Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 497 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Cessazione dell'efficacia del pignoramento

Dispositivo dell'art. 497 Codice di procedura civile

Il pignoramento perde efficacia quando dal suo compimento sono trascorsi quarantacinque giorni(1) senza che sia stata chiesta l'assegnazione o la vendita [disp. att. 156](2) (3).

Note

(1) Si precisa che il termine previsto dalla norma in analisi per l'efficacia del pignoramento ha una diversa decorrenza a seconda delle varie forme di espropriazione: per l'espropriazione immobiliare il termine decorre dalla notifica dell'atto di cui all'art. 555 del c.p.c. o dalla trascrizione dello stesso, a seconda che si ritenga l'uno o l'altro essenziale. Nel caso dell'espropriazione mobiliare presso il debitore, dal giorno del compimento delle relative operazioni; nell'espropriazione presso il terzo, dalla notifica dell'atto di cui all'art. 543 del c.p.c.. L'orientamento dottrinale dominante ritiene che l'inefficacia ex 497 debba essere eccepita dalla parte interessata prima di ogni altra difesa. Diversamente, secondo parte della giurisprudenza può essere rilevata d'ufficio.
(2) L'inefficacia del pignoramento non produce come conseguenza l'invalidità del precetto. Invero, effettuato il pignoramento, il termine per la validità del precetto resta sospeso e, pertanto, se il pignoramento perde efficacia successivamente alla sua effettuazione, si potrà utilizzare il tempo residuale di efficacia del precetto per promuovere un nuovo pignoramento. Si parla di tempo residuale perché i novanta giorni di efficacia del precetto si sospendono e non si interrompono.
In aggiunta a quanto detto, è opportuno indicare che il termine di novanta giorni, previsto da tale articolo, viene sospeso nel caso in cui in tale periodo venga proposta opposizione agli atti esecutivi (v. 628). Il termine, poi, riprende a decorrere dal passaggio in giudicato della sentenza di rigetto dell'opposizione.
(3) Comma così modificato dall'art. 13 co. 1 lett. d), D.L. 27 giugno 2015, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla L. 6 agosto 2015, n. 132. Per l'applicazione della disposizione, v. art 23, co. 6 del medesimo D.L. 83/2015.

Spiegazione dell'art. 497 Codice di procedura civile


Massime relative all'art. 497 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 18652/2013

Nell'espressione "cause civili relative ai procedimenti di opposizione all'esecuzione" - per le quali, ai sensi dell'art. 92 del r.d. 30 gennaio 1941, n. 12, richiamato dall'art. 3 della legge 7 ottobre 1969, n. 742, non si applica la sospensione dei termini processuali durante il periodo feriale - non sono ricompresi i procedimenti esecutivi ed i relativi termini, come quello di efficacia del pignoramento, previsto dall'art. 497 c.p.c., rispetto ai quali si applica dunque la sospensione dei termini durante il periodo feriale, disposta dall'art. 1 della legge n. 742 del 1969.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Manuale degli ausiliari dell'esecuzione immobiliare. Stima, custodia e delega nelle operazioni di vendita

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2018
    Prezzo: 99,00 -5% 94,05 €
    L'esecuzione civile è un momento immancabile nella tutela del credito che giustifica la sostituzione dell'ordinamento al debitore inadempiente verso l'attuazione dell'altrui diritto e, dunque, insensibile al «comando» dello Stato. Serie e gravi sono le ripercussioni di questi inadempimenti sull'economia nel suo complesso e sull'efficienza del Sistema Paese. Il legislatore italiano ha, pertanto, riscoperto la centralità della materia ed ha puntato sulle... (continua)
  • Espropriazione mobiliare presso il debitore e prezzo terzi

    Pagine: 361
    Data di pubblicazione: maggio 2018
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    Questo volume tratta di una parte significativa del processo esecutivo rappresentata dalle procedure di espropriazione forzata mobiliare presso il debitore e presso terzi. L’opera è divisa in due parti: – la prima dedicata all’espropriazione mobiliare “diretta” (presso il debitore): procedimento esecutivo giudiziario che ha ad oggetto i beni mobili di proprietà del debitore, sottratti coattivamente al possessore con il pignoramento al fine di... (continua)
  • La cognizione penale in fase esecutiva

    Editore: Giappichelli
    Collana: Processo penale e politica criminale
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €
    La cognizione penale in fase esecutiva è una monografia scientifica che approfondisce il tema, delicatissimo in chiave sistematica, dei rinnovati equilibri interni alle due fasi, di cognizione e di esecuzione, del processo. Negli ultimi tempi, sempre di più, la vicenda sanzionatoria sta, infatti, assumendo il ruolo di veicolo procedimentale di ulteriori acquisizioni conoscitive suscettibili di alterare anche fortemente il risultato dell'accertamento racchiuso nel dictum... (continua)
  • Corso di diritto processuale civile. Ediz. minore
    L'esecuzione forzata, i procedimenti speciali, l'arbitrato, la mediazione e la negoziazione assistita

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 36,00 -5% 34,20 €
    "Sono state recepite, in questa nuova edizione, le novità introdotte per il giudizio in cassazione con la L. 25 ottobre 2016 n. 197 (di conversione del D.L. 30 giugno 2016 n. 168), cha ha rivoluzionato la tradizionale adozione per tale giudizio della trattazione in pubblica udienza, sostituendola - nella maggior parte dei casi - con la trattazione in camera di consiglio senza partecipazione delle parti. Nel corso degli ultimi mesi, peraltro, a queste modifiche, che hanno riguardato... (continua)