Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 419 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Intervento volontario

Dispositivo dell'art. 419 Codice di procedura civile

Salvo che sia effettuato per l'integrazione necessaria del contraddittorio, l'intervento del terzo(1) ai sensi dell'articolo 105 non può aver luogo oltre il termine stabilito per la costituzione del convenuto, con le modalità previste dagli articoli 414 e 416 in quanto applicabili (2) (3).

Note

(1) La norma in esame si ispira ai principi di concentrazione ed immediatezza che caratterizzano il rito del lavoro. Per tale ragione l'intervento deve avvenire secondo le modalità previste dagli artt.414 e 416 a pena di inammissibilità. L'opinione prevalente in dottrina ritiene che l'intervento debba assumere la forma della memoria scritta.
(2) La norma in esame è stata riscritta a seguito della pronuncia della Corte cost. n. 193/1983, con cui ne era stata dichiarata l'illegittimità perchè non prevedeva nè la fissazione di una nuova udienza nè la notifica della memoria di intervento. Con la nuova formulazione, il giudice procede a fissare una nuova udienza ex art. 415 del c.p.c., disponendo che tale provvedimento venga notificato all'interveniente e che entro 5 giorni detto provvedimento, unitamente alla memoria di intervento, siano notificati alle parti originarie, le quali potranno depositare memoria,non meno di dieci giorni prima della nuova udienza, al fine di assicurare il diritto di difesa delle controparti dell'interventore.
(3) E' bene precisare che la norma in analisi disciplina le ipotesi di intervento volontario principale, litisconsortile e adesivo, a differenza dei casi di intervento necessario su istanza di parte o su ordine del giudice e l'integrazione del contraddittorio nei confronti del litisconsorte necessario pretermesso sono regolati dall'art. 420 del c.p.c., IX comma.

Massime relative all'art. 419 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 13917/2017

In tema di azione di nullità per illegittima apposizione del termine ad un contratto di lavoro, è inammissibile l’intervento litisconsortile di terzi, stipulanti autonomi contratti a termine con il medesimo datore di lavoro, in quanto manca un unitario provvedimento datoriale cui connettere, sul piano del “petitum” e della “causa petendi”, un loro interesse ad intervenire nel processo, né gli stessi potrebbero subire un pregiudizio dalla pronuncia resa nei confronti del ricorrente principale.

Cass. civ. n. 19834/2004

A norma dell'art. 419, c.p.c., nelle controversie soggette al rito del lavoro l'intervento del terzo ex art. 105 c.p.c. non può avvenire oltre il termine stabilito per la costituzione del convenuto e, qualora sia tardivo, la tardività non può essere sanata dall'accettazione del contraddittorio da parte del soggetto contro il quale il terzo abbia proposto la propria domanda, attesa la rilevanza pubblica degli interessi in vista dei quali è posto il divieto di domande nuove; tale previsione, avendo carattere pubblicistico, è sottratta alla disponibilità dei privati, mentre non ha la medesima natura la disposizione (introdotta nell'art. 419 citato dalla sentenza additiva della Corte Costituzionale n. 193 del 1983) prevedente, in caso di intervento volontario, la fissazione di una nuova udienza e la notifica della memoria dell'interveniente e del provvedimento di rifissazione alle parti originarie; con la conseguenza che, in caso di omissione degli adempimenti da ultimo ricordati, la parte nel cui interesse i suddetti sono disposti deve, a norma dell'art. 157 c.p.c., far valere la nullità derivante dalla mancata fissazione della nuova udienza nella prima difesa successiva al fatto o alla notizia di esso.

Cass. civ. n. 12021/1998

Nel rito del lavoro, la tardività dell'intervento volontario effettuato oltre il termine stabilito per la costituzione del convenuto e non ai fini dell'integrazione necessaria del contraddittorio (art. 419 c.p.c.) non è sanata dall'accettazione del contraddittorio da parte del soggetto contro cui il terzo abbia proposto le sue domande e va rilevata anche d'ufficio, per la rilevanza pubblica degli interessi in vista del quale, nei giudizi assoggettati a detto rito, è posto il divieto di domande nuove.

Cass. civ. n. 5689/1991

Il provvedimento del giudice del lavoro che neghi la sussistenza delle condizioni necessarie per l'ammissibilità dell'intervento volontario del terzo (art. 419 c.p.c.) ha contenuto decisorio ma non definitivo e pertanto non è impugnabile con ricorso per cassazione ai sensi dell'art. 111 Cost.

