Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 33 sexies Codice di procedura penale

(D.P.R. 22 settembre 1988, n. 477)

[Aggiornato al 30/10/2020]

Inosservanza dichiarata nell'udienza preliminare

Dispositivo dell'art. 33 sexies Codice di procedura penale

1. Se nell'udienza preliminare il giudice ritiene che per il reato deve procedersi con citazione diretta a giudizio pronuncia, nei casi previsti dall'articolo 550, ordinanza di trasmissione degli atti al pubblico ministero per l'emissione del decreto di citazione a giudizio a norma dell'articolo 552(1).

2. Si applicano le disposizioni previste dagli articoli 424, commi 2 e 3, 553 e 554(2).

Note

(1) L'ordinanza con cui è stata disposta la restituzione degli atti al pubblico ministero è impugnabile soltanto con la sentenza che conclude il primo grado così come disposto dall'art. 591 c.p.p.
(2) Questo articolo è stato modificato dall'art. 47, comma 1, della l. 16 dicembre 1999, n. 479.

Spiegazione dell'art. 33 sexies Codice di procedura penale

Posto che l'inosservanza delle norme relative al riparto di attribuzioni fra le due composizioni del tribunale (e quindi monocratico o collegiale) non è qualificabile come un problema di incompetenza, il legislatore ha ritenuto opportuno creare una specifica normativa, che ha trovato collocazione nel presente capo.

La norma in esame disciplina un possibile esito del necessario controllo del giudice sulla questione relativa all'attribuzione.

In sede di udienza preliminare, l'eventualità è che il giudice ritenga che non si debba procedere con l'udienza preliminare, in quanto il reato contestato rientra tra quelli di cui all'articolo 550, per i quali è prevista la citazione diretta a giudizio da parte del pubblico ministero.

In tale ipotesi il giudice dell'udienza preliminare dispone con ordinanza che gli atti vengano trasmessi al pubblico ministero affinché questi provveda ad emettere il decreto di citazione a giudizio di cui all'art. 552.

La lettura dell'ordinanza equivale a d una notificazione per le parti presenti all'udienza, mentre, per quanto riguarda il fascicolo per il dibattimento, la norma dispone che esso sia trasmesso al giudice dibattimentale, oltre all'eventuale assunzione di atti urgenti (v. artt. 553 e 554).

Il legislatore, con tale disposizione, ha voluto sottolineare il nesso intercorrente tra udienza preliminare e rato piuttosto che tra udienza preliminare e composizione collegiale o monocratica del reato. Altresì, non è demandata al giudice per l'udienza preliminari la funzione di disporre il rinvio a giudizio: sarà il pubblico ministero, una volta riavute le carte relative al procedimento, a disporre il decreto ed relativi annessi. E' solitamente riconosciuta al giudice per l'udienza preliminare la facoltà di effettuare una qualificazione giuridica del fatto differente rispetto all'impostazione iniziale, ciò al fine di consentire una distribuzione corretta dei processi nell'ambito del unico ufficio di primo grado ed in tal senso si è pronunciata la corte costituzionale.

Massime relative all'art. 33 sexies Codice di procedura penale

Cass. pen. n. 10531/2018

╚ abnorme, in quanto determina una indebita regressione del processo, il provvedimento del giudice dell'udienza preliminare il quale, investito della richiesta di rinvio a giudizio per un reato che prevede la celebrazione dell'udienza preliminare, disponga, previa riqualificazione giuridica del fatto, la restituzione degli atti al pubblico ministero, ai sensi dell'art. 33-sexies cod.proc.pen., affinchŔ si proceda con citazione diretta. (In motivazione, la Corte ha evidenziato che ove si ammettesse tale possibilitÓ, si precluderebbe al pubblico ministero di insistere sull'originaria imputazione, in quanto il rifiuto del giudice di celebrare l'udienza impedirebbe anche il successivo ricorso a contestazioni suppletive, come disciplinate dall'art. 521-bis cod. proc. pen.).

Cass. pen. n. 35153/2016

╚ abnorme, in quanto determina una indebita regressione del procedimento, l'ordinanza del Gup che, investito di richiesta di rinvio a giudizio, disponga la restituzione degli atti al P.M.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterÓ seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

Testi per approfondire questo articolo

  • La cognizione e la competenza del giudice

    Editore: GiuffrŔ
    Collana: Trattato di procedura penale
    Data di pubblicazione: aprile 2011
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €
    Categorie: Il giudice

    L'autore affronta lo scottante tema della cognizione e competenza del giudice nel processo penale, partendo necessariamente dal principio di autosufficienza giurisdizionale e dalle questioni pregiudiziali. Ampio spazio viene poi dato alla nozione di competenza sia nei suoi aspetti più generali, sia nelle sue specifiche: per materia, per territorio ed, infine, per connessione. La trattazione prosegue logicamente trattando il tema della riunione e separazione dei processi, per... (continua)