrizioni non è agevole dire in linea generale, dovendosi tener conto oltre che delle clausole contrattuali, dell'importanza che le parti assegnavano al termine.

Gli articoli 1258, 1463 e 1464 danno le norme generali, per le quali nei contratti con prestazioni corrispettive, la parte liberata per la sopravvenuta impossibilità della prestazione da essa dovuta, non può chiedere la controprestazione ed è tenuta, secondo le regole della ripetizione d'indebito, a restituire quella che abbia già ricevuta.


L'elemento di forza maggiore

Tutte queste norme, da applicare in connessione con quelle che stiamo leggendo nell'art. 1672, portano anzitutto ad accertare che nel verificarsi dell' ipotesi contemplata dalla legge non vi sia responsabilità da una parte e dall'altra nel rendere impossibile la prestazione. In concreto si tratterà di vedere se l'appaltatore (poiché egli deve compiere l'opera, mentre il committente non deve che pagare) abbia, col fatto suo, reso impossibile il compimento dell'opera o se ciò sia avvenuto per ragioni estranee, le quali non si possono concretare se non nell'evento di forza maggiore.
Se il caso fortuito rende impossibile il proseguimento dell'appalto, mentre l'appaltatore non può pretendere rimborso di danni o compensi per mancato utile od anche per impianti di cantiere sproporzionato alla parte di lavoro compiuto, il committente deve per contro riceversi questa parte e pagarne il corrispettivo.

Il codice tuttavia aggiunge che la ricezione dei lavori avviene nei limiti in cui è utile al committente la parte di lavoro compiuto. A prima vista si dovrebbe ritenere che il giudizio se la parte d'opera sia o pur no utile consista in un apprezzamento subiettivo e che il committente possa, a suo arbitrio, dichiarare inutile la parte residua, lasciandola all'appaltatore, senza rimborsargli alcunché del pattuito compenso. Non crediamo però che il codice abbia accordata così sconfinata libertà e, pur ammettendo una parte di elemento subiettivo, è da ritenere che la constatazione da parte del committente possa farsi obiettivamente, tenendo conto, caso per caso, degli elementi che componevano l'intera opera e di quelli che compongono la parte residua. Così di un edificio se si possono dare finiti un certo numero di appartamenti in modo da avere piani completi, non può di certo il committente rifiutarsi di prendere in consegna l'edificio incompleto sotto pretesto che così smozzicato esso ha minore valore venale o può rendere un utile minore di quello sperato.


Determinazione del corrispettivo

Accettata la parte d'opera residua il committente deve rimborsarne il valore in ragione del prezzo pattuito.
Questa proposizione ci porta ad un esame analogo a quello concernente le variazioni e le aggiunte, secondo la discussione svolta nel commentare gli articoli 1659, 1660, 1661. In sostanza anche qui si tratta di indagare per i contratti a corpo quale sia il valore della residua opera rispetto al totale dedotto in contratto.
Mentre per i contratti a misura la determinazione può considerarsi relativamente facile, per quelli a corpo la difficoltà sta nella impossi­bilità (tecnica ovvero contrattuale) di trasformare il contratto a corpo in contratto a misura e nella conseguente difficile ricerca di rapportare i residui lavori al loro giusto prezzo. Se l'opera è omogenea, come alle volte avviene nei pubblici appalti, il rapporto può essere agevole, ma se invece l'opera è complessa, così come accade in tutti i contratti privati, e se l'assuntore, pur senza malizia, ha compiuto solo i lavori di minor costo, qual è il criterio di valutazione? Ancora: il valore di ammortamento del cantiere e la quota di spese generali non figurano nel contratto, ma pesano sul costo; ora una liquidazione proporzionale alla entità materiale dei lavori, senza discriminazione di qualità può portare ad un costo manifestamente esagerato della parte d'opera che il committente viene ad avere consegnata; mentre la discriminazione della qualità può arrecare all'assuntore un danno ingiustificato.
Tutte queste difficoltà, comuni anche ai pubblici appalti, e che si riflettono anche in tema di varianti ed aggiunte, occorre risolvere con criteri equitativi, procedendo prima ad una proporzione tra lavori appaltati e lavori eseguiti ed introducendo poi nel calcolo elementi moderatori, quali (a beneficio del committente) il manifesto minor valore dei materiali sin qui impiegati, ovvero (a beneficio dell'assuntore) la sproporzione tra le spese di impianto ed i lavori eseguiti.

