Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2380 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Sistemi di amministrazione e di controllo

Dispositivo dell'art. 2380 Codice civile

Se lo statuto non dispone diversamente, l'amministrazione e il controllo della società sono regolati dai successivi paragrafi 2, 3 e 4.

Lo statuto può adottare per l'amministrazione e per il controllo della società il sistema di cui al paragrafo 5 [2409 octies], oppure quello di cui al paragrafo 6 [2409 sexiesdecies]; salvo che la deliberazione disponga altrimenti, la variazione di sistema ha effetto alla data dell'assemblea convocata per l'approvazione del bilancio relativo all'esercizio successivo.

Salvo che sia diversamente stabilito, le disposizioni che fanno riferimento agli amministratori si applicano a seconda dei casi al consiglio di amministrazione o al consiglio di gestione.

Ratio Legis

La norma in esame individua la disciplina applicabile in tema di amministrazione e controllo per il caso in cui nulla sia previsto nello statuto societario.

Spiegazione dell'art. 2380 Codice civile

I sistemi di amministrazione e controllo della s.p.a. sono tre.
a) sistema tradizionale, impostato su consiglio di amministrazione e collegio sindacale;
b) sistema dualistico: impostato sul consiglio di gestione e comitato di sorveglianza;
c) sistema monistico: impostato su un consiglio di amministrazione e un comitato costituito al suo interno.

Il modello tradizionale prevede che l'assemblea nomini l'organo amministrativo, il collegio sindacale e, con il parere del collegio sindacale, conferisca l'incarico all'organo di controllo contabile. Infatti nel sistema tradizionale il collegio sindacale ha funzioni limitate al controllo dell'amministrazione, mentre la revisione legale dei conti è affidata ad un revisore legale o a una società di revisione (v. art. 2409 bis).

Nel sistema dualistico l'assemblea ha competenze limitate (2364 bis). Il consiglio di sorveglianza svolge un ruolo ibrido perché ha sia competenze dell'assemblea, ad esempio in tema di bilancio, sia il compito di vigilare sull'amministrazione.

Il sistema monistico prevede che l'assemblea nomini il consiglio di amministrazione e che tale consiglio elegga al suo interno un comitato per il controllo sulla gestione, a sua volta controllato dal consiglio, cui i gestori appartengono.

Secondo la dottrina prevalente opera il principio della tipicità per cui è possibile optare tra uno dei tre modelli organizzativi previsti dal legislatore, ma non affidarsi a modelli ibridi o atipici.
La legge riconosce alla società la facoltà di passare da un sistema all'altro. Tale passaggio costituisce una modifica dell'atto costitutivo, per cui ogni modifica deve essere adottata dall'assemblea straordinaria.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • L'amministrazione della società per azioni

    Collana: Collana professionale diritto commerciale
    Data di pubblicazione: ottobre 2016
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Amministrazione, Spa
    Il volume, primo di una collana rivolta ad avvocati, magistrati, notai e operatori che quotidianamente si confrontano con la legislazione che regola le società e l'impresa, offre un'accurata analisi della governance societaria. A tal fine ciascuna opera esamina ogni questione ponendo armonicamente in dialogo la rigorosa declinazione delle coordinate teoriche con l'analitica esplorazione delle applicazioni pretorie. Ciascuna regola, pertanto, è esaminata alla luce... (continua)