Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 817 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Eccezione d'incompetenza

Dispositivo dell'art. 817 Codice di procedura civile

Se la validità, il contenuto o l'ampiezza della convenzione d'arbitrato o la regolare costituzione degli arbitri sono contestate nel corso dell'arbitrato, gli arbitri decidono sulla propria competenza(1).

Questa disposizione si applica anche se i poteri degli arbitri sono contestati in qualsiasi sede per qualsiasi ragione sopravvenuta nel corso del procedimento. La parte che non eccepisce nella prima difesa successiva all'accettazione degli arbitri l'incompetenza di questi per inesistenza, invalidità o inefficacia della convenzione d'arbitrato, non può per questo motivo impugnare il lodo, salvo il caso di controversia non arbitrabile(2).

La parte, che non eccepisce nel corso del procedimento arbitrale che le conclusioni delle altre parti esorbitano dai limiti della convenzione d'arbitrato, non può, per questo motivo, impugnare il lodo.

Note

(1) La riforma apportata dal d.lgs. 40/2006 ha riaffermato il principio consolidato in base al quale gli arbitri possono decidere in ordine alla propria competenza, quando una delle parti contesti l'esistenza di una valida convenzione d'arbitrato, o si dolga del fatto che il collegio arbitrale si sia formato in modo irrituale o che le conclusioni della controparte superino i limiti delineati dalla convenzione stipulata.
(2) Il secondo comma della norma in analisi è espressione del principio di lealtà processuale e di autoresponsabilità poichè prevede dei rigidi termini di decadenza entro cui poter sollevare l'eccezione di incompetenza. In ottemperanza a tali principi, il comma dispone che tale eccezione debba essere sollevata dopo l'accettazione della nomina degli arbitri, prima di ogni difesa, ad eccezione che l'incompetenza derivi dalla non arbitrabilità della controversia. Si precisa sin d'ora che il successivo art. 819 ter del c.p.c. prevede, di riflesso al comma in analisi, che nel giudizio ordinario l'eccezione di incompetenza arbitrale debba essere sollevata dal convenuto nella comparsa di risposta, a pena di decadenza.

Massime relative all'art. 817 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 4156/2006

Qualora sia stata instaurata una procedura di arbitrato irrituale (con l'effetto che non trova applicazione l'impugnativa di nullità ex art. 829 c.p.c. che al n. 4 del primo comma richiama l'art. 817 c.p.c., in tal senso implicando che il suo presupposto è pur sempre quello di una procedura di arbitrato rituale) ovvero se una delle parti contesti in radice che la lite sia devoluta ad arbitri e, quindi, rifiuti di parteciparvi, non opera l'art. 817 c.p.c. e, perciò, quest'ultima parte non subisce la preclusione posta da tale ultima disposizione, con la conseguenza che può adire il giudice ordinario perché accerti che il lodo, comunque emesso pur in mancanza di clausola compromissoria, sia inefficace o inesistente nei suoi confronti. (Nella specie, la S.C., enunciando tale principio, ha rigettato il ricorso e confermato l'impugnata sentenza con la quale era stata ritenuta — al fine dell'esclusione dell'applicabilità dell'art. 817 c.p.c. — la sussistenza di entrambe le condizioni autonomamente sufficienti e risolutive riconducibili alla deduzione della parte ricorrente riguardante la radicale negazione della clausola compromissoria e il carattere comunque irrituale della procedura arbitrale instaurabile a seguito della contestata clausola compromissoria).

Cass. civ. n. 8563/1993

Con riguardo al giudizio dinnanzi ad arbitri, ogni questione concernente la violazione dei limiti del compromesso e della clausola compromissoria, trovando la propria specifica disciplina nell'art. 817 c.p.c., deve essere proposta «nel corso del procedimento arbitrale», con la conseguenza che in forza di tale disposizione, fatta salva dal successivo art. 829, n. 4, c.p.c., la mancata tempestiva proposizione dell'eccezione preclude alla parte interessata il diritto di impugnare per nullità sotto tale profilo la pronuncia arbitrale. A tal fine anche l'eccezione di incompetenza proposta in sede di comparsa conclusionale deve ritenersi formulata nei limiti temporali consentiti dall'art. 817 c.p.c., quando le parti siano state poste in grado, con l'assegnazione di termini articolati per lo scambio delle memorie conclusionali e per il deposito di memorie di replica, di controdedurre in ordine alla contestata competenza arbitrale.

