Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 562 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 28/02/2021]

Inefficacia del pignoramento e cancellazione della trascrizione

Dispositivo dell'art. 562 Codice di procedura civile

Se il pignoramento diviene inefficace per il decorso del termine previsto nell'articolo 497, il giudice dell'esecuzione con l'ordinanza di cui all'articolo 630 dispone che sia cancellata la trascrizione [disp. att. 172] (1).

Il conservatore dei registri immobiliari provvede alla cancellazione su presentazione dell'ordinanza.

Note

(1) Il termine di novanta giorni di cui all'art.497 inizia a decorrere dal compimento dell'atto, ossia dalla notifica del pignoramento al debitore, con cui gli si ingiunge di non disporre dei beni identificati nell'atto stesso. Diversamente, la trascrizione del pignoramento, riguarda gli effetti sostanziali che l'atto spiega nei confronti dei terzi, in quanto consiste nel mezzo con cui è possibile avere contezza dell'inizio dell'esecuzione su quei beni (2643 c.c.). Se entro il termine di cui sopra il creditore non procede al deposito dell'istanza di vendita, il pignoramento diventa inefficace e il G.E., dopo aver sentito le parti, dichiara con ordinanza l'estinzione del processo (v. 630). Con lo stesso provvedimento, inoltre, dispone che sia cancellata la trascrizione.

Spiegazione dell'art. 562 Codice di procedura civile

La norma in esame fa rinvio all’art. 497 del c.p.c., il quale impone al creditore procedente o a qualunque altro creditore titolato intervenuto un termine acceleratorio di 90 giorni (che alcuni ritengono abbia carattere perentorio altri ordinatorio), la cui inutile decorrenza determina la perenzione del pignoramento.

Si tratta di disposizione volta a soddisfare la necessità di rendere più sollecito il procedimento espropriativo e di evitare che i beni restino vincolati per un tempo indefinito senza il compimento di quelle attività procedimentali (istanza di vendita o di assegnazione) che conducono alla fase di trasformazione e realizzazione del credito.

Il termine di efficacia del pignoramento comincia a decorrere dal momento del suo perfezionamento, il quale varia a seconda dei diversi tipi di espropriazione.
Al riguardo, nel caso della espropriazione immobiliare la questione è controversa, in quanto mentre secondo una parte della dottrina il termine de quo decorre dalla notificazione dell’atto di pignoramento, secondo altra tesi dottrinaria il termine d'efficacia deve farsi decorrere dalla trascrizione, dovendosi individuare in quest'ultima il momento perfezionativo del pignoramento immobiliare.

Viene peraltro disciplinato un rapido procedimento per la cancellazione della trascrizione del pignoramento al ricorrere delle condizioni ivi previste, così da consentire la restituzione del bene pignorato alla libera circolazione negoziale ed in particolare alla piena ed efficace disponibilità del suo proprietario (finché la cancellazione non sia eseguita, permangono tutti gli effetti del pignoramento, né acquistano valore gli atti compiuti in spregio di esso).

Parte della dottrina ritiene che il giudice dell'esecuzione possa rendere l'ordine di cancellazione solo su eccezione della parte interessata, mentre secondo altra tesi il giudice può disporre la cancellazione anche d'ufficio.

Secondo quanto disposto dall'art. 172 delle disp. att. c.p.c., il giudice dell'esecuzione, prima di disporre la cancellazione del pignoramento, con la stessa ordinanza con cui dichiara l'estinzione del processo, deve sentire le parti, ossia creditore pignorante, creditori pignoranti e intervenuti, debitore ed eventualmente terzo proprietario assoggettato all'espropriazione, e ciò al fine di impedire abusive richieste da parte del debitore.

Per tale ragione, il giudice fissa con decreto, da comunicarsi a mezzo di biglietto di cancelleria, l'udienza nella quale le parti debbono comparire; qualora risulti o appaia probabile che alcuna delle parti non sia comparsa per circostanze indipendenti dalla sua volontà, il giudice dell'esecuzione fissa una nuova udienza, della quale il cancellierecomunicazione alla parte non comparsa.
L'ordinanza di cancellazione, a sua volta, è reclamabile ex art. 630, 3° co. c.p.c., dovendosi osservare le forme di cui agli ultimi tre commi dell' art. 178 del c.p.c. (sul reclamo il collegio provvede in camera di consiglio con sentenza appellabile ex art. 130 delle disp. att. c.p.c.).

Il conservatore dei registri immobiliari potrà concretamente provvedere alla cancellazione solo dopo che l'ordinanza contenente l'ordine giudiziale di cancellazione sia divenuta irreclamabile o sia passata in giudicato la sentenza che respinge il reclamo.
Al fine di dimostrare la definitività dell'ordinanza è necessaria la attestazione del cancelliere che non è stato presentato reclamo nei termini di legge.

Si ritiene che la cancellazione possa essere richiesta da una parte qualsiasi, ovvero sia dal creditore pignorante che dal debitore pignorato o dal terzo assoggettato all'espropriazione, interessato a liberarsi degli effetti del pignoramento; tale legittimazione può spettare anche al terzo che abbia acquistato diritti sul bene pignorato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!