Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 597 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Incapacità del notaio, dei testimoni e dell'interprete

Dispositivo dell'art. 597 Codice civile

Sono nulle le disposizioni(1) a favore del notaio o di altro ufficiale che ha ricevuto il testamento pubblico, ovvero a favore di alcuno dei testimoni o dell'interprete intervenuti al testamento medesimo(2).

Note

(1) La legge notarile (L. 16 febbraio 1913, n. 89) sancisce la nullità dell'intero testamento, mentre il codice civile circoscrive l'invalidità alle singole disposizioni in favore dell'incapace. Prevale il codice civile.
(2) L' incapacità non è estesa ai fidefacienti poichè essi si limitano a garantire l'identità personale del testatore ove non sia conosciuto personalmente dal notaio.

Ratio Legis

La norma mira a tutelare la volontà testamentaria, impedendo che possano essere fatte disposizioni in favore di soggetti che, per la loro posizione, possono aver avuto influenza sul testatore.

Spiegazione dell'art. 597 Codice civile

Anche le incapacità stabilite negli artt. 597 e 598, che riguardano le persone che hanno partecipato alla formazione dell’atto testamentario, sono dirette ad assicurare la libertà della volontà del testatore che il nostro legislatore ha voluto garantire largamente.
Le disposizioni degli artt. 597 e 598 devono essere integrate con le norme contenute nella legge sull’ordinamento del notariato 16 febbraio 1913, n 89. Questa, infatti, informandosi alle ragioni alle quali erano ispirati gli art. #771# e #772# del codice del 1865, dispone, all’art. 28 n. 3, che il notaio non può ricevere atti “se contengano disposizioni che interessino lui stesso, la moglie sua, o alcuno dei suoi parenti od affini nei gradi anzidetti, o persone delle quali egli sia procuratore per l'atto da stipularsi, salvo che la disposizione si trovi in testamento segreto non scritto dal notaio, o da persona in questo numero menzionata, ed a lui consegnato sigillato dal testatore”.
Innanzitutto, bisogna rilevare una differenza tra l’art. 597 e il n. 3 dell’art 28 della legge notarile: il primo dichiara nulle le disposizioni a favore del notaio contenute nel testamento pubblico; l'altro, invece, stabilisce l'incapacità del notaio a ricevere atti che interessino anche la moglie, i suoi parenti ed affini in linea retta in qualunque grado ed in linea collaterale sino al terzo grado, con il conseguente maggiore effetto della nullità dell'intero atto. Ora, poiché la legge notarile contiene una disposizione contraria a quella del codice civile, è questa che deve prevalere. In conformità a quanto dispone l’art. 60 della legge notarile, secondo cui “le disposizioni di questo capo si applicano anche ai testamenti ed agli altri atti, in quanto non siano contrarie a quelle contenute nel codice civile…”. Sarà valida, dunque, la disposizione testamentaria a favore dei parenti ed affini del notaio che ha ricevuto il testamento pubblico, ed è nulla la disposizione a suo favore contenuta in questo testamento perché vietata dall'art. 597 del codice civile. Ed è nulla pure la disposizione a favore del padre, della madre, dei discendenti e del coniuge del notaio in forza del secondo comma dell’art. 599, che sono reputate iuris et de iure persone interposte dell’incapace.
L’art. 597 stabilisce anche l’incapacità di ricevere per testamento pubblico di coloro che sono intervenuti nella qualità di testimoni e d'interprete.
Il vecchio codice del 1865 non contemplava quest'ultimo, ed era una grave lacuna. Stando alla lettera della norma eccezionale contenuta nell’art. #771#, l’interprete avrebbe dovuto ritenersi capace, ma, in verità, questa conseguenza sarebbe stata eccessiva, giacché non poteva dubitarsi, da un canto, che lo scopo del divieto stabilito dalla legge era assai più evidente per l'interprete che non per i testimoni, dal momento che a quegli, sebbene vincolato dal giuramento di adempiere fedelmente il suo ufficio, è connessa una funzione molto più importante di quella dei testimoni, qual è quella di tradurre in lingua italiana, nella quale devono essere redatti gli atti pubblici (art. 54 legge notarile), la volontà dichiarata dal testatore nel suo linguaggio. D’altro canto, anche l’interprete, come i testimoni, è chiamato ad attestare la conformità di ciò che è scritto nel testamento alla volontà espressa dal testatore. Quindi, nonostante che si fosse di fronte ad una norma di carattere eccezionale, bisognava ritenere che l’art. #771# contemplasse anche l’incapacità dell’interprete a ricevere per testamento, poiché la contraria opinione avrebbe costituito l’assurdo, e questo mai può essere voluto dal legislatore. Opportunamente, perciò, l’art. 597 del nuovo codice ha espressamente parificato l’interprete ai testimoni.
Rimane, tuttavia, ancora un dubbio, che pure si era profilato nell’interpretazione dell’art. #771# del codice del 1865, che non contemplava i fidefacienti, dei quali non parla nemmeno l’attuale codice. Si può estendere a questi l’incapacità stabilita per i testimoni?
Per intendere la questione, bisogna dire che la legge notarile precisa che il notaio dev’essere personalmente certo dell’identità delle parti, e, in caso contrario, deve accertarsene per mezzo di due fidefacienti (art. 49), i quali devono avere i requisiti stabiliti per i testimoni, cioè maggiori di anni 21, cittadini italiani o stranieri in esso residenti, avere il pieno possesso dei diritti civili, e non essere interessati nell’atto. Parrebbe, a prima vista, in forza di quest’ultimo requisito, che anche una disposizione testamentaria a favore del fidefaciente dovrebbe essere nulla. Questa sarebbe la conseguenza imposta dalla disposizione dell’art. 50 coordinato con l’art. 58, n. 4 della legge notarile; ma si deve tener presente anche l’art. 60 della legge notarile, già ricordato. Orbene, secondo la legge notarile, l’atto redatto dal notaio è nullo interamente, fra l’altro, anche quando non sia osservata la disposizione dell’art. 50, che riguarda la capacità del fidefaciente (art. 58, n. 4), sicché il testamento pubblico che contenga una disposizione a favore di costui dovrebbe essere nullo interamente, mentre, secondo il codice civile, sarebbe nulla soltanto tale disposizione. Ma, in realtà, nemmeno questa disposizione è nulla perché il codice civile stabilisce l’incapacità soltanto per i testimoni, non pure per i fidefacienti, che sono persone diverse, e che non hanno la funzione di attestare la conformità delle dichiarazioni contenute nel testamento alla volontà del testatore, ma devono solo far fede che chi ha testato era quella tale persona da essi conosciuta. La stessa legge notarile distingue chiaramente le diverse funzioni, dicendo che i fidefacienti possono essere anche i testimoni. Deve, poi, anche notarsi che, qui, siamo in tema d’incapacità, di disposizione eccezionale e, perciò, ogni interpretazione analogica è vietata, né si tratta di evitare un assurdo.
Infine, è opportuno notare che, trattandosi di testamento, la stessa legge notarile fa un'eccezione al sistema generale da essa tenuto, di considerare, cioè, nullo l’intero atto notarile ricevuto in contraddizione alle sue disposizioni, aggiungendo all’art. 58 la seguente norma: “la contravvenzione al n. 3 dell’art. 29 (è un errore materiale del testo legislativo, che voleva riferirsi, evidentemente, all’art. 28) importa la nullità delle sole disposizioni accennate nello stesso numero”.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • L'invalidità del testamento per vizi della volontà

