Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2777 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Preferenza delle spese di giustizia e di altri crediti

Dispositivo dell'art. 2777 Codice civile

(1) I crediti per spese di giustizia enunciati dagli articoli 2755 e 2770 sono preferiti ad ogni altro credito anche pignoratizio o ipotecario (2).

Immediatamente dopo le spese di giustizia sono collocati i crediti aventi privilegio generale mobiliare di cui all'articolo 2751 bis nell'ordine seguente:

  1. a) i crediti di cui all'articolo 2751 bis, numero 1;
  2. b) i crediti di cui all'articolo 2751 bis, numeri 2 e 3;
  3. c) i crediti di cui all'articolo 2751 bis, numeri 4 e 5.

I privilegi che le leggi speciali dichiarano preferiti ad ogni altro credito sono sempre posposti al privilegio per le spese di giustizia ed ai privilegi indicati nell'articolo 2751bis [2782; disp. att. 234, 236; l.f. 111] (3).

Note

(1) L'articolo è stato così modificato ex art. 11, L. 29 luglio 1975, n. 426.
(2) Nell'ordine di priorità previsto dalla disposizione, risultano preferiti i crediti per le spese inerenti alla giustizia (che consistono nelle spese effettuate per gli atti conservativi o espropriativi), i quali vengono pertanto soddisfatti prima di tutti gli altri, anche se si tratta di crediti pignoratizi o ipotecari.
(3) Si specifica che i privilegi posti da leggi speciali devono comunque sempre essere subordinati ai crediti privilegiati riguardanti le spese di ambito giudiziario e a quelli indicati ex art. 2751 bis inerenti a retribuzioni, provvigioni, relativi a coltivatori diretti, società, enti cooperativi e imprese artigiane.

Ratio Legis

La disposizione è posta al fine pratico di sancire un ordine rispetto ai crediti da privilegiare, il quale non si è comunque dimostrato adeguatamente completo, viste le numerose modifiche apportate nel corso del tempo dalla legislazione speciale.

Brocardi

Nomina privilegiata

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 2777 Codice civile

Cass. civ. n. 27044/2006

E manifestamente infondata l'eccezione di illegittimità costituzionale dell'art. 2777 c.c., per contrasto con gli artt. 3 e 24 Cost., sotto il profilo della ingiustificata disparità di trattamento tra il creditore garantito da pegno rispetto al creditore garantito dal privilegio speciale del depositario (non prevalendo quest'ultimo, a differenza del primo, sui creditori assistiti da privilegio speciale ex art. 2751bis c.c.). Infatti l'analogia tra le due situazioni è limitata alla identica disciplina che esse ricevono nell'art. 53 legge fallim., mentre non è dato confondere le modalità di esercizio della prelazione con la natura delle cause di prelazione stessa, derivanti dalla valutazione sociale della causa del credito, quanto ai privilegi, e dalla volontà delle parti, quanto al pegno.

Cass. civ. n. 12569/2004

Ai sensi dell'art. 2777 c.c., i privilegi per crediti dei professionisti, dei prestatori d'opera e dell'agente (art. 2751 bis, numeri 2 e 3. c.c.) - considerati in rapporto di concorrenza tra loro - sono postergati a quelli per crediti che hanno causa nel rapporto di lavoro subordinato (art. 2751 bis, numero 1, c.c.), una diversa lettura della detta disposizione risolvendosi in un'operazione di manipolazione creativa, non consentita all'interprete. Né tale postergazione si pone in contrasto con gli artt. 3 e 35 Cost., posto che l'ordine dei privilegi costituisce materia che, implicando scelte e valutazioni ampiamente discrezionali, è riservata all'esercizio del potere legislativo; è pertanto manifestamente infondata, in riferimento ai detti parametri, l'eccezione di legittimità costituzionale dell'art. 2777 c.c., come sopra interpretato.

