Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 136 bis Codice della strada

(D.lgs. 30 aprile 1992, n. 285)

[Aggiornato al 26/02/2020]

Disposizioni in materia di patenti di guida e di abilitazioni professionali rilasciate da Stati dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo

Dispositivo dell'art. 136 bis Codice della strada

1. Le patenti di guida rilasciate dagli Stati membri dell'Unione europea e dello Spazio economico europeo sono equiparate alle corrispondenti patenti di guida italiane. I conducenti muniti di patente di guida rilasciata da uno Stato appartenente all'Unione europea o allo Spazio economico europeo, sono tenuti all'osservanza di tutte le disposizioni e le norme di comportamento stabilite nel presente codice; ai medesimi si applicano le sanzioni previste per i titolari di patente italiana.

2. Il titolare di patente di guida in corso di validità, rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, che abbia acquisito residenza in Italia ai sensi dell'articolo 118-bis, può richiedere il riconoscimento della medesima da parte dello Stato italiano. Alle patenti di guida rilasciate da Stati dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo riconosciute dall'autorità italiana, si applica la disciplina dell'articolo 126 bis.

3. Il titolare di patente di guida in corso di validità, rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, che abbia acquisito residenza in Italia ai sensi dell'articolo 118 bis, può richiedere la conversione della patente posseduta in patente di guida italiana, valida per le stesse categorie alle quali è abilitato, senza sostenere l'esame di idoneità di cui all'articolo 121. L'ufficio della motorizzazione provvede a tale fine a verificare per quale categoria la patente posseduta sia effettivamente in corso di validità. La patente convertita è ritirata e restituita, da parte dell'ufficio della motorizzazione che ha provveduto alla conversione, all'autorità dello Stato che l'ha rilasciata, precisandone i motivi. Le medesime disposizioni si applicano per le abilitazioni professionali, senza peraltro provvedere al ritiro dell'eventuale documento abilitativo a sé stante. Il titolare di patente di guida, senza limiti di validità amministrativa, trascorsi due anni dall'acquisizione della residenza normale, deve procedere alla conversione della patente posseduta.

4. Nei confronti dei titolari di patente di guida rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, che abbiano acquisito residenza in Italia ai sensi dell'articolo 118 bis si applicano le disposizioni di cui all'articolo 128. A tale fine è fatto obbligo al titolare di procedere al riconoscimento o alla conversione della patente posseduta prima di sottoporsi alla revisione.

5. Le disposizioni di cui ai commi 2 e 3 non si applicano quando la patente di guida della quale si chiede il riconoscimento o la conversione è sospesa o revocata dallo Stato che la ha rilasciata.

6. Il titolare di patente di guida in corso di validità, rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, che abbia acquisito residenza in Italia ai sensi dell'articolo 118 bis, può ottenere da un ufficio della motorizzazione il rilascio di un duplicato della patente posseduta, qualora questa sia stata smarrita o sottratta. L'ufficio della motorizzazione procede al rilascio del duplicato in base alle informazioni in proprio possesso o, se del caso, in base alle informazioni acquisite presso le autorità competenti dello Stato che ha rilasciato la patente originaria.

7. Il titolare di patente di guida rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo che guidi veicoli senza la prescritta abilitazione professionale, è soggetto alle sanzioni di cui all'articolo 116, commi 16 e 18.

8. Il titolare di patente di guida o altra abilitazione professionale, rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, residente in Italia ai sensi dell'articolo 118 bis, che circola con i predetti documenti scaduti di validità, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria di cui all'articolo 126, comma 11. Alla violazione consegue la sanzione amministrativa accessoria del ritiro del documento scaduto di validità, secondo le norme del capo I, sezione II, del titolo VI. Le medesime sanzioni si applicano nell'ipotesi di violazione delle disposizioni del comma 3, ultimo periodo.

