Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1895 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Inesistenza del rischio

Dispositivo dell'art. 1895 Codice civile

Il contratto è nullo se il rischio non è mai esistito o ha cessato di esistere prima della conclusione del contratto (1).

Note

(1) Si pensi al caso in cui venga stipulata un'assicurazione sulla vita (1919 c.c.) di una persona già morta. La norma opera anche nel caso di rischio c.d. putativo cioè inesistente ma ritenuto esistente dalle parti.

Ratio Legis

La norma si spiega considerando che il contratto di assicurazione è tipicamente aleatorio, pertanto la mancanza del rischio ne sancisce la nullità (1418 ss. c.c.).

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 1895 Codice civile

Cass. civ. n. 11763/2018

Ai sensi dell'art 1895 c.c. (applicabile, in virtù del rinvio contenuto nell'art 1886 c.c., alle assicurazioni sociali oltre che alle assicurazioni private) si può configurare l'inesistenza del rischio, allorché prima della conclusione del contratto non si sia presentato quanto meno come possibile il futuro danno o evento attinente alla vita umana, ovvero non sia stato incerto almeno il momento in cui esso si sarebbe verificato: in tal caso il contratto e nullo.

Cass. civ. n. 7300/1991

La nullità del contratto di assicurazione per inesistenza del rischio, ai sensi dell'art. 1895 c.c., si verifica quando tale inesistenza sia in atto al momento della stipulazione, mentre, se essa intervenga successivamente, ancorché prima del momento in cui diviene efficace la copertura assicurativa, si produce lo scioglimento del contratto stesso, a norma dell'art. 1896 c.c.

Cass. civ. n. 3695/1983

In attuazione del principio (applicabile, ai sensi degli artt. 1886 e 1895 c.c. anche alle assicurazioni sociali obbligatorie) che il contratto di assicurazione è nullo se il rischio non è mai esistito o ha cessato di esistere prima della conclusione del contratto stesso, le infermità preesistenti all'instaurazione del rapporto assicurativo non possono essere prese in considerazione — al fine di stabilire la sussistenza delle condizioni richieste per la pensione di invalidità solo quando esse siano state già sufficienti, prima che tale rapporto abbia avuto inizio, a ridurre la capacità di guadagno dell'assicurato al di sotto dei limiti legali richiesti, mentre, nell'opposta ipotesi, non ne è preclusa la valutazione da parte del giudice al fine suddetto, potendo il superamento di tali limiti conseguire all'aggravamento delle medesime infermità preesistenti o al sopravvenire di altre.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • I danni punitivi dopo la sentenza n. 16601/2017 delle Sezioni Unite della Corte di Cassazione. Convegno della Associazione internazionale di diritto delle assicurazioni. Sezione Lombardia

    Collana: Legale
    Pagine: 204
    Data di pubblicazione: settembre 2018
    Prezzo: 22,00 -5% 20,90 €
    La giornata di studio, i cui atti sono in questa sede raccolti, è stata dedicata ad approfondire le tematiche trattate e decise nella sentenza resa dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite n. 16601/2017, in materia di delibazione di decisioni straniere che prevedono condanna al pagamento di punitive damages: con tale decisione, nell'estate del 2017 la Suprema Corte ha realizzato un vero e proprio revirement ammettendo, con i limiti identificati nel medesimo arresto, la... (continua)
  • I prodotti finanziari assicurativi

    Autore: Siri Michele
    Editore: Aracne
    Collana: Diritto commerciale e fallimentare
    Pagine: 340
    Data di pubblicazione: novembre 2013
    Prezzo: 20 €
  • Diritto delle assicurazioni

    Editore: Zanichelli
    Pagine: 342
    Data di pubblicazione: marzo 2016
    Prezzo: 39,9 €

    Le assicurazioni sono sempre meno un diritto da addetti ai lavori; ormai, si può dire, non esiste un ambito dell'attività umana che non ne sia interessato. Anche il mondo della finanza ha fatto i conti con la logica della mutualità, sebbene la scelta finale della c.d. finanza strutturata sia stata presa al di fuori della tecnica del diritto delle assicurazioni in senso stretto. Dal punto di vista della didattica, il diritto delle assicurazioni è un osservatorio... (continua)

  • I contratti di assicurazione contro i danni e sulla vita

    Collana: Trattato dir. civ. Cons. naz. notariato
    Pagine: 536
    Data di pubblicazione: novembre 2011
    Prezzo: 75 €

    La disciplina dei contratti di assicurazione, pur rimanendo fondamentalmente affidata alle norme del codice civile, sta subendo un'evoluzione indotta soprattutto dall'immissione nell'ordinamento italiano del diritto comunitario e dall'entrata in vigore del c.d. codice delle assicurazioni. Alla funzione di garanzia dal rischio, che svolge un ruolo unificante della categoria contrattuale, fa da contraltare la pluralità delle fattispecie che proliferano in un mercato assicurativo... (continua)