Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 149 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Scioglimento del matrimonio

Dispositivo dell'art. 149 Codice civile

Il matrimonio si scioglie con la morte di uno dei coniugi (1) e negli altri casi previsti dalla legge [65, 68] (2) (3).

Gli effetti civili del matrimonio celebrato con rito religioso, ai sensi dell'articolo 82 o dell'articolo 83, e regolarmente trascritto, cessano alla morte di uno dei coniugi e negli altri casi previsti dalla legge [191].

Note

(1) La causa di scioglimento principale è la morte di uno dei coniugi, sempre in aderenza all'antico brocardo "mors omnia solvit". Ad essa va equiparata l'analizzata dichiarazione di morte presunta di cui all'art. 58 del c.c..
(2) La L. 898/1970 sullo scioglimento del matrimonio (se civile; si parla invece di "cessazione degli effetti civili del matrimonio" riferendosi al m. concordatario) disciplina (all'art. 3) i casi in cui viene meno la comunione spirituale e materiale dei coniugi: 1) quando, dopo la celebrazione del matrimonio, l'altro coniuge è stato condannato, con sentenza passata in giudicato, anche per fatti commessi in precedenza:
- a) all'ergastolo ovvero ad una pena superiore ad anni quindici, anche con più sentenze, per uno o più delitti non colposi, esclusi i reati politici e quelli commessi per motivi di particolare valore morale e sociale;
- b) a qualsiasi pena detentiva per il delitto di cui all'art. 564 del codice penale e per uno dei delitti di cui agli articoli 519, 521, 523 e 524 del codice penale, ovvero per induzione, costrizione, sfruttamento o favoreggiamento della prostituzione;
- c) a qualsiasi pena per omicidio volontario di un figlio ovvero per tentato omicidio a danno del coniuge o di un figlio;
- d) a qualsiasi pena detentiva, con due o più condanne, per i delitti di cui all'art. 582, quando ricorra la circostanza aggravante di cui al secondo comma dell'art. 583, e agli articoli 570, 572 e 643 del codice penale, in danno del coniuge o di un figlio.
2) nei casi in cui:
- a) l'altro coniuge è stato assolto per vizio totale di mente da uno dei delitti previsti nelle lettere b) e c) del numero 1) del presente articolo, quando il giudice competente a pronunciare lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio accerta l'inidoneità del convenuto a mantenere o ricostituire la convivenza familiare;
- b) è stata pronunciata con sentenza passata in giudicato la separazione giudiziale fra i coniugi, ovvero è stata omologata la separazione consensuale ovvero è intervenuta separazione di fatto quando la separazione di fatto stessa è iniziata almeno due anni prima del 18 dicembre 1970. In tutti i predetti casi, per la proposizione della domanda di scioglimento o di cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essersi protratte ininterrottamente da almeno tre anni a far tempo dalla avvenuta comparizione dei coniugi innanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale. L'eventuale interruzione della separazione deve essere eccepita dalla parte convenuta;
- c) il procedimento penale promosso per i delitti previsti dalle lettere b) e c) del n. 1) del presente articolo si è concluso con sentenza di non doversi procedere per estinzione del reato, quando il giudice competente a pronunciare lo scioglimento o la cessazione degli effetti civili del matrimonio ritiene che nei fatti commessi sussistano gli elementi costitutivi e le condizioni di punibilità dei delitti stessi;
- d) il procedimento penale per incesto si è concluso con sentenza di proscioglimento o di assoluzione che dichiari non punibile il fatto per mancanza di pubblico scandalo;
- e) l'altro coniuge, cittadino straniero, ha ottenuto all'estero l'annullamento o lo scioglimento del matrimonio o ha contratto all'estero nuovo matrimonio;
- f) il matrimonio non è stato consumato;
- g) è passata in giudicato sentenza di rettificazione di attribuzione di sesso a norma della legge 14 aprile 1982, n. 164
.
(3) Si vedano la L. 1 dicembre 1970, n. 898 e l'art. 4 della L. 14 aprile 1982, n. 164.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Notizie giuridiche correlate all'articolo

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 149 Codice civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Marta chiede
mercoledì 31/08/2011 - Sicilia
“Salve a tutti e scusatemi per la domanda banale.Non ho ben chiaro l'istituto del matrimonio,mi chiedevo 1-se la separazione,sia giudiziale che personale omologata, può far sciogliere il matrimonio o il matrimonio persiste ancora e determina solo una diversa regolamentazione del rapporto? 2-Che differenza intercorre tra lo scioglimento del matrimonio e la cessazione degli effetti civili del matrimonio?
Forse che la prima (lo scioglimento) riguarda il matrimonio concordatario e la seconda (cessazione) quello civile?
Se potete aiutarmi sono un po' confusa
Grazie mille
Marta S.”
Consulenza legale i 05/09/2011

Il nostro ordinamento giuridico ammette la separazione dei coniugi all'art. 150 del c.c.. La separazione non scioglie il vincolo matrimoniale, ma determina la cessazione dell'obbligo di collaborazione, di coabitazione, della presunzione di paternità e determina lo scioglimento della comunione legale. Persistono, invece, l'obbligo di prestare gi alimenti e quello di provvedere al mantenimento nei confronti del coniuge al quale non sia stata addebitata la separazione.

Lo scioglimento del vincolo matrimoniale in vita dei coniugi avviene, invece, con il divorzio. Il divorzio è ammesso sia per il matrimonio civile (scioglimento del matrimonio) che per quello concordatario. In tale ultimo caso il divorzio ne elimina i soli effetti civili (cessazione degli effetti civili), fermi restando gli effetti religiosi per il diritto canonico.


Testi per approfondire questo articolo