Cass. civ. n. 12208/1992

In sede di impugnazione del lodo ex art. 828 c.p.c., la parte, che nel corso del procedimento arbitrale abbia rinunciato all'eccezione di incompetenza degli arbitri, prima formulata sotto il profilo che le questioni dedotte dall'altra parte esorbitavano dai limiti del compromesso o della clausola compromissoria, non può dedurre detta incompetenza quale motivo di nullità, in quanto l'eccezione di cui all'art. 817 c.p.c. ha natura relativa, per la cui la rinunzia ad essa è vincolante.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 817 Codice di procedura civile

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Romeo L. P. chiede
venerdì 23/11/2018 - Friuli-Venezia
“Gentilissimi,

l caso che vado ad esporre riguarda un arbitrato irrituale in cui sono stato nominato terzo arbitro in base alla clausola compromissoria prevista in contratto che sul punto così recita: “Eventuali controversie che insorgessero nell’interpretazione o nell’esecuzione del presente contratto o ad esse connesse ivi compreso i pagamenti verranno rimesse da un Collegio Arbitrale che avrà sede ad [omissis], composto da tre arbitri uno designato da ciascuna delle parti ed il terzo mediante sorteggio in una terna arbitrale designata dal Presidente dell’Ordine degli Ingegneri di [omissis].”
Dopo la costituzione del Collegio nella memoria della parte convenuta fra i motivi di difesa della stessa il 2° riguarda sul difetto di costituzione del Collegio Arbitrale così esposto
“Il sottoscrivente procuratore esprime in via preliminare dubbi sulla corretta costituzione del Collegio Arbitrale. Invero la clausola che all’art. 19 prevedeva la scelta del terzo arbitro dovesse avvenire mediante sorteggio in una terna arbitrale designata dal Presidente Ordine Ingegneri di Udine. Orbene la la nomina del Presidente del Collegio Arbitrale effettuata dal Pres. Ordine Ingegneri non contiene alcuna indicazione delle formalità eseguite per procedere alla corretta nomina dell’arbitro. Nello specifico , non viene dato atto alcuno del sorteggio tra i tre nominativi e ciò si traduce senza dubbio in un difetto di costituzione del Collegio.”
Effettivamente la nota con cui il Presidente dell’Ordine trasmette la designazione limitandosi a riportare il nominativo segnalato senza alcun altro riferimento riguardo la terna ed eventuali sorteggi.
In tale contesto mi pongo quale debba essere il mio atteggiamento sul punto alla prossima udienza in cui verranno affrontate le eccezioni preliminari che mi sembra avere questi due riferimenti: da un lato un principio generale di astenermi su un tema che mi riguarda direttamente anche nell’ipotesi di accogliere l’eccezione e dall’altro il disposto appunto dell’art.817 per cui gli arbitri giudicano sulla loro regolare costituzione. Peraltro con tali presupposti qualora,come probabile, gli altri due arbitri avessero posizioni opposte si creerebbe una difficile situazione di stallo.
Infine l'accoglimento dell’eccezione formulata come è meglio concluderla , con una sospensione che rimette alle parti per la richiesta di un nuovo terzo arbitro o con lodo parziale o con altre modalità.
Vi ringrazio per quanto potrete chiarirmi confidando che la Vs risposta possa arrivarmi per la prossima udienza del 3 dicembre.
Cordiali saluti

