Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 713 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n.1443)

Provvedimenti del presidente

Dispositivo dell'art. 713 Codice di procedura civile

Il presidente ordina la comunicazione del ricorso al pubblico ministero. Quando questi gliene fa richiesta, può con decreto rigettare senz'altro la domanda (1)(2); altrimenti nomina il giudice istruttore e fissa l'udienza di comparizione davanti a lui del ricorrente, dell'interdicendo o dell'inabilitando e delle altre persone indicate nel ricorso, le cui informazioni ritenga utili.

Il ricorso e il decreto sono notificati a cura del ricorrente, entro il termine (3) fissato nel decreto stesso, alle persone indicate nel comma precedente; il decreto è comunicato al pubblico ministero(4).

Note

(1) Con la sentenza del 5-7-1968, n. 87, la Consulta ha dichiarato l'illegittimità del secondo periodo del primo comma del presente articolo «nella parte in cui permette al tribunale di rigettare senz'altro, e cioè senza istruire contraddittorio con la parte istante, la domanda d'interdizione o d'inabilitazione, ove il pubblico ministero ne faccia richiesta». Per effetto di tale pronuncia, il presidente deve comunicare al ricorrente la richiesta del p.m., fissando una udienza di comparizione nella quale l'istante può esercitare il suo diritto di difesa. Il ricorso viene dichiarato inammissibile nelle ipotesi di difetto di legittimazione o di incompetenza del giudice adìto. Si considera riproponibile senza limitazioni il ricorso introduttivo, anche in assenza di nuove circostanze.
(2) La fase iniziale del procedimento di interdizione o inabilitazione, caratterizzata dalla comunicazione al P.M., del ricorso ha la funzione di evitare lo svolgimento di giudizi palesemente infondati e potenzialmente lesivi per l'interdicendo o inabilitando.
(3) Tale termine viene considerato ordinatorio ai sensi dell'art.154 c.p.c..
(4) Si precisa che secondo l'opinione giurisprudenziale più recente, i provvedimenti emessi dal Presidente del Tribunale non potrebbero essere impugnati con lo strumento del reclamo al presidente della Corte d'appello vista la mancanza di un'espressa previsione legislativa in tal senso. Diversamente, visto il vuoto legislativo, parte della dottrina ne ammette l'impugnabilità.

Massime relative all'art. 713 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 1678/1972

Non ha carattere di sentenza, e quindi non č impugnabile ex art. 111 Cost. il decreto con cui il presidente del tribunale nomina, ai sensi dell'art. 713 c.p.c., il giudice istruttore e fissa l'udienza di comparizione per l'istruzione della domanda di interdizione.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!