Cassazione civile Sez. Lavoro sentenza n. 19834 del 4 ottobre 2004

(1 massima)

(massima n. 1)

A norma dell'art. 419, c.p.c., nelle controversie soggette al rito del lavoro l'intervento del terzo ex art. 105 c.p.c. non pu˛ avvenire oltre il termine stabilito per la costituzione del convenuto e, qualora sia tardivo, la tardivitÓ non pu˛ essere sanata dall'accettazione del contraddittorio da parte del soggetto contro il quale il terzo abbia proposto la propria domanda, attesa la rilevanza pubblica degli interessi in vista dei quali Ŕ posto il divieto di domande nuove; tale previsione, avendo carattere pubblicistico, Ŕ sottratta alla disponibilitÓ dei privati, mentre non ha la medesima natura la disposizione (introdotta nell'art. 419 citato dalla sentenza additiva della Corte Costituzionale n. 193 del 1983) prevedente, in caso di intervento volontario, la fissazione di una nuova udienza e la notifica della memoria dell'interveniente e del provvedimento di rifissazione alle parti originarie; con la conseguenza che, in caso di omissione degli adempimenti da ultimo ricordati, la parte nel cui interesse i suddetti sono disposti deve, a norma dell'art. 157 c.p.c., far valere la nullitÓ derivante dalla mancata fissazione della nuova udienza nella prima difesa successiva al fatto o alla notizia di esso.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.