Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 540 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

Rapporto di parentela

Dispositivo dell'art. 540 Codice penale

Agli effetti della legge penale, quando il rapporto di parentela è considerato come elemento costitutivo o come circostanza aggravante o attenuante o come causa di non punibilità, la filiazione fuori del matrimonio è equiparata alla filiazione nel matrimonio.

Il rapporto di filiazione fuori del matrimonio è stabilito osservando i limiti di prova indicati dalla legge civile, anche se per effetti diversi dall'accertamento dello stato delle persone (1).

Note

(1) Tale articolo ha subito delle modifiche ad opera dell'art. 93, comma 1, lett. i), del d.lgs. 28 dicembre 2013, n. 154, a decorrere dal 7 febbraio 2014, che parificato le differenti tipologie di filiazione.

Spiegazione dell'art. 540 Codice penale

La norma in oggetto presenta un duplice ambito applicativo nei confronti del giudice.

Da un lato preclude al giudice penale l'accertamento del rapporto di filiazione naturale nei confronti di chi sia già titolare di uno stato legittimo.

Da un altro lato permette al giudice, in mancanza di uno status già certo, di accertare incidentalmente la sussistenza di un rapporto di filiazione.

Massime relative all'art. 540 Codice penale

Cass. pen. n. 222/1971

La norma dell'art. 540 c.p. non può essere applicata per la ricerca degli elementi qualificanti un rapporto di filiazione illegittima, ai fini dell'accertamento di un presupposto del reato, ma può essere utilizzata solamente ai fini dell'accertamento degli elementi costitutivi di un reato, delle relative circostanze, e delle eventuali esimenti. La norma suddetta non consente pertanto l'accertamento del rapporto di filiazione illegittima, come presupposto del reato di violazione degli obblighi di assistenza familiare.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

Testi per approfondire questo articolo

  • Atti del Convegno. Ultimo tango a Parigi quarant'anni dopo. Osceno e comune sentimento del pudore, tra arte cinematografica, diritto e processo penale

    Editore: Aracne
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: dicembre 2013
    Prezzo: 13 €

    "Ultimo tango a Parigi" è stato protagonista di una vicenda giudiziaria intricata e discussa, che ha reso pienamente meritata al film di Bernardo Bertolucci la fama di leading case nei rapporti tra arte cinematografica e diritto, tanto per ciò che attiene alla scure della censura amministrativa, abbattutasi su molti "film simbolo" di quegli anni, quanto in riferimento alla possibile rilevanza penale di opere cinematografiche ritenute oscene. Il 13 marzo 2012, a quarant'anni... (continua)

  • Codice penale. Rassegna di giurisprudenza e di dottrina [vol. 10.2]
    Artt. 453-555. Coordinamento di Marco Gambardella

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: dicembre 2010
    Prezzo: 115,00 -5% 109,25 €

    I delitti contro la fede pubblica, i delitti contro l'economia pubblica, l'industrial e il commercio, i delitti contro la moralità pubblica e il buon costume e i delitti contro il sentimento per gli animali

    Un'opera classica della Casa editrice, con alle spalle una lunga tradizione (derivando dalla Rassegna di giurisprudenza sul codice penale diretta da Giuseppe Lattanzi, edita da Giuffrè nel 1953). La denominazione di Rassegna di giurisprudenza e di dottrina, con... (continua)