Cass. civ. n. 1238/1996

L'art. 2777 c.c., nella formulazione introdotta con legge n. 426 del 1975, pur contemplando sia i crediti per spese di giustizia che quelli di cui all'art. 2751 bis c.c.. distinguendoli, quanto all'ordine della prelazione, da tutti gli altri crediti elencati nel successivo art. 2778, attribuisce solo ai primi la prevalenza su ogni altro credito pignoratizio ed ipotecario, mentre per i secondi si limita a disporne la collocazione immediatamente dopo quelli per spese di giustizia; con la conseguenza che - in mancanza di un'espressa previsione di legge - resta ferma la prevalenza dei crediti pignoratizi su quelli di cui all'art. 2751 bis c.c.

Cass. civ. n. 4926/1991

Il credito dell'amministrazione finanziaria, avente ad oggetto l'Invim, relativa ad un immobile venduto in sede esecutiva in danno del debitore proprietario dell'immobile stesso e, come tale, soggetto passivo dell'imposta ai sensi dell'art. 4 del D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 643, non va collocato, in sede di distribuzione della somma ricavata, secondo l'art. 2780 c.c., atteso che tale norma regolando l'ordine dei privilegi non ne è la fonte, che va individuata, per l'Invim nell'art. 28 del citato D.P.R.. il quale attribuisce il privilegio sugli immobili trasferiti con la conseguenza che questo privilegio potrà farsi valere, ove l'imposta non sia stata assolta dal venditore, nei confronti dell'acquirente e non già in sede esecutiva contro l'alienante. Peraltro, poiché l'Invim è applicabile anche alle vendite forzate con il conseguente obbligo del cancelliere ad assolverla — prelevandone l'importo dal prezzo di vendita — in sede di registrazione del decreto di trasferimento, secondo le norme e nei medesimi casi previsti per l'imposta di registro, come stabilisce l'art. 5 del D.P.R. n. 643 del 1972 (da intendersi riferito anche ai soggetti indicati al n. 3 dell'art. 10 nonché negli artt. 11, primo comma e 52, secondo comma, collegato all'art. 55 del D.P.R. n. 634 del 1972, con i quali lo stesso art. 5, come gli artt. 18 e 19 del D.P.R. n. 643 del 1972, va necessariamente coordinato), il pagamento dell'Invim costituisce una spesa prededucibile della procedura esecutiva, che l'amministrazione finanziaria può recuperare in sede di distribuzione del ricavato prezzo dell'immobile venduto, a norma dell'art. 2777, primo comma c.c., con preferenza rispetto a ogni altro credito, anche pignoratizio o ipotecario.

Cass. civ. n. 5945/1982

I privilegi marittimi ed aeronautici sono regolati esclusivamente dalle norme del codice della navigazione, sulle quali non ha inciso in senso abrogativo o modificativo la L. 29 luglio 197.5, n. 426 che ha modificato alcune norme del codice civile in materia di privilegi, e pertanto, anche dopo l'entrata in vigore della legge suddetta, i privilegi previsti dal codice della navigazione vanno collocati con priorità rispetto a quelli previsti dal codice civile, ed in particolare a quelli indicati dall'art. 2777 dello stesso codice.

Cass. civ. n. 3669/1982

Il nuovo testo dell'art. 2777 c.c., come modificato dalla L. 29 luglio 1975, n. 426 che ha rinnovato il sistema e l'ordine dei privilegi, si è limitato a disporre la collocazione preferenziale immediatamente dopo le spese di giustizia, a favore dei crediti menzionati nell'art. 2751 bis c.c., fermo restando il sistema previgente nei rapporti fra i crediti predetti e quelli garantiti da pegno o assistiti da privilegio speciale con diritto di ritenzione, i quali continuano a prevalere sui crediti di lavoro, così come, nel sistema previgente, prevalevano su crediti di grado poziore.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I privilegi

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 272
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38 €
    Categorie: Privilegi
    Il volume, dopo una breve disamina delle problematiche connesse alla responsabilità patrimoniale in generale ed alla individuazione del patrimonio su cui ricadono le conseguenze dell'inadempimento dell'obbligazione, si occupa dei privilegi del credito quale causa legittima di prelazione. Premessa la distinzione tra i diversi tipi di privilegi, vengono, inoltre, affrontati i temi relativi alla individuazione del credito privilegiato e dei suoi accessori, alla determinazione dell'oggetto del... (continua)