Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 796 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Riserva di usufrutto

Dispositivo dell'art. 796 Codice civile

È permesso al donante di riservare l'usufrutto (1) dei beni donati a proprio vantaggio, e dopo di lui a vantaggio di un'altra persona (2) o anche di più persone, ma non successivamente [978 ss. c.c.] (3).

Note

(1) Nonostante la formulazione della norma, che fa espresso riferimento al solo usufrutto, si ritiene ammissibile la donazione con riserva di altri diritti reali (riserva di superficie, di servitù, di uso, di abitazione etc.).
(2) Ricorrono, in tale caso, due donazioni: la prima ha ad oggetto la nuda proprietà, la seconda un'offerta di usufrutto in favore di un terzo. Di conseguenza, entrambe le donazioni devono essere accettate con le prescritte forme, durante la vita del donante, pena la perdita di efficacia della donazione.
(3) E' un'ipotesi di usufrutto successivo, di norma vietato (v. art. 979 del c.c.).

Ratio Legis

La norma consente di donare la sola nuda proprietà di un bene, riservando al donante l'usufrutto sullo stesso.

Spiegazione dell'art. 796 Codice civile

Definizione di “donazione con riserva di usufrutto”
La donazione con riserva di usufrutto è una donazione che consente al donante di riservare l'usufrutto (art. 978 del c.c.) dei beni donati a proprio vantaggio, e dopo di lui a vantaggio di una o più persone, ma non successivamente.
Natura giuridica della “donazione con riserva di usufrutto”
Quanto alla natura giuridica della donazione con riserva di usufrutto, la teoria più risalente (c.d. teoria del doppio negozio) muove dalla premessa che nella proprietà sono comprese facoltà infrazionabili. Di conseguenza la riserva deve essere realizzata mediante due negozi, e cioè una prima donazione della piena proprietà ed un successivo negozio (a parti invertite) di costituzione dell'usufrutto a favore del donante.
La dottrina maggioritaria, invece, sposa la tesi del c.d. negozio unitario, in base alla quale il diritto di proprietà può essere legittimamente frazionato o smembrato, in modo tale che con un unico negozio si vengano a configurare due situazioni, una traslativa della nuda proprietà e l'altra costitutiva del diritto di usufrutto. La riserva ovviamente può riguardare non solo l'usufrutto, ma anche gli altri diritti reali limitati (uso, abitazione, superficie).
Se, invece, la riserva di usufrutto è fatta a favore di un terzo, secondo la teoria del doppio negozio viene a configurarsi un contratto a favore di terzo (poiché il donatario si obbliga a costituire l'usufrutto a favore di una terza persona); secondo la teoria del negozio maggioritario, invece, si tratta di una doppia donazione (una avente ad oggetto il diritto reale limitato e l'altra la nuda proprietà).
Effetti della “donazione con riserva di usufrutto”
Come anzidetto, mediante la donazione con riserva di usufrutto il donante riserva l'usufrutto dei beni donati a proprio vantaggio e, dopo di lui, a vantaggio di una o altre persone.

Una particolare ipotesi applicativa riguarda la donazione con riserva di usufrutto per sé e dopo di sé a favore di un'altra persona: in tal caso la donazione dell'usufrutto a favore del terzo è sottoposta alla condizione sospensiva della sopravvivenza del terzo al donante e avrà inizio alla morte di questi. Per la dottrina maggioritaria l'art. 796 del c.c. consente eccezionalmente la costituzione di un usufrutto successivo. Si è però obiettato che tale articolo non contiene una norma eccezionale che deroga all'art. 979 del c.c. sancendo la sopravvivenza dell'usufrutto anche dopo la morte del primo usufruttuario. L'usufrutto del terzo, infatti, è distinto dal primo perchè risulta costituito a suo favore immediatamente, anche se destinato ad operare con efficacia differita.
Se la riserva è fatta a favore di persone indeterminate, la donazione dell'usufrutto dovrà essere accettata contestualmente o quantomeno dovrà essere accettata prima della morte del donante.
Non è, invece, possibile che la riserva venga fatta a favore degli eredi del donante, poiché si avrebbe una violazione del divieto di patti successori.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 796 Codice civile