Consulenza legale i 28/11/2018
Nel nostro ordinamento, in presenza di una controversia è prevista per le parti la possibilità di ricorrere (in alternativa all’autorità giudiziaria) alla decisione di un collegio arbitrale.
Esistono due forme di giudizio arbitrale: quello rituale e quello irrituale. Quest’ultimo, è previsto dall’art. 808 ter c.p.c. introdotto dal D.Lgs 40/2006.
Con la sentenza n.23629 del 2015 la prima sezione civile della Corte di Cassazione ha fornito una distinzione esaustiva tra le due figure precisando che la differenza tra l'uno e l'altro tipo di arbitrato “va ravvisata nel fatto che, nell'arbitrato rituale, le parti vogliono che si pervenga ad un lodo suscettibile di essere reso esecutivo e di produrre gli effetti di cui all'art. 825 c. p. c., con l'osservanza delle regole del procedimento arbitrale, mentre nell'arbitrato irrituale esse intendono affidare all'arbitro (o agli arbitri) la soluzione di controversie (insorte o che possano insorgere in relazione a determinati rapporti giuridici) soltanto attraverso lo strumento negoziale, mediante una composizione amichevole o un negozio di accertamento riconducibile alla volontà delle parti stesse, le quali si impegnano a considerare la decisione degli arbitri come espressione della loro volontà”.
Quindi, a differenza che nell’arbitrato rituale (dove il lodo si sostituisce al provvedimento di un giudice), l’arbitrato irrituale comporta un lodo con effetto di contratto tra le parti (alternativo, dunque, e non sostitutivo).
Tale distinzione, osserva sempre la Suprema Corte, non è fine a sé stessa ma tra l’altro incide anche “sul problema processuale dell'ammissibilità della impugnazione del lodo per nullità, atteso che il lodo irrituale non è soggetto al regime di impugnazione previsto per quello rituale dall'art. 827 e ss. c.p.c., bensì alle impugnative negoziali, con riferimento sia alla validità dell'accordo compromissorio sia all'attività degli arbitri, da proporre con l'osservanza delle norme ordinarie sulla competenza e del doppio grado di giurisdizione”.

Ciò brevemente premesso, con riguardo al caso in esame si osserva quanto segue.

Nella presente vicenda, la formazione del collegio arbitrale (in particolare, la nomina del terzo arbitro) sarebbe avvenuta in violazione di quanto previsto nella clausola compromissoria.
Ciò comporta, per espressa previsione del sopra citato art. 808 ter c.p.c, che il lodo contrattuale emesso senza tenere conto dell’eccezione sollevata potrebbe essere suscettibile di annullamento da parte del giudice competente.
In merito all’eventuale astensione del terzo arbitro, si ritiene che essa sia un atto facoltativo e non obbligatorio.
Riguardo tale aspetto, si osserva infatti in primo luogo che non solo non siamo di fronte ad una delle ipotesi di ricusazione previste dall’art. 815 c.p.c, ma quest’ultimo riguarda esclusivamente l’arbitrato rituale e non quello irrituale (Cass. Civ. 8472/2002 e 7045/2000).
A ciò si aggiunga che per gli arbitri l’astensione non è prevista dalla legge come per i giudici.
Pertanto, come osserva anche la dottrina prevalente, l’astensione costituisce semmai un dovere morale e professionale.
Del resto, è proprio il legislatore all’art. 817 c.p.c. ad attribuire agli arbitri il potere di decidere sulla propria competenza in caso di contestazione sulla validità, il contenuto o l'ampiezza della convenzione d'arbitrato o la regolare costituzione del collegio.

Fermo quanto precede, in caso di accoglimento dell’eccezione formulata, occorrerebbe in primo luogo verificare se nella clausola compromissoria ovvero nel regolamento arbitrale di riferimento sia prevista una particolare procedura da adottare in caso venga riscontrata una irregolare formazione dell’organo arbitrale.
Ad esempio, il regolamento della camera arbitrale presso l’ordine degli avvocati di Roma prevede che laddove venga ravvisata nella nomina dei propri membri la violazione di una norma inderogabile applicabile al procedimento o delle disposizioni del Regolamento, l’Organo Arbitrale rivolge al Consiglio Direttivo un’ordinanza motivata di restituzione degli atti alla Camera Arbitrale, che equivale a rinuncia di tutti i membri dell’Organo Arbitrale.

