Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 193 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 29/02/2020]

Giuramento del consulente

Dispositivo dell'art. 193 Codice di procedura civile

All'udienza di comparizioneil giudice istruttore ricorda al consulente l'importanza delle funzioni che è chiamato ad adempiere, e ne riceve il giuramento di bene e fedelmente adempiere le funzioni affidategli al solo scopo di fare conoscere al giudice la verità [19 disp. att.] (1).

Note

(1) Il giuramento può essere prestato anche in un momento successivo al conferimento dell'incarico, prima del deposito della relazione peritale.
Il rifiuto di prestare giuramento da parte del consulente iscritto negli appositi albi speciali è punito con la reclusione fino a sei mesi o con la multa da euro trenta a cinquecentosedici (art. 366 del c.p., secondo comma).

Ratio Legis

Il giuramento costituisce una formalità: la sua omissione non ha conseguenze sulla validità della consulenza tecnica. Il rifiuto di giurare equivale, invece, al rifiuto di assumere l'incarico, punito penalmente nel caso di consulente tecnico iscritto all'albo.

Spiegazione dell'art. 193 Codice di procedura civile

La formula di giuramento qui prevista evidenzia il dovere di diligenza, obiettività ed imparzialità che grava sul consulente, rafforzato ancor di più dal previo ammonimento che il giudice deve rivolgere al consulente sulla importanza delle funzioni che andrà a svolgere.
Si ritiene che questa norma non abbia carattere imperativo nella parte in cui prevede che il giuramento debba essere reso all'udienza di conferimento dell'incarico, cioè prima che il c.t.u. inizi a svolgere il suo compito.
Qualora il consulente venga chiamato a fornire chiarimenti oppure venga incaricato di esperire un supplemento di indagine, non occorre rinnovare il giuramento.

L'omessa prestazione del giuramento equivale a rifiuto di assumere l'incarico e si configura come contegno penalmente sanzionato dal secondo comma dell’art. 366 del c.p.c..
E’ pacifica nella giurisprudenza di legittimità la tesi secondo cui la mancata prestazione del giuramento non determina nullità della consulenza, essendo consentito al giudice di avvalersi, ai fini del suo convincimento, delle risultanze della relazione peritale officiosa e non asseverata.

Secondo altra tesi, invece, diffusa soprattutto in dottrina, è da ritenere nulla la consulenza non preceduta dal dovuto giuramento; trattasi di una ipotesi di nullità relativa, da far valere nei termini e con i limiti dettati dall'art. 157 del c.p.c..

Sebbene presso gli uffici giudiziari vi sia la prassi di far firmare al c.t.u. il verbale di udienza nel quale presta giuramento e riceve l’incarico, si ritiene che ciò non sia necessario, integrando la sua omessa sottoscrizione una mera irregolarità, non incidente sulla validità dell'atto processuale e di quelli successivi.

Massime relative all'art. 193 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 17339/2017

Il riparto di attività tra più consulenti operanti in collegio, in ragione della loro specializzazione, costituisce un “modus operandi” facoltativo che non inficia il necessario principio di collegialità, ben potendo le conclusioni essere assunte dal collegio unitariamente e collettivamente, anche in caso di rinuncia all’incarico da parte di uno dei consulenti avente una competenza professionale distinta da quella degli altri, purché i risultati della sua attività e di quella di ciascuno siano partecipati agli altri e da questi valutati, sicché collegialmente si formino le conclusioni da sottoporre al giudice.

Cass. civ. n. 14906/2011

La mancata prestazione del giuramento da parte del consulente tecnico costituisce una mera irregolarità formale, inidonea a determinare l'invalidità del verbale e del relativo conferimento dell'incarico, ostandovi il principio di tassatività delle nullità.

Cass. civ. n. 10386/1996

La mancata apposizione, da parte del consulente tecnico d'ufficio, della propria firma nel verbale dell'udienza nella quale lo stesso presta giuramento costituisce una mera irregolarità, non suscettibile di incidere sulla validità dell'attività processuale cui il detto verbale si riferisce e che ha la funzione di documentare, né, tantomeno, su quella degli atti successivi.

Cass. civ. n. 3907/1975

Non importano nullità della consulenza tecnica né la prestazione del giuramento, da parte del consulente, all'atto del deposito della relazione, anziché a quello del conferimento dell'incarico, né il deposito della consulenza stessa oltre il termine fissato dal giudice.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le consulenze di parte (CTP) dei professionisti tecnici

    Collana: Ambiente territorio edilizia urbanistica. Strumen.
    Pagine: 204
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €

    Il volume si propone di far conoscere ed approfondire la figura ed il ruolo del consulente tecnico di parte (CTP) o, per meglio dire, come sottolineato dall'autore, "della parte" e fornire così un quadro sistematico che sia uno strumento di lavoro, considerato che nasce dall'esperienza professionale in materia dell'autore. Uno strumento di lavoro utile non solo ai professionisti tecnici chiamati a svolgere una CTP, bensì anche ai giuristi ed ai committenti che ad essi si... (continua)

  • L'istruzione probatoria nel processo civile

    Editore: CEDAM
    Collana: Sapere diritto
    Data di pubblicazione: settembre 2015
    Prezzo: 80,00 -5% 76,00 €
    Categorie: Istruzione

    Il regime probatorio, specie dopo la fondamentale riforma del processo civile, attuata con la L. 26.11.1990, n. 353, e le modifiche apportate all'art. 183 c.p.c., con la L. 14 maggio 2005, n. 80, ha assunto un ruolo primario innanzitutto per il sistema delle preclusioni che, in pratica, delimitano l'attività istruttoria, salvo poche eccezioni, al primo grado del giudizio.

    In questi anni, il maggior impegno del legislatore è stato nel senso di istituire regimi... (continua)

  • Il principio di non contestazione nel processo civile

    Editore: Giuffrè
    Collana: Fatto & diritto
    Data di pubblicazione: aprile 2015
    Prezzo: 35,00 -5% 33,25 €
    Categorie: Istruzione
  • La conciliazione del consulente tecnico d'ufficio. Come e perché il C.T.U. può essere conciliatore della causa

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: ottobre 2015
    Prezzo: 27,00 -5% 25,65 €

    Nell'odierno processo civile, il tentativo di conciliazione della controversia è richiesto sempre più spesso dai giudici. Le prassi consolidate presso gli uffici giudiziari hanno reso l'esperimento conciliativo una delle attività più importanti del C.T.U. in ogni ambito processuale, offrendone apposito riconoscimento nel quesito posto al consulente. Per questo è importante che il consulente sia preparato a rivestire tale importante funzione e a gestire i... (continua)

  • Responsabilità ed effetti della CTU

    Editore: Giuffrè
    Collana: Teoria pratica del diritto. Civ. e proc.
    Data di pubblicazione: giugno 2015
    Prezzo: 48,00 -5% 45,60 €

    Il ruolo svolto dal c.t.u. nel processo civile appare vieppiù importante per la soluzione dei casi concreti, imponendosi al professionista incaricato l'esercizio di compiti che assommano alle competenze specialistiche proprie (tecniche, mediche, piuttosto che contabili), conoscenze giuridiche e propensione alla mediazione. Il volume analizza tutti gli aspetti collegati alla funzione del consulente tecnico d'ufficio grazie ad un meticoloso lavoro ricostruttivo e di aggiornamento del... (continua)