Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1072 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Estinzione per confusione

Dispositivo dell'art. 1072 Codice civile

La servitù si estingue quando in una sola persona si riunisce la proprietà del fondo dominante con quella del fondo servente [1014 n. 2, 2862].

Ratio Legis

La confusione estingue la servitù in quanto diventa impossibile conservare separatamente una facoltà che compete già al proprietario.

Brocardi

Nemini res sua servit

Spiegazione dell'art. 1072 Codice civile

Estinzione della servitù per confusione

Viene qui disposta la c. d. estinzione per confusione. Le servitù, come in genere i diritti reali a contenuto tipicamente più limitato della proprietà, presuppongono essenzialmente se non proprio la res aliena (sarebbe configurabile astrattamente l'ipotesi della servitus in re nullius, se ora non vi ostasse praticamente il principio sancito nell' art. 827 del c.c.) almeno la res non propria, la mancanza insomma del diritto di proprietà di quello stesso che deve essere il titolare della servitù, sull'oggetto di questa, che è il fondo servente. Il principio che nemini res sua servit esplica qui tutta la sua efficacia.

Questo naturalmente non impedisce che, materialmente, fra due fondi di uno stesso proprietario possa esistere e continuare la prestazione di un servizio o di una utilità permanente quale potrebbe formare il contenuto di una servitù, ma tale possibilità scaturisce dal libero esercizio della proprietà su ambedue quei fondi, e come la servitù non sorge, pur trovandosi i fondi medesimi in rapporto di fatto di servitù, se non vengano ad appartenere a proprietari diversi (costituzione per destinazione del padre di famiglia, v. retro), cosi se due fondi già di proprietari diversi vengono in mano di uno solo, si estingue.

L' estinzione è effettiva e definitiva, senza possibilità di reviviscenza, anche se la proprietà dei fondi ritorni a separarsi. Giustamente si osservò nella Relazione al Re sull'articolo in questione (n. 106), che se dovesse risolversi l'acquisto, e con esso la confusione, con efficacia retroattiva (ad es. per l'avverarsi della condizione risolutiva), la servitù non tanto risorgerebbe, quanto nel nostro sistema tradizionale, dovrebbe ritenersi come non mai caduta in estinzione. Pertanto il secondo comma dell'art. 1072 del progetto preliminare potè essere e fu opportunamente eliminato, in quanto, sotto nome di ripristino della servitù per cessazione della confusione dovuta ad una causa inerente all'acquisto, induceva una confusione fra ripristino e non estinzione, che sarebbe stata una disarmonia nel sistema della legge. In ogni caso, pertanto, in cui la confusione cessi per un fatto nuovo che non tolga di mezzo in se e per se il titolo che precedentemente la opera, la servitù non rinasce senza un nuovo fatto costitutivo e in questa nuova ipotesi, non occorre nemmeno dirlo, non e la stessa servitù di prima riportata alla vita, ma una servitù nuova che incomincia una vita nuova.

Un solo caso potrebbe lasciare adito a dubbi: ed è l' art. 2812 del c.c., il quale dispone che i diritti reali, e fra questi le servitù, già gravanti sul fondo ipotecato a favore del terzo acquirente prima dell'acquisto, riprendono efficacia dopo il rilascio dell'immobile da parte di lui o l'espropriazione a suo danno. Ma, in questa ipotesi, che un autorevole scrittore ha interpretato addirittura come una eccezione al principio del « nemini res sua servit », ritenendo che in questo caso la servitù e gli altri diritti reali persistano a favore del terzo acquirente (proprietario) dell'immobile come diritti sulla cosa propria distinti dalla proprietà, sembra che non si possa scorgere se non una reviviscenza in senso improprio: reviviscenza cioè del medesimo contenuto della vecchia servitù o del vecchio diritto, non senza escludere però che la servitù o l'altro diritto ricominci una nuova vita, e sia insomma ontologicamente un novum, che ha titolo di essere nel fatto giuridico del rilascio o dell'espropriazione.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