Cass. civ. n. 20788/2015

Il donante che si sia riservato l'usufrutto ex art. 796 c.c. non può trasmetterlo "mortis causa", poiché esso si estingue con la morte del titolare a norma dell'art. 979 c.c.; nella diversa ipotesi del legato di usufrutto, il testatore ha la piena proprietà al tempo dell'apertura della successione, sicché può legare l'usufrutto, scindendolo dalla nuda proprietà trasmessa ad altro successore.

Cass. civ. n. 2899/1975

Mentre la donazione con riserva di usufrutto in favore del donante configura un negozio unitario, avente ad oggetto il trasferimento immediato della nuda proprietà ed, a termine, il trasferimento dei diritti corrispondenti all'usufrutto, mantenuti temporaneamente dal donante, la donazione con riserva di usufrutto in favore di un terzo dà luogo a due distinti negozi: un trasferimento della nuda proprietà in favore del donatario, ed un'offerta di donazione dell'usufrutto in favore del terzo, improduttiva di effetti fino a che non intervenga l'accettazione del terzo medesimo, prima della morte del costituente, nella prescritta forma dell'atto pubblico. Da tanto consegue che, qualora il donante riservi l'usufrutto sui beni donati a proprio vantaggio e, dopo di lui, a vantaggio di un terzo, come consentito dall'art. 796 c.c., il donatario della nuda proprietà acquista il pieno dominio alla cessazione dell'usufrutto del donante, se il terzo riservatario non abbia accettato prima della morte del donante stesso; consegue altresì la non configurabilità di una riserva di usufrutto in favore di un soggetto non determinato al momento della donazione, ma da nominarsi con testamento, stante l'inammissibilità di un'offerta contrattuale in favore di persona indeterminata e comunque l'impossibilità del perfezionamento della donazione dell'usufrutto, con l'accettazione da parte del donatario dell'offerta del donante, prima della morte di quest'ultimo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Acquisti in comunione legale e circolazione dei beni di provenienza donativa

    Autore: Patti Filippo
    Editore: Ipsoa
    Pagine: 176
    Data di pubblicazione: giugno 2011
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    Il volume tratta due temi, gli acquisti in regime di comunione legale di beni e la circolazione dei beni di provenienza donativa, entrambi di notevole interesse per i professionisti soprattutto per la necessità di trovare espedienti utili che consentano di arginare situazioni e fenomeni non adeguatamente risolvibili con i mezzi offerti dalla normativa esistente.

    Per ciascun argomento, partendo da un inquadramento generale, si analizzano poi le questioni interpretative ed... (continua)

  • Trattato di diritto privato
    [volume 5] Successioni e donazioni. La donazione

    Editore: Giappichelli
    Data di pubblicazione: dicembre 2005
    Prezzo: 25,00 -5% 23,75 €
    Categorie: Donazioni
    Argomenti trattati: Nozione; Soggetti e oggetto; Formazione; Struttura; Efficacia e inefficacia. (continua)
  • La donazione al minore e l'usufrutto legale

    Collana: Soluzioni di diritto
    Pagine: 84
    Data di pubblicazione: giugno 2018
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Usufrutto, Donazioni
    L'opera affronta gli strumenti di protezione del patrimonio immobiliare della famiglia, con particolare riferimento alle ipotesi donative che coinvolgono soggetti minori di età. Il manuale vuole essere un aiuto al professionista per affrontare le diverse ipotesi applicative e risolvere il conflitto di interessi che viene a crearsi tra genitore e figlio non ancora maggiorenne, nell'ambito dei trasferimenti immobiliari. L'Autrice offre inoltre risposte ad una serie di interrogativi... (continua)
  • Donazioni, atti gratuiti, patti di famiglia e trusts successorii. Con CD-ROM