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Famiglia e successioni
    Data di pubblicazione: gennaio 2017
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Il testamento
  • Ambulatoria est voluntas defuncti? Ricerche sui «patti successori» istitutivi

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano-Fac. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: ottobre 2019
    Prezzo: 37,00 -5% 35,15 €
    Il tema dei patti successori sta assumendo sempre maggiore rilevanza a livello europeo e diverse sono le spinte volte a determinarne l'accoglimento nei Paesi in cui ancora sussiste un divieto di tali convenzioni. Il presente elaborato mira ad approfondire diacronicamente l'istituto (con particolare riferimento ai patti successori istitutivi), così da acquisire una conoscenza 'cumulativa' dello stesso e delle ragioni alla base del suo divieto o del suo accoglimento nei tre ordinamenti... (continua)
  • Clausole testamentarie

    Editore: Giuffrè
    Collana: Percorsi. I manuali e gli studi
    Data di pubblicazione: ottobre 2014
    Prezzo: 65,00 -5% 61,75 €
    Categorie: Il testamento

    Il presente volume è suddiviso in tre titoli che prendono in considerazione tutti gli aspetti teorico-redazionali della prova concorsuale mortis causa: le diverse forme di testamento; - l'istituzione di erede con particolare attenzione alla disposizioni riguardanti i legittimari, la divisione e l'institutio ex re certa; - la panoramica completa dei legati tipici ed atipici, oltre alle disposizioni a carattere patrimoniale e non, tipiche ed atipiche. Ogni paragrafo è suddiviso... (continua)

  • Profili generali del testamento

    Pagine: 168
    Data di pubblicazione: gennaio 2018
    Prezzo: 20 €
    L'indagine è rivolta alla disamina dell'istituto del testamento al fine di verificare, sotto il profilo della teoria generale del negozio giuridico e dell'autonomia privata riconosciuta a ogni individuo dall'ordinamento giuridico italiano, quale sia l'attuale ruolo di questo importante strumento giuridico percepito ancora oggi nella coscienza sociale di ogni individuo come un atto rilevantissimo della propria esistenza giacché determinante delle proprie ultime volontà. (continua)
  • Funzione e vicende dei legati. Il legato di debito

    Collana: Quaderni «Diritto successioni e famiglia»
    Pagine: 208
    Data di pubblicazione: febbraio 2016
    Prezzo: 24 €
    Categorie: Il legato

    Lo studio propone un approccio al tema della successione a titolo particolare incentrato sulla valorizzazione degli interessi concretamente rilevanti nelle singole fattispecie: emerge così la necessità di ricostruire anche la disciplina dei legati secondo la funzione che le singole attribuzioni realizzano di volta in volta. In questa prospettiva, il legato di debito, momento di peculiare intersezione della normativa successoria con quella del rapporto obbligatorio, offre... (continua)