510 Per ciò che concerne l'estinzione delle servitù per confusione, l'art. 1072 del c.c. non apporta che una lieve modificazione formale alla norma dell'art. 664 del codice del 1865. Quanto all'estinzione delle servitù per prescrizione, l'art. 1073 del c.c. integra l'incompleta disciplina del codice anteriore (art. 666). Mentre infatti il primo comma pone la norma che la servitù si estingue per prescrizione quando non se ne usa per venti anni, il secondo comma distingue l'ipotesi che si tratti di servitù affermativa per il cui esercizio sia necessario il fatto dell'uomo, dall'ipotesi che si tratti di servitù negativa, ovvero di servitù affermativa per il cui esercizio non sia necessario il fatto dell'uomo. Nella prima ipotesi, il termine di prescrizione decorre dal giorno in cui si è cessato di esercitare la servitù; nella seconda ipotesi decorre dal giorno in cui, si è verificato un fatto che ne ha impedito l'esercizio. Tale fatto, da intendersi come fatto materiale, potrà essere opera così del proprietario del fondo dominante, come del proprietario del fondo servente o di un terzo, poiché per la norma è rilevante il semplice dato concreto e obiettivo della protratta interruzione dell'esercizio della servitù per il tempo su indicato. Riappare, in tal modo, la distinzione tra servitù continue e discontinue, per quanto le due espressioni non siano adoperate nel testo; ma la distinzione, come ho già notato, se è ingiustificata ai fini dell'usucapione, è insopprimibile in tema di prescrizione. E' evidente, infatti, che, quando per l'esercizio della servitù non è necessario il fatto dell'uomo, esula la possibilità di assumere l'inazione del titolare quale criterio per determinare l'inizio del non uso. Prevede pure l'articolo in esame (terzo comma) che la servitù si eserciti ad intervalli e, per le così dette servitù intermittenti, stabilisce che il termine prescrizionale decorre dal giorno in cui la servitù si sarebbe potuta esercitare e non ne fu ripreso l'esercizio. Non si ha quindi negligenza se non quando il titolare della servitù abbia fatto decorrere il tempo utile per conservare il diritto che era nella possibilità di esercitare. All'accessio temporis si richiama il quarto comma dell'articolo, disponendo che all'effetto dell'estinzione della servitù si computa anche il tempo per il quale la servitù non fu esercitata dai precedenti titolari. E' tradotto così in formula legislativa un principio già enunciato nelle fonti romane: tempus, quo non est usus praecedens fundi dominus, cui servitus debetur, imputatur ei, qui in eius loco successit (fr. 18 § 1 Dig. VIII, 6). Il principio, benché non espressamente formulato, era, del resto, insito nel sistema del codice anteriore. A differenza dei menzionati commi secondo, terzo e quarto, non sono di nuova formulazione gli ultimi due commi (quinto e sesto) dell'articolo, che riproducono gli articoli 671 e 672 del codice del 1865, per i quali, se il fondo dominante appartiene a più persone in comune, l'uso della servitù fatto da alcune di esse impedisce, per il principio dell'indivisibilità della servitù, la prescrizione riguardo a tutte, e la sospensione o l'interruzione della prescrizione a vantaggio di uno dei comproprietari giova anche agli altri.

Massime relative all'art. 1072 Codice civile

Cass. civ. n. 25364/2014

In mancanza di titoli che dispongano un diverso regolamento, la "communio incidens" di una strada agraria privata sorge per il solo fatto che essa sia stata costituita con il conferimento di sedime dei fondi latistanti, sicché, in tal caso, il diritto di proprietà "pro indiviso" dell'intera strada e la facoltà di utilizzarla per tutto il percorso e in tutte le direzioni spetta a tutti i comunisti, senza che rilevi la circostanza, che una porzione di detta strada (nella specie, quella finale) sia divenuta, per ambedue i lati che vi si affacciano, di proprietà di un unico frontista, non trovando applicazione l'istituto dell'estinzione per confusione ex art. 1072 cod. civ., che ha ad oggetto solo il diritto di servitù.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Uso, abitazione e servitù irregolari

    Editore: Zanichelli
    Collana: Strumenti del diritto
    Pagine: 632
    Data di pubblicazione: dicembre 2012
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    I diritti di uso e di abitazione si rivelano strumenti utili per i privati, nonché per il legislatore e per la giurisprudenza che ne hanno ampliato notevolmente l'ambito di applicazione: si è risposto così non solo a questioni di diritto immobiliare (si pensi al diritto di uso delle aree a parcheggio), ma anche di diritto di famiglia e delle successioni (come nel caso dei diritti di uso e abitazione in capo al coniuge superstite e per alcuni dell'assegnazione della... (continua)

  • Le servitù prediali

    Editore: Giuffrè
    Collana: Trattati
    Data di pubblicazione: aprile 2013
    Prezzo: 85,00 -5% 80,75 €
    Categorie: Servitù

    L'opera affronta in modo completo e approfondito la tematica delle servitù prediali, tenendo conto della dottrina più attuale ed autorevole, nonché degli orientamenti giurisprudenziali più significativi e recenti. Dopo un inquadramento dell'istituto, la trattazione si sofferma sui principi generali della materia per poi analizzare nel dettaglio le diverse figure, quali: le servitù coattive, volontarie, acquistate per usucapione, le servitù di... (continua)

  • Le servitù prediali

    Editore: CEDAM
    Collana: Il giurista europeo
    Data di pubblicazione: dicembre 2007
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Servitù
  • Proprietà e diritti reali
    Azioni petitorie. Servitù. Possesso. Usucapione. Azione possessorie

    Collana: Il diritto privato nella giurisprudenza
    Pagine: 752
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 75,00 -5% 71,25 €

    L’opera, in 3 volumi, commenta tutta la disciplina in tema di proprietà: i singoli volumi, attraverso il raffronto analitico della giurisprudenza e della dottrina maggiormente accreditata, trattano gli istituti del corpus normativo codicistico, sia per quanto riguarda la parte sostanziale che quella processuale e previdenziale.

    Nel terzo ed ultimo volume si analizza in maniera completa ed approfondita gli istituti della prelazione, dei procedimenti ablatori,... (continua)

  • Le servitù di passaggio

    Editore: Giuffrè
    Collana: Scenari. Nuova serie
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 34,00 -5% 32,30 €
    Categorie: Servitù

    Servitù di passaggio ovvero diritto di transitare nella proprietà altrui per poter utilizzare o godere al meglio del proprio fondo. La servitù è un diritto reale di godimento su cosa altrui. Come distinguere una servitù da una così detta servitù irregolare? Quando la servitù può dirsi volontaria e quando coattiva? Che cosa significa utilitas? Qual è l'impatto della mediaconciliazione sul procedimento giudiziario di... (continua)