    Editore: Zanichelli
    Collana: Dottrina Casi Sistemi
    Pagine: 752
    Data di pubblicazione: luglio 2010
    Prezzo: 125,00 -5% 118,75 €
    Categorie: Donazioni, Trust

    Nella prima parte dell'opera si esaminano le nozioni di atto gratuito liberale e atto gratuito non liberale, la giustificazione non patrimoniale del contratto gratuito atipico, liberalità d'uso e donazioni di modico valore, donazione rimuneratoria, donazione modale, donazione mista, donazioni indirette, il configurarsi della fattispecie nell'ambito della fenomenologia successoria, capacità di donare, conferma delle donazioni nulla, la regola di gratuità degli atti di... (continua)

  • Liberalità indirette. Enunciazione dell'intento liberale quale metodologia operativa

    Editore: Ipsoa
    Collana: Notariato e diritto di famiglia
    Pagine: 432
    Data di pubblicazione: dicembre 2011
    Prezzo: 55,00 -5% 52,25 €
    Categorie: Donazioni

    Il presente volume, analizzando l'evoluzione dottrinale e giurisprudenziale degli ultimi anni in tema di donazioni e atti di liberalità , vuole ridurre le esitazioni che inducono spesso i notai a non evidenziare in un atto l'intento liberale per paura delle conseguenze che questo può comportare sulla stabilità del negozio e sui successivi trasferimenti e cerca di incoraggiare l'applicazione di schemi tipici come l'adempimento del terzo o il contratto in favore del... (continua)

  • Il modus come elemento accidentale del negozio gratuito

    Collana: Univ. Camerino
    Pagine: 384
    Data di pubblicazione: luglio 2013
    Prezzo: 47 €
  • I contratti di donazione. Con CD-ROM

    Collana: Trattato dei Contratti
    Pagine: 568
    Data di pubblicazione: dicembre 2009
    Prezzo: 65,00 -5% 61,75 €
    Categorie: Donazioni

    L’opera presenta una trattazione molto meticolosa e approfondita di tutti gli istituti previsti dall’ordinamento per i contratti di donazione, concentrando l’analisi sulla ricostruzione del regime giuridico delle fattispecie espressamente delineate dal codice.
    In particolare, dopo avere individuato ed esaminato dettagliatamente il dato normativo, ampio spazio viene riservato allo studio dellaprassi contrattuale attraverso gli apporti offerti dall’elaborazione... (continua)

  • Commentario del codice civile. Delle donazioni. Artt. 1769-809

    Pagine: 616
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €
    Categorie: Donazioni

    Il modulo “Delle Donazioni” è un autorevole commento articolo per articolo della disciplina normativa codicistica in tema di donazioni e contiene anche il commento alle principali norme speciali in materia.

    L’Opera, coordinata dal Prof. Bonilini , è commentata da accademici e professionisti di altissimo livello e si rivela essere un mezzo autorevole ed utile per la pratica quotidiana del notaio, dell’avvocato e del magistrato.

    In... (continua)

  • Le donazioni. Tecniche redazionali e note di commento

    Editore: Ipsoa
    Collana: Notariato. Quaderni
    Pagine: 402
    Data di pubblicazione: febbraio 2014
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €
    Categorie: Donazioni

    Il volume analizza i molteplici aspetti dell'istituto delle donazioni, tema di grande interesse per i notai e gli operatori del diritto in generale. Il volume fornisce le tecniche redazionali, nelle quali possono essere trasfusi accordi e negozi a titolo gratuito, ed esaustive note di commento. Arricchiscono il testo aggiornati riferimenti dottrinali e giurisprudenziali relativi alle più importanti questioni di carattere sostanziale e fiscale, finalizzati ad inquadrare agevolmente... (continua)