Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 753 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 29/04/2022]

Persone che possono chiedere l'apposizione

Dispositivo dell'art. 753 Codice di procedura civile

Possono chiedere l'apposizione dei sigilli:

  1. 1) l'esecutore testamentario (1);
  2. 2) coloro che possono avere diritto alla successione [565] (2);
  3. 3) le persone che coabitavano col defunto, o che al momento della morte erano addette al suo servizio, se il coniuge, gli eredi o alcuno di essi sono assenti dal luogo (3);
  4. 4) i creditori (4).

L'istanza si propone mediante ricorso [125], nel quale il proponente deve dichiarare la residenza o eleggere domicilio [c.c. 43, 47] nel comune in cui ha sede il tribunale (5).

Note

(1) Tra i soggetti legittimati a proporre il ricorso per l'apposizione dei sigilli rientra l'esecutore testamentario il quale risulta libero di valutare l'opportunità di ricorrere alla sigillazione. Tuttavia, l'esecutore è obbligato a chiedere l'apposizione dei sigilli ai sensi dell'art. 705 del c.c. nell'ipotesi in cui tra i chiamati all'eredità vi siano minori, assenti, interdetti o persone giuridiche.
(2) Gli altri soggetti legittimati a chiedere con ricorso l'apposizione dei sigilli sono coloro che possono avere diritto alla successione ovvero coloro che potrebbero essere chiamati all'eredità come gli eredi legittimi e testamentari ed i legatari. Inoltre, anche coloro che coabitavano con il defunto o che erano addette al suo servizio, qualora il coniuge e/o gli eredi assenti dal luogo di apertura della successione ed infine i creditori.
(3) L'istanza per l'apposizione si propone con ricorso, nel quale il ricorrente deve dichiarare la residenza o eleggere domicilio nel comune in cui ha sede il Tribunale ed indicare i motivi della sua richiesta. Inoltre, si precisa che le spese della procedura sono a carico del patrimonio ereditario nel caso di accettazione con beneficio di inventario o di richiesta avanzata dall'esecutore testamentario. Negli altri casi, le spese cono a carico del beneficiario del provvedimento.
(4) Si precisa inoltre che i soggetti legittimati a proporre il ricorso per l'apposizione dei sigilli sono non soltanto i creditori del defunto, ma anche i creditori dell'erede, eccetto il caso in cui quest'ultimo non sia in possesso materiale dei beni ereditari, poiché se così fosse i creditori potranno agire per ottenere il provvedimento di sequestro (671) o agire esecutivamente.
(5) Le parole «la pretura» sono state sostituite con le parole «il tribunale» ai sensi dell'art. 110, d.lgs. 19-2-1998, n. 51, recante l'istituzione del giudice unico, a decorrere dal 2-6-1999.

Spiegazione dell'art. 753 Codice di procedura civile

La norma in esame individua i soggetti legittimati a proporre l’istanza per l'apposizione dei sigilli e va integrata con il successivo art. 754 del c.p.c., il quale prevede l'iniziativa ufficiosa e del pubblico ministero.
Viene in primo luogo individuato tra i soggetti legittimati l'esecutore testamentario, il quale, secondo quanto disposto dall’art. 705 del c.p.c., ha l'obbligo di chiedere l'apposizione dei sigilli quando tra i chiamati all'eredità vi siano minori, assenti, interdetti o persone giuridiche (si ritiene che tale obbligo sussista anche quando tra i chiamati vi siano inabilitati o minori emancipati).

Il n. 2 fa riferimento a “coloro che possono avere diritto alla successione”.
Secondo la tesi che si ritiene preferibile, tale categoria comprende gli eredi, sia legittimi che testamentari, ed i legatari, i quali, tuttavia, non devono essere nel possesso dei beni ereditari (in caso contrario, infatti, mancherebbe il requisito della vacanza nell'amministrazione dei beni ereditari).
Con tale richiesta i successibili possono porsi al riparo da responsabilità verso gli altri coeredi o creditori, ovvero possono disporre di un congruo lasso di tempo per decidere, senza assumere obblighi di amministrazione del patrimonio del defunto, se accettare o meno l'eredità.

Il n. 3 include tra i legittimati le persone che coabitavano col defunto o che al momento della sua morte erano al suo servizio, nel caso in cui il coniuge, gli eredi o alcuni di essi sono assenti dal luogo.
Con l'apposizione dei sigilli si consente a costoro, gravati di un onere di custodia, di liberarsi da eventuali responsabilità verso gli aventi diritto in relazione alla conservazione e alla consistenza del patrimonio del defunto che, altrimenti, rischierebbe di essere trafugato (l’espressione “assenza” si deve intendere nel senso di lontananza di fatto dal luogo di apertura della successione).

Il n. 4 estende la legittimazione ai creditori e tale estensione trova la sua giustificazione nel fatto che il patrimonio del defunto rappresenta, per i creditori, la garanzia del loro credito, che rischia di andare dissolta mentre l'amministrazione dei beni è vacante (in questo caso, dunque, l'apposizione dei sigilli assume una funzione di garanzia patrimoniale).
In quest’ultima categoria devono intendersi compresi anche i creditori dell'erede, sempre che gli stessi non siano nel possesso dei beni ereditari perché, in tal caso, dovrebbero tutelarsi con azioni cautelari o esecutive.
E’ bene chiarire che l'apposizione dei sigilli non può sostituire le ordinarie azioni che i creditori devono esperire a tutela dei propri diritti, in quanto essa è diretta a salvaguardare il patrimonio relitto, ma non le posizioni soggettive dei creditori istanti.

Il secondo comma stabilisce espressamente che l'istanza si propone con ricorso, mentre, per quanto concerne il suo contenuto, la norma si limita a disporre che vi deve essere dichiarata la residenza, o eletto domicilio, nel comune in cui ha sede il tribunale.
Nel ricorso l'istante deve fornire la giustificazione della propria legittimazione attiva ed esporre i motivi specifici per i quali propone l'istanza, individuando la norma di riferimento; in particolare, nell’esporre le ragioni della domanda, occorre dare prova al giudice della soluzione di continuità che si è venuta a creare nell'amministrazione e custodia dei beni ereditari a seguito del decesso del de cuius (circostanza, questa, che costituisce il presupposto del procedimento in esame).
Al ricorso l'istante può allegare i documenti che forniscono la prova dei presupposti della sigillazione (morte) e della legittimazione (possono essere tali il verbale di accettazione della carica di esecutore testamentario o il testamento).
Non è prevista la previa instaurazione del contraddittorio con i controinteressati, ma se questi vengono indicati nell'istanza, il giudice sarà tenuto a sentirli.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Idee regalo per avvocati e cultori del diritto