9. Il titolare di patente di guida o altra abilitazione professionale, rilasciata da uno Stato dell'Unione europea o dello Spazio economico europeo, non residente in Italia ai sensi dell'articolo 118 bis, che circola con i predetti documenti scaduti di validità, è soggetto alla sanzione amministrativa pecuniaria di cui all'articolo 126, comma 11. Si applicano le disposizioni dell'articolo 135, comma 13, terzo periodo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Consulenze legali
relative all'articolo 136 bis Codice della strada

Seguono tutti i quesiti posti dagli utenti del sito che hanno ricevuto una risposta da parte della redazione giuridica di Brocardi.it usufruendo del servizio di consulenza legale. Si precisa che l'elenco non è completo, poiché non risultano pubblicati i pareri legali resi a tutti quei clienti che, per varie ragioni, hanno espressamente richiesto la riservatezza.

Raniero P. chiede
mercoledì 15/01/2020 - Sardegna
“Un cittadino europeo in possesso di patente di guida Ue senza scadenza di validità residente in Italia da più di due anni è obbligato alla conversione della patente ? Possono richiedere la revisione (con accertamento delle capacità di guida)

Eventualmente non lo facesse cosa rischia.

Grazie”
Consulenza legale i 21/01/2020
La fattispecie descritta è disciplinata espressamente dall’art. 136 bis del Codice della strada.

Tale norma prevede innanzitutto una equiparazione delle patenti di guida rilasciate da uno degli Stati membri dell’Unione europea alle corrispondenti patenti di guida italiane, il che comporta che non occorrerà sostituire la patente né sostenere un nuovo esame di guida, a condizione che la patente sia valida, non sia stata sospesa, soggetta a restrizioni o revocata nel paese che l’ha rilasciata e che il titolare abbia raggiunto l’età necessaria richiesta in Italia per guidare un veicolo della categoria equivalente.

Precisa tuttavia l’ultima parte del terzo comma della medesima norma che il titolare di una patente di guida, rilasciata da uno Stato dell’Unione europea o dello spazio economico europeo, senza limiti di validità amministrativa, trascorsi due anni dalla acquisizione della residenza normale in Italia, deve procedere alla conversione della patente posseduta.

Per il concetto di residenza normale viene richiamato l’art. 118 bis del codice strada, il quale precisa che si considera tale il luogo, situato sul territorio nazionale, in cui una persona dimora abitualmente, per interessi personali o professionali, per almeno 185 giorni all’anno.
Ciò comporta che, trascorsi due anni da quando si è residenti in Italia, colui il quale sia titolare di patente di guida conseguita in altro stato membro dell’unione europea, deve prima procedere alla conversione della patente posseduta e successivamente sottoporsi alla revisione della stessa secondo la procedura prevista dall’art. 128 del codice strada.
Prevede quest’ultima norma che la revisione viene effettuata presso le commissioni mediche locali mediante accertamento dei requisiti psichici e fisici.

Per quanto concerne le conseguenze della mancata conversione e successiva revisione, queste sono espressamente previste dal comma 8 dell’art. 136 bis codice della strada, il quale dispone che all’ipotesi di mancata conversione della patente di guida (e conseguente revisione) si applicano le medesime disposizioni previste per il titolare di patente di guida o altra abilitazione professionale che circoli con i predetti documenti scaduti di validità.
Nel concreto si potrà incorrere nella sanzione amministrativa pecuniaria di cui al comma 11 dell’art. 126 del codice strada (ossia pagamento di una somma di denaro da euro 158 ad euro 639), oltre che nella sanzione amministrativa accessoria del ritiro del documento che abilita alla guida.

Con particolare riferimento al riconoscimento reciproco delle patenti di guida rilasciate dagli Stati membri, e dunque ai fini della necessaria conversione a cui prima si è fatto riferimento, occorre richiamare la disciplina contenuta nella Direttiva 2006/126/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 20 dicembre 2006, il cui art. 2 dispone che, nel caso in cui un soggetto abbia acquisito la sua residenza normale in uno Stato membro diverso da quello che gli ha rilasciato la patente di guida, e tale patente sia sprovvista del periodo di validità amministrativa di cui al successivo art. 7 della medesima direttiva, lo Stato membro ospitante può applicare alla patente i periodi di validità amministrativa di cui al successivo art.7, rinnovando la patente di guida (mediante conversione e revisione) a partire da due anni dopo la data in cui il titolare ha acquisito la residenza normale nel territorio di quello stato.

