Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2378 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Procedimento d'impugnazione

Dispositivo dell'art. 2378 Codice civile

L'impugnazione (1) è proposta con atto di citazione davanti al tribunale del luogo dove la società ha sede.

Il socio o i soci opponenti devono dimostrarsi possessori al tempo dell'impugnazione del numero delle azioni previsto dal terzo comma dell'articolo 2377. Fermo restando quanto disposto dall'articolo 111 del codice di procedura civile, qualora nel corso del processo venga meno a seguito di trasferimenti per atto tra vivi il richiesto numero delle azioni, il giudice, previa se del caso revoca del provvedimento di sospensione dell'esecuzione della deliberazione, non può pronunciare l'annullamento e provvede sul risarcimento dell'eventuale danno, ove richiesto (2).

Con ricorso depositato contestualmente al deposito, anche in copia, della citazione, l'impugnante può chiedere la sospensione dell'esecuzione della deliberazione. In caso di eccezionale e motivata urgenza, il presidente del tribunale, omessa la convocazione della società convenuta, provvede sull'istanza con decreto motivato, che deve altresì contenere la designazione del giudice per la trattazione della causa di merito e la fissazione, davanti al giudice designato, entro quindici giorni, dell'udienza per la conferma, modifica o revoca dei provvedimenti emanati con il decreto, nonché la fissazione del termine per la notificazione alla controparte del ricorso e del decreto.

Il giudice designato per la trattazione della causa di merito, sentiti gli amministratori e sindaci, provvede valutando comparativamente il pregiudizio che subirebbe il ricorrente dalla esecuzione e quello che subirebbe la società dalla sospensione dell'esecuzione della deliberazione; può disporre in ogni momento che i soci opponenti prestino idonea garanzia per l'eventuale risarcimento dei danni [1179; 119 c.p.c.]. All'udienza, il giudice, ove lo ritenga utile, esperisce il tentativo di conciliazione eventualmente suggerendo le modificazioni da apportare alla deliberazione impugnata e, ove la soluzione appaia realizzabile, rinvia adeguatamente l'udienza.

Tutte le impugnazioni relative alla medesima deliberazione, anche se separatamente proposte ed ivi comprese le domande proposte ai sensi del quarto comma dell'articolo 2377, devono essere istruite congiuntamente e decise con unica sentenza. Salvo quanto disposto dal quarto comma del presente articolo, la trattazione della causa di merito ha inizio trascorso il termine stabilito nel sesto comma dell'articolo 2377.

I dispositivi del provvedimento di sospensione e della sentenza che decide sull'impugnazione devono essere iscritti, a cura degli amministratori, nel registro delle imprese.

Note

(1) L'interesse ad agire è riconosciuto a chiunque abbia un interesse concreto ed attuale, riferito all'azione di nullità stessa.
(2) Al fine di evitare impugnative meramente ricattatorie e dilatorie è necessario che il soggetto agente possieda una quota qualificata di capitale sociale per esercitare l'azione di annullamento delle delibere assembleari. Tale condizione deve essere mantenuta per tutta la durata del processo; in caso contrario non può essere pronunciato l'annullamento della delibera ma solo il risarcimento del danno, se richiesto.

Ratio Legis

Il legislatore nella norma in commento disciplina il procedimento di impugnazione delle delibere assembleari.

Spiegazione dell'art. 2378 Codice civile

L'azione di impugnazione delle delibere assembleari è promossa con atto di citazione dinanzi al Tribunale del luogo dove di trova la sede legale indicata nell'atto costitutivo.
La prova deve essere fornita al momento della costituzione in giudizio dall'attore.
La sospensione della deliberazione può essere richiesta solo dopo la proposizione della domanda di impugnazione, con ricorso depositato contestualmente al deposito della citazione.
Possono costituire oggetto di sospensione anche le deliberazioni immediatamente esecutive, ad esempio quelle aventi ad oggetto la nomina e la revoca degli amministratori. Il provvedimento di sospensione sospende anche gli effetti delle deliberazioni consequenziali di quella sospesa.
Il provvedimento di sospensione e la sentenza che decide sull'impugnazione devono essere iscritti nel registro delle imprese.
È ammissibile l'intervento litisconsortile di chi, legittimato all'impugnazione, intenda far valere nel giudizio di annullamento promosso da altri l'invalidità della delibera.