Relazione al Libro delle Obbligazioni

(Relazione del Guardasigilli al Progetto Ministeriale - Libro delle Obbligazioni 1941)

482 L'art. 547 del mio progetto enuncia una ovvia conseguenza dello scioglimento del contratto per impossibilità fortuita dell'esecuzione dell'opera.
Il committente deve rimborsare, in ragione del prezzo pattuito, il valore della parte di opera già compiuta, se e in quanto questa rappresenta per il committente una apprezzabile utilità.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Appalto e claim

    Editore: CEDAM
    Collana: Le monografie di Contratto e impresa
    Pagine: 364
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
    La fuga sempre più frequente dalle aule giudiziarie, l'importanza internazionale acquisita dai modelli contrattuali (AIA Documents) di construction contract e le modifiche apportate sia ad essi, sia al nostro codice degli appalti e ai rimedi alternativi alla tutela giurisdizionale ivi recentemente introdotti, hanno offerto lo spunto per una rivisitazione del tema della gestione delle sopravvenienze nel contratto di appalto. Muovendo da un'analisi delle sopravvenienze giuridicamente... (continua)
  • La regolarità contributiva e fiscale nelle gare d'appalto

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Fisco e tributi
    Pagine: 78
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Appalto
  • Il contratto di appalto

    Collana: Collana dei contratti
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 43,00 -5% 40,85 €
    Categorie: Appalto
    Il contratto di appalto, indubbiamente tra i più importanti contratti d'impresa, continua ad essere oggetto di penetranti interventi giurisprudenziali e dottrinali. In relazione a questo tipo contrattuale, non poche sono le questioni ancora aperte o non completamente risolte. Si pensi, ad esempio, alla complessità dell'obbligazione dell'appaltatore che, non di rado, risulta necessariamente frazionata nella sua esecuzione, come nel caso in cui l'appalto sia realizzabile solo con... (continua)
  • Tutele e sottotutele del lavoro negli appalti privati

    Autore: Lozito Marco
    Editore: Cacucci
    Collana: Ricerche diritto lavoro e relaz. industr.
    Pagine: 230
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €

    L'ordinamento, con l'art. 41 Cost., riconosce la libertà di iniziativa economica privata, che nel suo nucleo essenziale comprende le scelte qualitative e quantitative dell'imprenditore sull'attività da effettuare. In particolare, spetta all'imprenditore, nella fase iniziale dell'attività, decidere quali e quanti dipendenti assumere e, successivamente, valutare se incrementare o ridurre il proprio organico. In ragione della predetta libertà, l'imprenditore... (continua)

  • Appalto

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 440
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 40 €
    Categorie: Appalto

    Gli innumerevoli profili applicativi legati alla disciplina dell'appalto privato ricevono organica sistemazione nell'impianto trattatistico dell'opera. Particolare attenzione è dedicata alle piú recenti tendenze dottrinali e giurisprudenziali e all'individuazione di soluzioni adeguate ai mutamenti dell'impalcatura ordinamentale e della realtà economica. L'approccio all'istituto, oltre a determinare inevitabili interferenze con le principali questioni di teoria generale... (continua)

  • Imprese pubbliche e settori speciali. L'autonomia contrattuale e le regole dell'evidenza pubblica

    Editore: Giappichelli
    Collana: Quaderni Cesifin. Nuova serie
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 39,00 -5% 37,05 €
    La finalità del lavoro monografico è quella di tracciare la fisionomia delle imprese pubbliche che operano nei settori speciali in modo da definirne l'assoggettabilità o meno al regime dell'evidenza pubblica. Il quadro complessivo emerso dagli studi condotti non può dirsi lineare. Sia da un punto di vista soggettivo, sia da un punto di vista oggettivo è, infatti, difficile indicare i confini dell'applicazione delle regole dell'evidenza pubblica. Sullo sfondo... (continua)