Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 227 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 29/02/2020]

Esecuzione della sentenza che ha pronunciato sulla querela

Dispositivo dell'art. 227 Codice di procedura civile

L'esecuzione delle sentenze previste nell'articolo precedente non può aver luogo prima che siano passate in giudicato (1).

Se non è richiesta dalle parti, l'esecuzione è promossa dal pubblico ministero a spese del soccombente con l'osservanza, in quanto applicabili, delle norme dell'articolo 481 c.p.p. (2).

Note

(1) Viene esclusa la possibilità della esecuzione provvisoria delle sentenze che pronunciano sul falso, nonché delle pronunce che ne conseguono, come il risarcimento del danno.
L'esclusione non si estende, invece, alla condanna alle spese.
(2) Ora art. 675 c.p.p..

Ratio Legis

La norma costituisce una eccezione all'art. 282 del c.p.c., secondo il quale tutte le sentenze di primo grado sono provvisoriamente esecutive. La sentenza che decide sulla falsità del documento non può, infatti, essere eseguita prima che sia avvenuto il passaggio in giudicato della pronuncia.

Spiegazione dell'art. 227 Codice di procedura civile

La sentenza che pronuncia sul falso non è provvisoriamente esecutiva, ma lo diventa una volta passata in giudicato.
Se le parti non vi provvedono, il pubblico ministero ha il potere di richiedere l'esecuzione della sentenza in oggetto dopo il suo passaggio in giudicato.
Le spese sono poste a carico del soccombente e si applicano, nei limiti della compatibilità, le disposizioni dettate dall’art. 675 del c.p.p..

Massime relative all'art. 227 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 1457/1962

L'art. 227 del codice di procedura civile condiziona l'esecutività delle sentenze di appello al loro passaggio in giudicato esclusivamente per la parte di esse che attiene specificamente ai provvedimenti in tema di falso ed a quelli direttamente conseguenziali (come, ad esempio, per il risarcimento danni da falso), mentre per ogni altra eventuale pronuncia sul merito della lite ovvero sulle spese di giudizio non costituisce deroga alla norma generale dell'art. 337 c.p.c., che prevede la esecutività delle sentenze emesse in grado di appello.

Cass. civ. n. 2903/1960

La sospensione della esecutorietà delle sentenze che decidono sulla querela di falso, mira a procrastinare l'esecuzione del capo della sentenza che afferisce al documento e non si estende alla condanna alle spese.

Cass. civ. n. 1631/1951

Nello stesso giudizio in cui si chiede l'accertamento di un fatto illecito (falsità di un atto) può essere chiesto anche il risarcimento del danno a tale fatto conseguente, non essendo necessario, per proporre l'istanza di risarcimento, che sia divenuta definitiva la sentenza che accerti l'illecito.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • La conciliazione del consulente tecnico d'ufficio. Come e perché il C.T.U. può essere conciliatore della causa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    Nell'odierno processo civile, il tentativo di conciliazione della controversia è richiesto sempre più spesso dai giudici. Le prassi consolidate presso gli uffici giudiziari hanno reso l'esperimento conciliativo una delle attività più importanti del C.T.U. in ogni ambito processuale, offrendone apposito riconoscimento nel quesito posto al consulente. Per questo è importante che il consulente sia preparato a rivestire tale importante funzione e a gestire i... (continua)

  • La consulenza tecnica nel processo civile

    Collana: Diritto e professione
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €

    Il volume approfondisce lo studio della figura soggettiva del consulente tecnico d'ufficio, quale collaboratore del giudice, e, più in generale, della consulenza tecnica d'ufficio nel processo civile. L'importanza del ricorso ai cosiddetti "saperi esperti" nell'ambito della giustizia civile è cresciuta di pari passo con l'evoluzione tecnologica e l'iper-specializzazione della società moderna. L'opera è rivolta a tutti coloro che frequentano professionalmente il... (continua)

  • Responsabilità ed effetti della CTU

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: giugno 2015
    Prezzo: 48,00 -5% 45,60 €

    Il ruolo svolto dal c.t.u. nel processo civile appare vieppiù importante per la soluzione dei casi concreti, imponendosi al professionista incaricato l'esercizio di compiti che assommano alle competenze specialistiche proprie (tecniche, mediche, piuttosto che contabili), conoscenze giuridiche e propensione alla mediazione. Il volume analizza tutti gli aspetti collegati alla funzione del consulente tecnico d'ufficio grazie ad un meticoloso lavoro ricostruttivo e di aggiornamento del... (continua)

  • Udire e provare

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano-Fac. giur.Studi dir. privato
    Data di pubblicazione: marzo 2017
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Prova testimoniale