Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 2017 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 10/06/2019]

Opposizione del detentore

Dispositivo dell'art. 2017 Codice civile

L'opposizione del detentore deve essere proposta davanti al tribunale che ha pronunziato l'ammortamento, con citazione da notificarsi al ricorrente e al debitore [90 l. camb.; 70 l. ass.](1).

L'opposizione non è ammissibile senza il deposito del titolo(2) presso la cancelleria del tribunale.

Se l'opposizione è respinta, il titolo è consegnato a chi ha ottenuto l'ammortamento(3).

Note

(1) In tal modo il debitore può chiarire i fatti ma anche conoscere il soggetto cui sarà tenuto ad adempiere, quindi è litisconsorte necessario (102 c.p.c.). In tema di ripartizione dell'onere della prova (2697 c.c.) spetta all'opponente dimostrare, in particolare, che il suo possesso del titolo è legittimo (1992 c.c.).
(2) Il deposito serve ad evitare che possano essere avanzate più opposizioni a scopi solo dilatori. Nella prassi il titolo, di regola, non viene depositato ma viene esibito al cancelliere che stila un verbale.
(3) L'opposizione si presenta come un giudizio a carattere impugnatorio in quanto viene instaurata dopo che è stato pronunciato l'ammortamento, e di fatto, impugnando il relativo decreto (2016 c.c.): di conseguenza, se l'istanza è respinta, il decreto stesso diventa definitivo.

Ratio Legis

Il legislatore consente a colui che sia detentore del titolo per il quale sia stata esperita una procedura di ammortamento (2017 c.c.) di difendersi esponendo le proprie ragioni (24 Cost.).

Spiegazione dell'art. 2017 Codice civile

L’opposizione del detentore del titolo al decreto di ammortamento: a) Natura giuridica

Come si è esattamente osservato, mentre il decreto del Presidente del Tribunale chiude la prima fase necessaria del processo di ammortamento, l’opposizione del detentore del titolo al predetto decreto determina la seconda fase eventuale del suddetto processo.

a) L'atto di opposizione ha la natura giuridica di una domanda di accertamento negativo nei confronti del ricorrente convenuto, che ha già ottenuto il decreto di ammortamento, e di accertamento positivo nei confronti del debitore cartolare, rispetto a cui l’opponente chiede che sia dichiarato essere egli il legittimo portatore del titolo.


b) Soggetto attivo

Soggetto attivo del rapporto processuale in esame è il semplice detentore del titolo in contestazione, ossia la persona avente un potere fatto su tale titolo (art. 1140 del c.c. e art. 1141 del c.c.).


c) Presupposto di ammissibilità

Presupposto necessario dell'atto di opposizione è il deposito del titolo presso la Cancelleria del Tribunale, chiamato a conoscere delta controversia: il difetto di tale deposito importa la inammissibilità della opposizione, a tenore del preciso disposto dell'art. 2017, 2 comma, Cod. civ..


d) Procedura

L'opposizione del detentore deve essere proposta davanti al Tribunale che ha pronunziato l'ammortamento, con citazione da notificarsi al ricorrente e al debitore » (art. 2017, 1 comma); e ciò entro il termine perentorio dì trenta giorni dalla data di pubblicazione del decreto di ammortamento nella Gazzetta Ufficiale, di cui nell'art. 2016, 3 comma.

