Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 20 Codice dell'ambiente

(D.lgs. 3 aprile 2006, n. 152)

[Aggiornato al 30/11/2020]

Consultazione preventiva

Dispositivo dell'art. 20 Codice dell'ambiente

1. Il proponente ha la facoltà di richiedere, prima di presentare il progetto di cui all'articolo 5, comma 1, lettera g), una fase di confronto con l'autorità competente al fine di definire la portata e il livello di dettaglio delle informazioni necessarie da considerare per la redazione dello studio di impatto ambientale. A tal fine, il proponente trasmette, in formato elettronico, una proposta di elaborati progettuali. Sulla base della documentazione trasmessa dal proponente, l'autorità competente trasmette al proponente il proprio parere(1).

Note

(1) Il D.L. 16 luglio 2020, n. 76 ha disposto, con l'art. 50, comma 3, che la presente modifica si applica alle istanze presentate a partire dal trentesimo giorno successivo alla data di entrata in vigore della legge di conversione del medesimo D.L.

Massime relative all'art. 20 Codice dell'ambiente

Cons. Stato n. 3081/2016

La normativa nazionale (combinato disposto dell'art. 20 del D.Lgs. n. 152/2006 e art. 12 del D.Lgs. n. 387/2003) e quelle regionali stabiliscono delle stringenti griglie di termini anche in tema di valutazione preliminare di sottoponibilità a VIA (c.d. screening), il decorso dei quali di per sé comporta: a) l'impossibilità per l'Ente di richiedere ulteriori integrazioni documentali; b) l'illegittimità, in ogni caso, del provvedimento di sottoposizione a VIA del progetto in esame.

Cons. Stato n. 1239/2016

I termini per la conclusione del procedimento di verifica dell'assoggettabilità di un progetto a V.I.A. (Valutazione d'Impatto Ambientale) ai sensi dell'art. 20 del D.Lgs. n. 152/2006 possono ritenersi non perentori bensì ordinatori perché l'inosservanza dei medesimi non comporta alcuna causa inficiante la validità della procedura con conseguente illegittimità dei relativi atti, né implica alcuna decadenza per l'Amministrazione dal potere di provvedere, benché tardivamente. Tuttavia, la violazione dei termini prevista dal suddetto art. 20 comporta, in presenza dei relativi presupposti, effetti di altro genere quali responsabilità disciplinari, penali, contabili e risarcitorie per danni da ritardo.

Cons. Stato n. 975/2015

I progetti di realizzazione di villaggi turistici (di superficie superiore a 5 ettari, centri residenziali turistici ed esercizi alberghieri con oltre 300 posti letto o volume edificato superiore a 25.000 m³ o che occupi una superficie superiore ai 20 ettari, esclusi quelli ricadenti all'interno di centri abitati) devono sottoposti alla procedura di cui all'art. 20, D.Lgs. 3.4.2006 n. 152, per la verifica di assoggettabilità a fini VIA, e solo ove all'esito di tale verifica si ritenga che l'opera possa potuto produrre impatti significativi e negativi sull'ambiente, si deve procedere alla VIA (ossia alla vera e propria valutazione d'impatto ambientale). (Conferma con diversa motivazione T.a.r. Basilicata, Sezione I, n. 527/2013).

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!