Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 662 Codice di procedura civile

(R.D. 28 ottobre 1940, n. 1443)

Mancata comparizione del locatore

Dispositivo dell'art. 662 Codice di procedura civile

Gli effetti (1) dell'intimazione cessano, se il locatore non comparisce all'udienza fissata (2) nell'atto di citazione.

Note

(1) La mancata comparizione dell'intimante comporta la cessazione di tutti gli effetti processuali dell'intimazione, mentre restano quelli sostanziali, come ad esempio quello di impedire il rinnovo tacito del contratto. Viene meno la possibilità che l'intimazione acquisti l'efficacia ed il valore di titolo esecutivo, nonchè l'effetto della possibile trasformazione del procedimento in un giudizio di cognizione, nelle forme del rito locatizio. La pronuncia che dichiara cessati gli effetti processuali dell'intimazione regola anche le spese processuali.
(2) Nel caso in cui il giudice non dichiari l'estinzione del procedimento per mancata comparizione del locatore ma rinvii ad altra udienza in cui, comparso il locatore, convalidi la licenza o lo sfratto, il provvedimento deve considerarsi nullo.
Diversamente, se il locatore compare ma solo per dichiarare la sua desistenza il giudice dovrà dichiarare la cessazione della materia del contendere, poichè la norma in esame trova applicazione nella sola ipotesi in cui il locatore non compaia.

Massime relative all'art. 662 Codice di procedura civile

Cass. civ. n. 15933/2012

Nel procedimento per convalida di sfratto, ove il locatore intimante non compaia all'udienza indicata nell'atto di citazione ed il conduttore intimato, comparso a tale udienza, chieda la condanna del locatore alle spese, è impugnabile con l'appello, e non con il ricorso straordinario per cassazione, il provvedimento col quale il giudice, ai sensi dell'art. 662 c.p.c., dichiarata l'estinzione del procedimento di convalida, ponga le spese di giudizio a carico dell'intimante, trattandosi di provvedimento decisorio di merito in relazione al quale manca - a differenza di quanto previsto dall'art. 306 comma 4, c.p.c., - un'espressa previsione di non impugnabilità.

Cass. civ. n. 12117/2003

Presupposto necessario della cessazione degli effetti processuali dell'intimazione di sfratto per morosità ai sensi dell'art. 662, c.p.c., è la mancata comparizione del locatore all'udienza fissata nell'atto di citazione e, pertanto, detta norma non è applicabile, qualora il locatore compaia a detta udienza, sia pure allo scopo di dare atto della propria desistenza, chiedendo che sia dichiarata cessata la materia del contendere, soprattutto nel caso in cui il conduttore abbia contestato l'inadempimento, proponendo domanda riconvenzionale nei confronti del locatore.

Cass. civ. n. 4171/1988

La mancata comparizione del locatore all'udienza fissata per la convalida (anche nel caso di rinvio d'ufficio ex artt. 168 bis c.p.c. e 82 disp. att. stesso codice) fa perdere alla intimazione tutti gli effetti di carattere processuale (salvi quelli sostanziali di impedire, ad esempio, la rinnovazione tacita del contratto) e, cioè, il venir meno della possibilità di divenire titolo esecutivo nonché l'altro effetto della possibile trasformazione del procedimento in un ordinario giudizio di cognizione, non potendo la citazione, contenuta nell'intimazione, conservare in tale caso il carattere di atto autonomo distinto. Pertanto, qualora all'udienza anzidetta non compaiano né il locatore né il conduttore, il giudice, ai sensi dell'art. 662 c.p.c. — norma speciale in deroga alla norma generale dell'art. 181 c.p.c. — deve dichiarare estinto il procedimento di convalida con la conseguenza che ove, invece, rinvii la causa ad altra udienza in cui, comparso il locatore, convalida la licenza (o lo sfratto), il provvedimento è nullo.

Cass. civ. n. 2082/1983

La cessazione degli effetti dell'intimazione, nel procedimento per convalida di sfratto, a seguito della mancata comparizione del locatore all'udienza fissata nell'atto di citazione, si verifica anche quando la mancata comparizione dipenda dal fatto che non si sia provveduto all'iscrizione della causa al ruolo, ricorrendo anche in tale ipotesi, ed a maggior ragione, la presunzione di abbandono dell'azione cui la legge ricollega l'indicato effetto, e tenuto conto, altresì, che nei procedimenti dinanzi al conciliatore ed al pretore non è necessaria la preventiva costituzione in cancelleria, potendo questa avere luogo nel giorno stesso dell'udienza fissata in citazione. L'ordinanza di convalida non può essere pertanto emanata all'udienza fissata con atto riassuntivo ex art. 307 c.p.c., salvo che tale atto non presenti i necessari requisiti di forma e di sostanza tali da farlo valere come nuova intimazione ed ulteriore citazione per la convalida.

Cass. civ. n. 2263/1975

Nel procedimento per convalida di sfratto, la mancata comparizione del locatore, all'udienza fissata per la convalida, determina, a norma dell'art. 662 c.p.c., la cessazione degli effetti processuali dell'intimazione, ma non anche il venir meno della portata sostanziale dell'intimazione stessa quale dichiarazione del locatore, diretta al conduttore, di voler far cessare il rapporto e conseguire la disponibilità del bene locato. Nonostante la mancata comparizione del locatore, si deve, pertanto, riconoscere all'intimato la facoltà di costituirsi e di provocare l'accertamento negativo del dedotto diritto alla cessazione del rapporto, trasformando così il procedimento speciale in un ordinario giudizio di cognizione. In tale giudizio il locatore potrà successivamente costituirsi, rimanendo precluso al conduttore di invocare tardivamente gli indicati effetti estintivi previsti dall'art. 662 c.p.c.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Sfratto per morosità e per finita locazione

    Editore: Giuffrè
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 48,00 -5% 45,60 €

    Il volume fornisce uno strumento pratico per affrontare le ipotesi più o meno frequenti in cui trova applicazione il procedimento di sfratto, le cui regole non sempre incontrano un'univoca interpretazione giurisprudenziale. Il volume è aggiornato al cd. decreto del fare (d.l. 69/2013, conv. con mod. in l. 98/2013) che ha introdotto l'obbligo della mediazione e la proposta di conciliazione del giudice. Per ciascun caso affrontato, si esaminano gli aspetti sostanziali e... (continua)

  • Il processo delle locazioni. Rito locatizio, convalida di sfratto, altri procedimenti, esecuzione forzata

    Editore: CEDAM
    Pagine: 366
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    Il secondo volume della collana “Il codice e le leggi sul processo civile” è dedicato al c.d. “processo delle locazioni”, e cioè all’insieme dei modelli processuali che regolano le controversie in materia di locazioni di immobili, uno dei settori più significativi del contenzioso civile in termini numerici e di rilevanza (anche sociale).

    Il processo delle locazioni ha lo scopo di realizzare un punto di equilibrio tra gli interessi... (continua)