Tale art. 7 prevede una validità amministrativa di 10 anni per le patenti di guida di tipo AM, A1, A2, A, B, B1 e BE, mentre viene prevista una validità di soli 5 anni per le patenti di guida di categorie C, CE, C1, CIE, D, DE, D1, D1E.
Per la tabella relativa alle equivalenze fra le categorie di patenti di guida si rinvia, invece, alla decisione (UE) 2016/1945 della Commissione del 14 ottobre 2016.


Testi per approfondire questo articolo

  • Nuovo codice della strada e regolamento. Ediz. minor. Con aggiornamento online

    Collana: Codici Simone minor
    Pagine: 896
    Data di pubblicazione: aprile 2016
    Prezzo: 16,00 -5% 15,20 €
    Questa nuova edizione del Codice della Strada con Regolamento, giunto alla sua XVII edizione, viene data alle stampe per dar conto delle importanti novità introdotte in materia di circolazione stradale dalla L. 23-3-2016, n. 41 (Omicidio stradale e lesioni personali stradali) nonché dal D.Lgs. 15-1-2016, n. 8 (Depenalizzazione) che, nel depenalizzare tutti i reati puniti con la sola pena della multa o dell'ammenda, ha modificato gli importi dell'articolo 116, comma 15,... (continua)
  • Nuovo codice della strada e regolamento. Annotato con la giurisprudenza. Con aggiornamento online

    Collana: I codici commentati
    Pagine: 1232
    Data di pubblicazione: maggio 2016
    Prezzo: 40,00 -5% 38,00 €
    Il volume riporta, in calce a ciascun articolo, un'aggiornata e ragionata selezione della giurisprudenza civile, penale, di legittimità e di merito articolata in paragrafi, per consentire una rapida consultazione ed un'agevole ricerca della casistica relativa a ciascun articolo. L'opera, inoltre, traccia, attraverso una dettagliata titolatura delle sentenze riportate, i percorsi più significativi di sviluppo delle problematiche relative ai principali istituti e si indirizza agli... (continua)
  • Prontuario delle violazioni al codice della strada

    Autore: Padula Silvio
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 24,00 -5% 22,80 €

    Il Prontuario, aggiornato con tutte le modifiche intervenute fino a aprile 2013, è uno strumento di lavoro indispensabile per gli uffici e per gli operatori di polizia stradale.

    (continua)
  • Codice della strada

    Editore: Giuffrè
    Collana: Le fonti del diritto italiano
    Data di pubblicazione: giugno 2014
    Prezzo: 140,00 -5% 133,00 €

    Il volume, prima edizione nella collana delle Fonti, contiene il nuovo Codice della strada e il Regolamento di esecuzione, commentati con la dottrina e annotati con la giurisprudenza. Il Codice, corredato con i testi previgenti di più recente emanazione, è aggiornato alle ultime novità legislative, con richiami alla normativa correlata, ampie bibliografie, e puntuali riferimenti alle più recenti decisioni giurisprudenziali. Nello specifico, oltre... (continua)

  • Codice della strada

    Pagine: 180
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 14 €

    Il codice della strada aggiornato con il Decreto Legge 21 giugno 2013, n. 69.

    (continua)
  • Prontuario delle violazioni al codice della strada

    Autore: Padula Silvio
    Pagine: 666
    Data di pubblicazione: maggio 2017
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    La nuova edizione del "Prontuario delle violazioni al codice della strada" è aggiornata con tutte le modifiche intervenute fino a gennaio 2017. Riporta le avvertenze procedurali riguardanti: la verbalizzazione degli illeciti amministrativi, l'applicazione delle sanzioni accessorie, le sanzioni accessorie a sanzioni amministrative pecuniarie, la decurtazione dei punti dalla patente, gli illeciti penali, le sanzioni amministrative accessorie a sanzioni penali, i reati di omicidio... (continua)