Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2769 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Sequestro della cosa soggetta a privilegio

Dispositivo dell'art. 2769 Codice civile

Il creditore che ha privilegio su una cosa mobile, se ha fondati motivi di temere la rimozione della cosa dalla particolare situazione alla quale è subordinata la sussistenza del privilegio, può domandarne il sequestro conservativo [67 c.p.c.] (1).

Note

(1) Il sequestro conservativo è un rimedio preventivo molto utile nel caso dei beni mobili, per assicurare un'adeguata tutela al creditore che altrimenti rischierebbe di vedere vanificata la propria pretesa, attraverso atti di alienazione o di cessione a terzi posti in essere appositamente dal debitore.
Per "rimozione" si intende distruzione, alterazione o sottrazione della cosa, che produce un mutamento dello stato di fatto.

Ratio Legis

Tale norma è posta al fine di conservare la situazione di fatto da cui discende il privilegio, non essendo perciò finalizzata ad offrire alcuna tutela ai beni oggetto di garanzia generica rispetto a possibili sottrazioni o alterazioni.

Spiegazione dell'art. 2769 Codice civile

Portata ed effetti della speciale misura conservativa di questo articolo

Si è visto come il legislatore, per molti privilegi, ne subordini l'eser­cizio, anzi addirittura la sussistenza, alla permanenza della cosa in una particolare situazione tali il privilegio di somministrazioni di cose oc­correnti alla produzione agricola (art. 2757), quello dell' albergatore (art. 2760), del concedente del fondo in enfiteusi (art. 2763), del locatore (art. 2764), del colono o mezzadro (art. 2765), ecc. Da ciò l'interesse del creditore ad impedire lo spostamento della cosa da quella particolare situazione.

Il codice del 1865 non conteneva alcuna disposizione in proposito ; e. tale silenzio aveva dato luogo ad incertezze sulle misure alle quali il creditore potesse ricorrere per la conservazione del suo privilegio ; ma la giurisprudenza della Cassazione aveva già ammesso, per qualche privilegio (quello del locatore) che il creditore potesse impedire con un tempestivo sequestro conservativo l'uscita della cosa da quella parti­colare situazione alla quale il suo privilegio era collegato.

Il nuovo codice ha voluto eliminare ogni dubbio in proposito e ren­dere generale detta misura per tutti i privilegi suindicati : donde la di­sposizione di questo articolo, la quale prescinde anche dal concorso dell'estremo che il codice di procedura civile (art. 671) richiede per la con­cessione del comune sequestro conservativo, vale a dire il pericolo di perdere le garanzie del proprio credito, quella garanzia generica, cioè, che i beni del debitore offrono a qualsiasi creditore, secondo il principio tradizionale riaffermato nell'art. 2740.

La cosa, per esigenze della sua custodia, dovesse essere poi trasportata altrove (cfr. art. 521, pen. comma, c.p.c.), o dovesse esser vi diretta (art. 685, 20 comma, c.p.c.), nel qual ultimo caso il prezzo ricavato terrebbe le veci della cosa stessa agli effetti dell'esercizio del diritto di prelazione.


Il sequestro operato in conformità della disposizione in esame ha per effetto di fissare irrevocabilmente, sia nei confronti degli altri cre­ditori che dei terzi che vantassero dei diritti sulla cosa, la condizione voluta dalla legge per rendere operativo il privilegio, quando anche la cosa, per esigenze della sua custodia, dovesse essere poi trasportata altrove (cfr. art. 521, pen. comma, c.p.c.) o dovesse essere venduta (art. 685, 2 comma, c.p.c.), nel quale ultimo caso il prezzo ricavato terrebbe le veci della cosa stessa agli effetti dell’esercizio del diritto di prelazione.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I privilegi

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 272
    Data di pubblicazione: dicembre 2008
    Prezzo: 38 €
    Categorie: Privilegi
    Il volume, dopo una breve disamina delle problematiche connesse alla responsabilitÓ patrimoniale in generale ed alla individuazione del patrimonio su cui ricadono le conseguenze dell'inadempimento dell'obbligazione, si occupa dei privilegi del credito quale causa legittima di prelazione. Premessa la distinzione tra i diversi tipi di privilegi, vengono, inoltre, affrontati i temi relativi alla individuazione del credito privilegiato e dei suoi accessori, alla determinazione dell'oggetto del... (continua)