Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 153 Codice penale

(R.D. 19 ottobre 1930, n. 1398)

[Aggiornato al 27/11/2019]

Esercizio del diritto di remissione. Incapaci

Dispositivo dell'art. 153 Codice penale

Per i minori degli anni quattordici e per gli interdetti a cagione di infermità di mente, il diritto di remissione è esercitato dal loro legale rappresentante(1) [121; c.c. 320, 357].

I minori, che hanno compiuto gli anni quattordici, e gli inabilitati [c.c. 415] possono esercitare il diritto di remissione, anche quando la querela è stata proposta dal rappresentante, [120] ma, in ogni caso, la remissione non ha effetto senza l'approvazione di questo.

Il rappresentante può rimettere la querela proposta da lui o dal rappresentato [120], ma la remissione non ha effetto, se questi manifesta volontà contraria [125].

Le disposizioni dei capoversi precedenti si applicano anche nel caso in cui il minore raggiunge gli anni quattordici, dopo che è stata proposta la querela.

Note

(1) L'ordinamento riconosce all'art. 121 del c.p. la possibilità di nominare un curatore speciale, da parte del giudice per le indagini preliminari, qualora il pubblico ministero ne faccia richiesta e il minore non sia rappresentato o sussista un conflitto di interessi del rappresentante, ha la facoltà di esercitare il diritto di querela. Da qui si è dedotto la legittimazione del curatore all'esercizio del potere di rimettere querela.

Ratio Legis

Per esercitare validamente il diritto di remissione della querela, il titolare deve possedere una adeguata capacità di remissione, in mancanza è previsto il ricorso alla figura del rappresentante.

Spiegazione dell'art. 153 Codice penale

Specularmente a quanto previsto dall'art. 120, comma 2, per i minori degli anni quattordici e per gli interdetti, la remissione della querela (art. 152 è esercitato dal loro legale rappresentante.

Per i minori che hanno compiuto gli anni quattordici e per gli inabilitati la remissione ha effetto solamente se approvata dal rappresentante.

Per contro, se il rappresentante rimette la querela, essa non ha effetto se non approvata anche dal minore ultraquattordicenne o dall'inabilitato.

Massime relative all'art. 153 Codice penale

Cass. pen. n. 1854/1993

Il vigente codice di rito prevede determinate formalitā solo per la rinuncia espressa e per la remissione della querela, ma non anche per la dichiarazione, fatta ai sensi dell'art. 153 comma terzo c.p., con la quale il minore manifesti la volontā contraria alla remissione fatta dal rappresentante, che pertanto č disciplinata dal principio generale della libertā delle forme, con la conseguenza che la sottoscrizione del dichiarante non deve essere necessariamente autenticata e la dichiarazione č validamente presentata anche se spedita per posta.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterā seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.