Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 718 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

[Aggiornato al 29/02/2020]

Legittimazione all'impugnazione

Dispositivo dell'art. 718 Codice di procedura civile

La sentenza (1) che provvede sulla domanda d'interdizione o d'inabilitazione può essere impugnata (2) da tutti coloro che avrebbero avuto diritto di proporre la domanda [417], anche se non parteciparono al giudizio (3), e dal tutore o curatore nominato con la stessa sentenza (4).

Note

(1) Il provvedimento con cui il giudice dichiara l'interdizione o l'inabilitazione assume la forma della sentenza, nonostante quello in esame sia pur sempre un procedimento di volontaria giurisdizione. Pertanto, la sentenza è sì idonea al passaggio in giudicato ma solamente al giudicato formale, poichè si tratta di un provvedimento pronunciato sulla scorta del principio rebus sic stantibus.
(2) L'impugnazione della sentenza che ha pronunciato l'interdizione o l'inabilitazione deve essere proposta con atto di citazione che va notificato alle persone indicate di cui all'art. 719 del c.p.c., entro il termine di trenta giorni dalla notifica della sentenza effettuata a tutti coloro che hanno partecipato al giudizio.
(3) Si precisa che i procedimenti relativi all'interdizione e all'inabilitazione, trattandosi di provvedimenti relativi a questioni di stato e capacità, prevedono la partecipazione necessaria del pubblico ministero, il quale deve intervenire nel giudizio o agire a pena di nullità. Pertanto, il ricorso per cassazione contro la sentenza emessa nel giudizio di interdizione o inabilitazione deve essere notificato al p.m. presso il giudice a quo, al fine di consentirgli il pieno esercizio delle facoltà processuali spettanti alle parti private. Nel caso in cui venga omessa tale notifica, senza che sia disposta l'integrazione del contraddittorio, la conseguenza sarà la pronuncia di dichiarazione dell'inammissibilità del ricorso.
(4) La norma si riferisce al tutore o il curatore provvisorio di cui all'art.717.

Massime relative all'art. 718 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 2692/1974

Le sentenze in materia di interdizione o di inabilitazione possono essere impugnate da tutti coloro che avrebbero avuto diritto di proporre la domanda, anche se non parteciparono al giudizio. A maggior ragione, quindi, la sentenza pu˛ essere impugnata da una delle persone legittimate a chiedere l'interdizione o l'inabilitazione, ai sensi dell'art. 417 c.c., la quale sia intervenuta nel relativo giudizio. La competenza per territorio in materia di interdizione si determina in base al luogo di residenza effettiva o di domicilio dell'interdicendo, senza che si possa opporre che il trasferimento del convenuto da una sede all'altra non sia stato denunziato nei modi stabiliti dall'art. 44 c.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!