Laddove non vi sia alcuna disposizione in merito né nella clausola compromissoria né nel regolamento arbitrale di riferimento, forse la soluzione migliore potrebbe essere quella della sostituzione del terzo arbitro a seguito di rinuncia del medesimo, come previsto dall’art. 811 c.p.c. Tale norma è infatti applicabile anche all’arbitrato irrituale (Cass. Civ. n.5777/2001).
In tal caso, se il compromesso o la clausola compromissoria nulla dispongono al riguardo, si applica la procedura prevista dall’art. 810 c.p.c., previa sospensione del procedimento arbitrale.
Tra l’altro, in tale ipotesi, la Cassazione con sentenza n.18194/2003 ha stabilito il principio secondo cui: “in materia di arbitrato irrituale, qualora uno degli arbitri sia stato irregolarmente nominato e le parti abbiano chiesto ed ottenuto dal presidente del tribunale la nomina di un nuovo arbitro, il mandato collettivo conferito agli arbitri originariamente designati deve ritenersi risolto, senza che possa rilevare, in contrario, il fatto che due dei tre arbitri siano rimasti immutati, non risultando neppure applicabile a questa fattispecie il principio dell’art. 811 c.p.c., il quale, prevedendo la possibilità di sostituire gli arbitri, mira ad assicurare la continuità del procedimento arbitrale, dato che esso non è riferibile al caso di irregolare costituzione del primo collegio, circostanza quest’ultima che vale ad escludere ogni continuità nell’attività dei due collegi.”


Testi per approfondire questo articolo

  • L' adjudication. Contributo allo studio di arbitrato e tutela cautelare

    Editore: Giappichelli
    Collana: Biblioteca di diritto processuale civile
    Data di pubblicazione: giugno 2019
    Prezzo: 57,00 -5% 54,15 €
    Categorie: Arbitrato
    Il volume è una monografia italiana dedicata alla Statutory Adjudication, ormai divenuta il mezzo ordinario di risoluzione delle controversie nel settore delle costruzioni, nel Regno Unito e in numerosi altri sistemi di common law. Il successo pratico non è però stato accompagnato da un'adeguata teorizzazione scientifica. È per questo che il volume, nel rivolgersi sia agli operatori professionali che al pubblico accademico, unisce alla dettagliata esposizione della... (continua)
  • L' arbitrato

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €
    Categorie: Arbitrato
    L'evoluzione normativa degli ultimi anni si è diretta nel senso di un «sempre più significativo investimento sugli strumenti di risoluzione delle controversie alternativi a quelli giurisdizionali». Il volume dà spazio non solo all'istituto regolato dal codice di procedura civile, ma approfondisce anche le numerose forme di arbitrato speciale; nei diciannove capitoli che lo compongono si offrono le soluzioni per procedere senza errori nelle Alternative Dispute... (continua)
  • Arbitrato. Commento al titolo VIII del libro IV del Codice di procedura civile. Artt. 806-840

    Editore: Zanichelli
    Collana: Le riforme del diritto italiano
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 178,00 -5% 169,10 €
    Categorie: Arbitrato
    Dalla seconda edizione di questo libro apparsa nel 2007, vi sono state molte novità. La giurisprudenza e la dottrina hanno offerto notevoli contributi allo sviluppo dell'arbitrato: la stessa Corte costituzionale si è preoccupata di assicurare la sua piena fungibilità rispetto alla giurisdizione statuale, garantendo (seppur a senso unico) la translatio iudicii. Il legislatore, dal canto suo, è intervenuto ripetutamente, per tagliare l'arbitrato su misura, con... (continua)
  • Guida operativa all'arbitrato

    Pagine: 330
    Data di pubblicazione: dicembre 2018
    Prezzo: 38,00 -5% 36,10 €
    Categorie: Arbitrato
    La riforma dell'arbitrato, attuata con il D. Lgs. 2 febbraio 2006 e la successiva introduzione della mediazione e conciliazione di cui al D. Lgs. 4 marzo 2010, n. 28, hanno delineato le vie extragiudiziarie per la risoluzione delle controversie aventi ad oggetto diritti disponibili. Tali disposizioni si sono aggiunte a quelle introdotte con il D. Lgs. 17 gennaio 2003, n. 5 che agli artt. 34, 35, 36 e 37 dettano norme speciali sull'arbitrato societario che completano il mosaico giuridico della... (continua)
  • La compromettibilità in arbitrato secondo l'ordinamento italiano

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Insubria-Fac. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: luglio 2018
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €
    Categorie: Arbitrato