Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 484 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Giudice dell'esecuzione

Dispositivo dell'art. 484 Codice di procedura civile

L'espropriazione è diretta da un giudice (1). ù

La nomina del giudice dell'esecuzione (2) è fatta dal presidente del tribunale, su presentazione a cura del cancelliere del fascicolo entro due giorni dalla sua formazione (3).

[Nelle preture fornite di più magistrati la nomina è fatta dal dirigente a norma del comma precedente] (4).

Si applicano al giudice dell'esecuzione le disposizioni degli articoli 174 e 175 (5).

Note

(1) Appare opportuno distinguere tra la figura del giudice competente per l'esecuzione e quella del giudice dell'esecuzione. Il primo è l'ufficio giudiziario che ha competenza in relazione ad un determinato processo esecutivo; mentre il giudice dell'esecuzione è il magistrato appartenente a tale ufficio, che fisicamente di volta in volta viene designato. In seguito all'intervento del d.lgs. 19-2-1998, n. 51 che ha soppresso l'ufficio di pretore, l'unico organo giudiziario competente per l'esecuzione è il tribunale (v. 9).
(2) La nomina del giudice dell'esecuzione viene effettuata dal presidente del Tribunale, previa presentazione del fascicolo dell'esecuzione formato dal cancelliere. Pertanto, tale nomina avviene necessariamente dopo il pignoramento. Tale atto, con il quale ha inizio l'espropriazione, è, infatti, precedente alla formazione del fascicolo dell'esecuzione.
(3) Tale comma è stato così sostituito dall'art. 90, d.lgs. 19-2-1998, n. 51, a decorrere dal 2-6-1999. Il testo del precedente comma, in vigore fino all'1-6-1999, così disponeva: «Nei tribunali la nomina del giudice dell'esecuzione è fatta dal presidente, su presentazione a cura del cancelliere del fascicolo entro due giorni da che è stato formato».
(4) Questo comma, invece, è stato abrogato dall'art. 90, d.lgs. 19-2-1998, n. 51, a decorrere dal 2-6-1999. Per la soppressione dell'ufficio del pretore si veda l'art.8 nota (1).
(5) L'ultimo comma della norma in commento è espressione del parallelismo tra la figura del giudice istruttore (v. 168bis) e quella del giudice dell'esecuzione. Invero, è possibile cumulare le due funzioni in quelle parentesi di cognizione che, nel processo esecutivo, sono rappresentate dalle opposizioni, poichè, quando sia competente per valore, il giudice dell'esecuzione assume le funzioni di giudice istruttore nell'eventuale giudizio di cognizione.

Ratio Legis

La norma si riferisce al giudice dell'esecuzione quale organo che, all'interno dell'ufficio giudiziario competente, esercita il potere di direzione del processo esecutivo, alla pari del giudice istruttore nel processo di cognizione. Nonostante tale accostamento tra il giudice dell'esecuzione ed il giudice istruttore, il primo ha poteri più estesi, poiché domina il processo esecutivo dall'inizio alla fine senza rimettere il processo nelle mani del collegio. Inoltre, a differenza del giudice istruttore, il giudice dell'esecuzione esercita il potere di trasferire il diritto sui beni pignorati dal debitore ai nuovi legittimati (potere espropriativo), e quello di soddisfare il diritto dei creditori (potere satisfattorio). Infine, risulta nettamente distinto il regime delle ordinanze sotto il profilo della revocabilità e della reclamabilità [v. 487].

Massime relative all'art. 484 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 4430/1983

Qualora il giudice ordinario abbia emesso a carico della pubblica amministrazione provvedimento di rilascio di un immobile locato e tale provvedimento, ancorché non definitivo, sia munito di efficacia di titolo esecutivo, deve affermarsi la giurisdizione del medesimo giudice ordinario con riguardo al procedimento di esecuzione forzata in base a detto titolo, restando irrilevanti la circostanza che quell'immobile sia adibito a sede di uffici pubblici.

Cass. civ. n. 5697/1977

Il potere conferito dal vigente ordinamento processuale al giudice dell'esecuzione, al fine di pervenire al soddisfacimento dei creditori procedenti o intervenuti, è un potere di direzione del processo esecutivo, che si concreta nel compimento della serie successiva e coordinata degli atti che lo costituiscono, e cioè nel compimento diretto di atti esecutivi e nell'ordine, ad altri impartito, di compimento di atti esecutivi, nonché nel successivo controllo della legittimità ed opportunità degli atti compiuti, con il conseguente esercizio del potere soppressivo e sostitutivo, contenuto nell'ambito e nei limiti segnati dalle norme di rito che disciplinano il processo esecutivo. Conseguentemente, nell'ipotesi in cui la vendita del compendio pignorato sia viziata da illegittimità, il giudice dell'esecuzione può dichiarare la nullità e disporre l'esecuzione di una nuova vendita, stabilendo come prezzo base il valore attribuito dall'ufficiale giudiziario ai beni pignorati nel verbale di pignoramento.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 484 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Dott R. R. chiede
martedì 25/01/2011
“Ritengo ci sia un contrasto tra l'art. 76 DPR 602 /73 ( esecuzione del Concessionario Riscossione Tributi ) e l'art 484 CPC.
Il Concessionario, che attualmente sta iscrivendo ipoteche senza passare dal tribunale, secondo la mia opinione non ha il requisito soggettivo per agire essendo a sua volta creditore, e poichè l'art. 484 CPC nominando il G.E. esclude ogni altra figura. Inoltre non è coadiutore del giudice, e nemmeno garantisce il requisito della terzietà nella procedura esecutiva, azzerando ogni possibilità di opposizione seppur fondata.
Forse trattasi di antinomìa tra le due norme, o piu semplicemente di illegittimità costituzionale dell'art. 76.
Grazie dell'attenzione.”
Consulenza legale i 28/01/2011

L’espropriazione immobiliare in base a ruolo, prevista dal D.P.R. 602/1973, costituisce un’espropriazione forzata speciale, caratterizzata dalla scissione fra la titolarità del credito e la titolarità dell’azione esecutiva: essa è realizzata attraverso la concessione del potere espropriativo riconosciuto in via originaria allo Stato.

Secondo la dottrina, il fatto che tale forma di espropriazione non si svolga interamente sotto la direzione del giudice dell’esecuzione, come prescrive l’art. 484 del c.p.c., vuol semplicemente dire che viene spostato in avanti il momento del controllo giudiziale, limitato quindi solo ad alcune fasi dell’esecuzione.

Del resto, è pur vero che lo stesso atto iniziale del processo di esecuzione, il pignoramento, viene posto in essere dal creditore senza il controllo del giudice, che ne conosce la validità solo quando provvede sull’istanza di vendita.


Testi per approfondire questo articolo