Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 1738 Codice civile

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

Revoca

Dispositivo dell'art. 1738 Codice civile

Finché lo spedizioniere non abbia concluso il contratto di trasporto [1678] col vettore, il mittente può revocare l'ordine di spedizione (1), rimborsando lo spedizioniere delle spese sostenute (2) e corrispondendogli un equo compenso per l'attività prestata [1685] (3).

Note

(1) Anche in tal caso si tratta di una ipotesi di recesso unilaterale, che si perfeziona quando la dichiarazione del mittente giunge a conoscenza dello spedizioniere (1723, 1734 c.c.).
(2) Di tutte le spese sostenute per l'esecuzione dell'incarico.
(3) Anche tale rimborso si atteggia quale indennizzo da atto lecito.

Ratio Legis

Poichè la spedizione è un tipo particolare di mandato (1737 c.c.), la norma, analogamente a quanto accade in tema di commissione (v. 1734 c.c.), è espressione particolare della regola prevista, in generale, per il mandato (1723, 1722 c.c.). Il recesso previsto deve essere esercitato prima che il contratto di trasporto sia concluso, questo sia perchè una volta concluso anche il mandato è adempiuto, sia per la tutela tel terzo vettore.

Spiegazione dell'art. 1738 Codice civile

Forma del contratto

Il contratto di commissione è consensuale. Si perfeziona, indipendentemente dalla consegna delle cose da trasportare, quando a norma dell'art. 1326 tra le parti si è raggiunto l'accordo sulle cose che debbono essere spedite, sul luogo di destinazione e sul corrispettivo dell'opera che presta lo spedizioniere.


Facoltà del mittente di revocare l'ordine di spedizione

Poiché il contratto, come si è detto a proposito dell'articolo precedente, è una commissione qualificata dall'oggetto, vale per esso il principio generale della revocabilità dell'incarico secondo le disposizioni dettate per il mandato dagli articoli 1722 e segg. fino a quando l'affare non è concluso. L'art. 1738 inoltre riproduce per la spedizione la norma posta dall'art. 1734 per la commissione.
Il mittente finché lo spedizioniere non ha concluso il contratto di trasporto col vettore può revocare l'ordine di spedizione o modificarlo.
È tutelata come per il commissionario la condizione dello spedizioniere in aderenza al principio che ogni lavoro deve essere retribuito. Il mittente revocando l'ordine deve rimborsare allo spedizioniere le spese sostenute e corrispondergli un equo compenso per l'attività prestata.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli € 29,90

N.B.: una volta effettuato il pagamento sarà possibile inviare documenti o altro materiale relativo al quesito posto; indicazioni sulle modalità dell'invio verranno fornite via email.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Acquisti e proprietà nell'interesse del mandante

    Collana: Studi di diritto privato
    Pagine: 288
    Data di pubblicazione: novembre 2011
    Prezzo: 30 €
    Categorie: Mandato

    Una recente giurisprudenza della Cassazione e un parimenti recente dibattito orientato quest'ultimo a verificare le attitudini del mandato in raffronto a figure a esso considerate affini - hanno ricondotto all'attualità la tematica classica, già oggetto di ampie e vivaci discussioni nella seconda metà del secolo scorso, della efficacia degli atti di acquisto compiuti dal mandatario e della conseguente configurazione della situazione giuridica ad esso, mandatario,... (continua)

  • Inadempienze e risarcimento danni nel mandato
    Risposte alle questioni sostanziali e processuali nei rapporti fra mandante e mandatario

    Editore: Giuffrè
    Collana: Risposte giurisprudenziali
    Data di pubblicazione: gennaio 2013
    Prezzo: 45,00 -5% 42,75 €
    Categorie: Mandato

    L'opera intende offrire del mandato l'immagine di una figura giuridica duttile,capace di adattarsi alle esigenze della modernità, di un commercio sempre più bisognoso di contatti rapidi, ma nel contempo legata alla tradizione di determinati rapporti fiduciari. Così accanto ad una nomenclatura ed a prassi bancarie, ove attraverso il mandato si è in grado di snellire situazioni altrimenti inceppate dal ricorso a categorie usurate dal tempo, è facile... (continua)

  • Il mandato. Artt. 1703-1709

    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: aprile 2012
    Prezzo: 28,00 -5% 26,60 €
    Categorie: Mandato
  • Il mandato di credito. Artt. 1958-1959

    Autore: Scarpa Dario
    Editore: Giuffrè
    Collana: Il codice civile. Commentario
    Data di pubblicazione: luglio 2015
    Prezzo: 33,00 -5% 31,35 €
    Categorie: Mandato di credito
  • La giurisprudenza sul codice civile. Coordinata con la dottrina. Libro IV: Delle obbligazioni. Artt. 1703-1753

    Editore: Giuffrè
    Collana: Giurisprudenza sul Codice civile
    Data di pubblicazione: luglio 2012
    Prezzo: 81,00 -5% 76,95 €

    La nuova edizione presenta una trattazione completa e sistematica dell'evoluzione giurisprudenziale relativa alla disciplina codicistica, puntualmente riletta alla luce degli orientamenti della dottrina e delle incessanti innovazioni legislative intervenute. Il coordinamento della trattazione giurisprudenziale e dottrinale del codice civile con quella delle norme complementari, operato sia attraverso un sistematico richiamo alla normativa correlata sia mediante appendici che contengono una... (continua)