Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 596 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Incapacità del tutore e del protutore

Dispositivo dell'art. 596 Codice civile

Sono nulle(1) le disposizioni testamentarie della persona sottoposta a tutela in favore del tutore(2), se fatte dopo la nomina di questo [346 c.c.] e prima che sia approvato il conto [386 c.c., 263 c.p.c.] o sia estinta l'azione per il rendimento del conto medesimo [387 c.c.], quantunque il testatore sia morto dopo l'approvazione. Questa norma si applica anche al protutore, se il testamento è fatto nel tempo in cui egli sostituiva il tutore(3) [360, 599, 799 c.c.].

Sono però valide le disposizioni fatte in favore del tutore o del protutore che è ascendente, discendente, fratello, sorella o coniuge del testatore.

Note

(1) La nullità è assoluta e insanabile: può quindi essere fatta valere da chiunque vi abbia interesse o d'ufficio dal giudice, in ogni tempo.
(2) E' nulla solo la disposizione in favore dell'incapace, per la restante parte il testamento rimane valido.
(3) La norma non si applica al curatore (v. art. 417 del c.c.) dell'inabilitato, poichè quest'ultimo non è rappresentato ma solo assistito dal curatore.

Ratio Legis

La norma mira a tutelare la volontà testamentaria, impedendo che possano essere fatte disposizioni in favore di soggetti che, per la loro posizione, possono aver avuto influenza sul testatore.

Spiegazione dell'art. 596 Codice civile

Un’altra limitazione relativa, ma totale, a ricevere per testamento è quella che deriva dalla qualità di tutore o protutore del testatore.
La ragione di essa è intuitiva: si propone lo scopo di garantire la libertà testamentaria del pupillo e di assicurargli il rendimento del conto, il che spiega anche l’eccezione fatta nel secondo comma. Infatti, in tutti i casi in esso contemplati vi è la presunzione che il pupillo disponga in favore del testatore per il vincolo del sangue e dell’affetto che lo lega a lui, non già per le pressioni che quegli potesse esercitare. Inoltre, si tratta di persone che sono successori legittimi e persino (salvo i fratelli e sorelle) legittimari.
Se la disposizione testamentaria fosse fatta prima dell’assunzione della tutela, sarebbe valida. Ciò è stato espressamente detto nell’articolo in esame, risolvendo legislativamente una questione che era sorta nella interpretazione dell’art. #769# del codice del 1865, ritenendosi da alcuni scrittori (Ricci, Polacco) che l’incapacità colpisse anche chi fosse stato nominato tutore dopo la formazione del testamento che conteneva una disposizione a suo favore, opinione non seguita dalla maggioranza degli scrittori (Pacifici-Mazzont, Losana, Coviello).

Il codice del 1865 non parlava del protutore. Alcuni scrittori sostennero che la stessa incapacità che colpisce il tutore deve colpire anche il protutore, allorquando una disposizione testamentaria sia fatta in favore suo dopo l’apertura della tutela e prima del rendimento e dell’approvazione del conto. Altri, invece, distinguevano, ritenendo l’incapacità solo quando la disposizione fosse stata fatta nel tempo in cui il protutore sostituiva il tutore. Questa opinione è stata accolta dal codice attuale che ha tolto, così, ogni ragione di dubbio.
È vero che il codice precedente non parlava affatto del protutore e che si era di fronte ad una disposizione di carattere eccezionale, ma era troppo evidente che lo scopo della legge non sarebbe stato interamente raggiunto se non si fosse ritenuto incapace di ricevere per testamento dal suo pupillo il protutore quando la disposizione coincide con l'epoca in cui egli sostituisce il tutore.
La limitazione colpisce anche il tutore dell’interdetto legale.

Nessun dubbio poteva esistere, al riguardo, nemmeno di fronte al codice precedente, il quale, all'espressione del codice napoleonico “il minore non potrà disporre per testamento a vantaggio del suo tutore”, aveva sostituito l'altra “il tutore non può mai trarre profitto dalle disposizioni testamentarie del suo amministrato”. Il codice attuale, anche più chiaramente, ha detto: “sono nulle le disposizioni testamentarie della persona sottoposta a tutela in favore del tutore”.
Ciò è confermato anche dal secondo comma dell'articolo in esame (corrispondente al secondo comma dell’art. #769# del codice del 1865) che eccettuava dalla limitazione il tutore che sia ascendente, discendente, fratello, sorella o coniuge del testatore.
Ora, il coniuge può essere tutore non già del minore, ma dell’interdetto. Alcuni scrittori (Gianturco, Melucci) ritenevano, però, che l'incapacità non esistesse per il tutore dell'interdetto legale, perché fra l'uno e l'altro non corrono quei rapporti di vita e relazioni personali che fanno sospettare dell’influenza dell'uno sull'animo e la volontà dell altro. Tale opinione, però, non può accogliersi, per la ragione che se la limitazione colpisce anche il tutore dell'interdetto non si può distinguere fra interdizione legale e giudiziale. Né potrebbe dirsi che l’interdetto giudiziale non può testare in favore di nessuno, perché l’incapacità dura finché non sia stato reso ed approvato il conto definitivo o sia estinta l’azione per il rendimento del conto medesimo.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Incapacità testamentarie

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: marzo 2014
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €

    Il volume tratta delle incapacità testamentarie (incapacità di disporre e di ricevere per testamento), alla luce delle recenti novità in materia di filiazione, introdotte dalla l. n. 219/2012 e del d.lgs. n. 154/2013, entrato in vigore il 7 febbraio 2014. In particolare, sulla base delle predette novità e della introdotta possibilità di riconoscere i figli incestuosi, si ricostruisce il sistema della successione dei figli non dichiarati, tenendo conto dei... (continua)

  • Ambulatoria est voluntas defuncti? Ricerche sui «patti successori» istitutivi

    Editore: Giuffrè
    Collana: Univ. Milano-Fac. di giurisprudenza
    Data di pubblicazione: ottobre 2019
    Prezzo: 37,00 -5% 35,15 €
    Il tema dei patti successori sta assumendo sempre maggiore rilevanza a livello europeo e diverse sono le spinte volte a determinarne l'accoglimento nei Paesi in cui ancora sussiste un divieto di tali convenzioni. Il presente elaborato mira ad approfondire diacronicamente l'istituto (con particolare riferimento ai patti successori istitutivi), così da acquisire una conoscenza 'cumulativa' dello stesso e delle ragioni alla base del suo divieto o del suo accoglimento nei tre ordinamenti... (continua)
  • L'invalidità del testamento per vizi della volontà

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Famiglia e successioni
    Data di pubblicazione: gennaio 2017
    Prezzo: 18,00 -5% 17,10 €
    Categorie: Il testamento
  • «Regula Sabiniana». Elaborazioni giurisprudenziali in materia di condizioni impossibili

    Editore: Giuffrè
    Collana: Quaderni di «studi senesi»
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 87,00 -5% 82,65 €

    Il testo si propone di sottoporre a revisione storiografica il tema delle condizioni impossibili apposte alle disposizioni di ultima volontà secondo il diritto romano, inquadrandolo nell'ambito delle controversie tra le scholae giurisprudenziali del Principato. In particolare, assume rilievo la vicenda genealogica della cosiddetta "regula Sabiniana" (ossia del principio per cui l'atto mortis causa debba avere la medesima efficacia che se la condizione non vi fosse mai stata... (continua)