Massime relative all'art. 2378 Codice civile

Cass. civ. n. 18845/2016

Il preventivo deposito di un'azione, quale prova della qualità di socio, è previsto dall'art. 2378 c.c., nel testo, ante riforma del 2003, applicabile "ratione temporis", solo ai fini della legittimazione attiva nell'azione di annullamento delle delibere assembleari e non anche in quella diretta alla declaratoria di loro nullità (o inesistenza), la quale, invece, è proponibile da chiunque vi abbia interesse, e, quindi, anche da chi, avendo perso la qualità di socio per effetto della deliberazione che impugna per nullità (o inesistenza), intenda rimuoverne gli effetti illegittimamente prodotti, così ripristinando la suddetta qualità.

Cass. civ. n. 13360/2007

Il provvedimento di diniego della sospensione della delibera impugnata, emanato nell'ambito del giudizio ex art. 2378 c.c., è destinato ad essere assorbito nella sentenza che definirà il giudizio e, quindi, non essendo né definitivo né decisorio, non è ricorribile per cassazione ai sensi dell'art. 111 Cost.; lo stesso provvedimento, poi, non assume carattere di definitività neppure a seguito dell'eventuale estinzione del processo, che non determina l'estinzione dell'azione e non preclude la proposizione di una nuova domanda di merito al fine di far valere i diritti dedotti in giudizio.

Cass. civ. n. 17848/2002

La disposizione dell'art. 2378 c.c. (a norma della quale il socio che impugna la deliberazione dell'assemblea societaria deve depositare nella cancelleria del tribunale almeno un'azione), specificamente dettata per le società per azioni, non si applica alle società cooperative, attese le più restrittive regole di circolazione dettate per la circolazione delle relative azioni.

Cass. civ. n. 7264/1999

L'impugnazione in sede giurisdizionale, ai sensi dell'art. 2378 c.c., della deliberazione di revoca dei sindaci presuppone che si sia perfezionata la fattispecie complessa descritta dall'art. 2400 c.c., e — quindi — che la deliberazione abbia conseguito l'approvazione del tribunale prevista dal comma 2 dell'art. 2400 cit.; approvazione che non rappresenta una semplice verifica formale della regolarità della delibera, ma un atto di volontaria giurisdizione (con il quale viene esercitato un controllo circa l'esistenza della giusta causa) il quale rappresenta una fase necessaria e terminale di una vera e propria sequenza procedimentale preordinata alla produzione dell'effetto della revoca. Da ciò consegue che, in difetto del suddetto presupposto, l'impugnazione suddetta si renda inammissibile, non essendo, d'altronde, ipotizzabile un suo esercizio in via meramente preventiva.

Cass. civ. n. 10814/1996

Ai fini dell'esercizio dell'azione tipica di annullamento (ex artt. 2377, 2378 c.c.) di delibere assembleari impugnate dal socio assente o dissenziente per contrarietà alla legge o allo statuto sociale, la ricorrenza dell'interesse ad agire non postula la concreta utilità del provvedimento chiesto al giudice rispetto alla situazione denunziata, identificandosi tale interesse nella stessa qualità di socio (che deve essere accompagnata dal deposito di azione ai sensi dell'art. 2378 c.c., ai fini della legittimazione sostanziale) ed essendo presupposto o presunto dal legislatore al semplice verificarsi delle condizioni prefissate.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Le deleghe di competenze assembleari nelle società per azioni

    Editore: Giuffrè
    Collana: Quaderni di giurisprudenza commerciale
    Data di pubblicazione: dicembre 2009
    Prezzo: 56,00 -5% 53,20 €
    Categorie: Assemblea

    Le deleghe di competenze assembleari fra passato e futuro - Dalla "delega agli amministratori" alla "delega di competenze assembleari" - La "delega di competenze assembleari" fra fattispecie legale ed autonomia privata (La delega tipica. Una fattispecie dai contorni sfumati - La delega atipica. Una triplice direttrice di indagine) - Le competenze delegabili: un esame casistico (Deleghe in materia di struttura finanziaria dell'impresa sociale - Deleghe in materia di fusione e scissione -... (continua)

  • Assemblea e amministratori

    Collana: Nuova giurisprudenza dir. civile e comm.
    Pagine: 985
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 95,00 -5% 90,25 €

    L’opera si divide in due parti:

    - nella prima viene analizzata tutta la disciplina in tema di assemblea societaria, esaminando le questioni relative alle competenze, alla convocazione e svolgimento e alla invalidità della deliberazione.

    - nella seconda parte, gli Autori approfondiscono le tematiche relative alle funzioni e responsabilità degli amministratori societari.

    In particolare, il volume è aggiornato al d.lgs. 18.6.2012, n. 91 in tema... (continua)

  • Informazione preassembleare e tutela dell'investimento

    Editore: Giuffrè
    Collana: Sistema finanziario
    Data di pubblicazione: maggio 2018
    Prezzo: 29,00 -5% 27,55 €
    Categorie: Assemblea