Tale opposizione può fondarsi su cause diverse; ma, come si é bene rilevato, « il più delle volte tenderá a far dichiarare che il deten­tore, anziché essere semplicemente tale, ha acquistato la proprietà del titolo quale possessore di buona fede e senza colpa grave ». E, naturalmente, questa fase del processo si svolge in contradittorio, e dà luogo alla pronuncia di una sentenza.


e) Sentenza di accoglimento e sentenza di rigetto dell’opposizione

Quest'ultima [sentenza], secondo i casi, può essere:
1) Di acco­glimento della opposizione, e, quindi, di revoca del decreto di ammortamento, e di accertamento della spettanza all'opponente della proprietà del titolo e della titolarità dei diritti cartolari;

2) Di rigetto della opposizione, — nel quale caso l'ammortamento diventa definitivo, e viene implicitamente dichiarata la legittimazione all'esercizio dei diritti cartolari del ricorrente, che aveva già chiesto e ottenuto l'ammortamento. Deve essere, inoltre, ordinata la consegna del titolo depositato al medesimo ricorrente (art. 2017, 3 comma).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 2017 Codice civile

Cass. civ. n. 1146/1975

La norma contenuta nell'art. 2017 c.c., secondo la quale non è ammissibile l'opposizione al decreto di ammortamento di un titolo all'ordine senza il deposito del titolo presso la cancelleria del tribunale che ha pronunziato l'ammortamento, non si applica alla cambiale.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Commentario del codice civile. Delle promesse unilaterali, dei titoli di credito. Artt. 1987- 2027. Leggi collegate

    Pagine: 672
    Data di pubblicazione: novembre 2015
    Prezzo: 100,00 -5% 95,00 €

    Il volume "Dei titoli di credito", coordinato dal prof. Raffaele Lener, è un autorevole commento, articolo per articolo, alla disciplina codicistica regolata dagli artt. 1992- 2027 e alle disposizioni di riferimento contenute nel Testo Unico della Finanza. Nell'opera il professionista trova un'analisi approfondita delle disposizioni di ciascun articolo del codice civile, unitamente ad una panoramica degli spunti più interessanti per la pratica professionale offerti dalla... (continua)

  • Trattato di diritto civile [vol. 3]

    Editore: CEDAM
    Data di pubblicazione: dicembre 2014
    Prezzo: 90,00 -5% 85,50 €

    Aggiornamento a cura di Nadia Zorzi Galgano

    La nuova edizione del Trattato, mantiene la tanto apprezzata impostazione delle precedenti edizioni con una completa trattazione dell’intero diritto civile e commerciale.

    L'opera è un autorevole strumento destinato ai professionisti del diritto – docenti, avvocati, magistrati, notai – oltre che ai laureati che si accingono ad affrontare gli esami di ammissione alle relative carriere.

    L’obiettivo... (continua)

  • L'assegno e la cambiale. Con CD-ROM

    Autore: Cirillo Bruno
    Collana: Casi risolti nel diritto
    Pagine: 308
    Data di pubblicazione: marzo 2013
    Prezzo: 32,00 -5% 30,40 €
    Categorie: Assegno, Cambiale

    L'opera, con formulario e giurisprudenza, affronta le tematiche relative alla gestione dell'assegno e della cambiale con dettaglio e specificità. Nello scenario attuale, quale quello della crisi aziendale e delle difficoltà nel reperimento di fonti di liquidità, diventa quanto mai attuale questo approfondimento incentrato sui titoli di credito, dal momento che l'assegno rappresenta, ancora oggi, un diffusissimo strumento di pagamento e la cambiale assolve ad una... (continua)

  • I titoli all'ordine. Artt. 2008-2020

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: gennaio 2014
    Prezzo: 50,00 -5% 47,50 €
    Categorie: Titoli di credito

    La terza edizione del volume del "Commentario" dedicato ai titoli all'ordine, pubblicata a quasi un decennio di distanza dalla precedente e dalla scomparsa del suo autore, si è resa opportuna soprattutto per poter dar conto, da un lato, delle modifiche normative correlate nel frattempo intervenute (si pensi ad esempio alla riforma della disciplina antiriciclaggio e di quella in materia di cambiali finanziarie) e, all'altro, della naturale evoluzione del dibattito dottrinale e degli... (continua)

  • Titoli di credito. Disposizioni generali. Artt. 1992-2002

    Autore: Milli Marco
    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: settembre 2012
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €
    Categorie: Titoli di credito