Cass. civ. n. 3021/1990

La parte contro la quale il terzo interveniente non abbia proposto domande di sorta, avendo spiegato l'intervento (adesivo dipendente) solo per associarsi alle ragioni o alle eccezioni della medesima, non è legittimata a dolersi della violazione dell'art. 419 c.p.c. — nel testo risultante dalla dichiarazione d'illegittimità costituzionale pronunciatane dalla Corte cost. con sent. n. 193 del 1983 — per la mancata fissazione di una nuova udienza, non sussistendo, in ordine alla parte predetta, quell'esigenza difensiva giustificativa dell'adempimento in questione, la cui omissione configura, peraltro, nullità relativa da dedurre tempestivamente ai sensi del secondo comma dell'art. 157 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le prove nel processo civile e del lavoro

    Autore: Mormile Paolo
    Editore: Aracne
    Pagine: 76
    Data di pubblicazione: febbraio 2015
    Prezzo: 8 €

    L'opera affronta in modo accurato e analitico la disamina dei fondamentali istituti che caratterizzano la fase dell'istruzione probatoria nel processo civile ordinario di cognizione, nonché nel rito speciale del lavoro e previdenziale. Essa è il frutto della trentennale esperienza dell'autore come giudice civile e del lavoro, dapprima presso la Pretura/Tribunale di Napoli e poi presso la Sezione Lavoro del Tribunale di Roma. Tutti i mezzi di prova, messi a disposizione delle... (continua)

  • Formulario commentato del processo del lavoro. Con CD-ROM

    Collana: I formulari con CD-Rom
    Pagine: 622
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 60,00 -5% 57,00 €

    Atti stragiudiziali; Tentativi di conciliazione; Conciliazioni; Ricorsi; Memorie difensive; Intervento del terzo; Udienza di discussione; Appello: ricorsi e memorie; Previdenza; Ricorsi per Cassazione; Revocazione ed opposizione di terzo; Processo di esecuzione per crediti di lavoro; Procedura fallimentare; Ricorsi per decreto ingiuntivo; Il procedimento di sequestro; Procedimenti di istruzione preventiva; Procedimenti d'urgenza; Procedimento arbitrale; Principali figure contrattuali.

    (continua)
  • Il nuovo processo del lavoro

    Autore: Vullo Enzo
    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 488
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 89,00 -5% 84,55 €

    Il processo del lavoro, introdotto con la l. 533 del 1973, è un rito d’importanza centrale nel sistema della giurisdizionale civile, vuoi per la delicatezza delle situazioni soggettive tutelate, vuoi perché rappresenta da anni un modello e un punto di riferimento imprescindibile per le riforme del giudizio ordinario di cognizione. Una centralità definitivamente suggellata dal d.lgs. 1° settembre 2011, n. 150 (sulla c.d. riduzione e semplificazione dei riti... (continua)

  • Il processo del lavoro. La disciplina processuale del lavoro privato, pubblico e previdenziale

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: gennaio 2016
    Prezzo: 75,00 -5% 71,25 €

    A poco più di quaranta anni dalla entrata in vigore del rito del lavoro, il volume, giunto alla sua terza edizione, analizza lo stato di salute di questo processo "ordinario semplificato", alla luce delle recenti modifiche apportate dal Jobs Act ed a seguito dell'intervento del cosiddetto "rito Fornero". Il nuovo procedimento relativo ai licenziamenti si inserisce, come rito speciale, nella più ampia tutela del lavoro, regolato dalla legge n. 533/1973. Con la consueta... (continua)

  • Impugnazione del licenziamento e decadenza

    Editore: CEDAM
    Pagine: 372
    Data di pubblicazione: aprile 2018
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    Molto è cambiato nella trama di rapporti che legano specificamente il diritto del lavoro al fluire del tempo. Il rinnovato interesse legislativo che nel settore del diritto del lavoro, in virtù dell’art. 32, l. n. 183/2010, caratterizza l’istituto della decadenza deve essere inquadrato nel processo di riassestamento e riequilibrio che, conduce il pendolo a oscillare verso il principio di certezza, allontanandolo almeno apparentemente dall’asserita esigenza di... (continua)