Brocardi.it - L'avvocato in un click! CHI SIAMO   CONSULENZA LEGALE

Articolo 193 Codice Civile 2020

(R.D. 16 marzo 1942, n. 262)

[Aggiornato al 30/06/2020]

Separazione giudiziale dei beni

Dispositivo dell'art. 193 Codice Civile 2020

La separazione giudiziale dei beni può essere pronunziata in caso di interdizione o di inabilitazione di uno dei coniugi o di cattiva amministrazione della comunione(1).

Può altresì essere pronunziata quando il disordine degli affari di uno dei coniugi o la condotta da questi tenuta nell'amministrazione dei beni mette in pericolo gli interessi dell'altro o della comunione o della famiglia, oppure quando uno dei coniugi non contribuisce ai bisogni di questa in misura proporzionale alle proprie sostanze e capacità di lavoro [148](2).

La separazione può essere chiesta da uno dei coniugi o dal suo legale rappresentante(3).

La sentenza che pronunzia la separazione retroagisce al giorno in cui è stata proposta la domanda ed ha l'effetto di instaurare il regime di separazione dei beni regolato nella sezione V del presente capo, salvi i diritti dei terzi.

La sentenza è annotata a margine dell'atto di matrimonio e sull'originale delle convenzioni matrimoniali.

Note

(1) L'articolo è stato così sostituito dall'art. 72 della L. 19 maggio 1975 n. 151.
(2) L'elencazione ha carattere tassativo.
(3) Il giudice competente sarà il tribunale ordinario del luogo di residenza dei coniugi; questi sarà altresì competente per la divisione dei beni. Gli effetti retroagiscono al momento della proposizione della domanda (co. IV), diversamente dalla separazione personale in cui l'effetto si verifica ex nunc ma dal giorno del passaggio in giudicato della sentenza, o con l'omologa degli accordi.

Ratio Legis

Con tale procedura giudiziale, al verificarsi di determinate circostanze,ed al fine di preservare la sua integrità patrimoniale, il coniuge può ottenere la separazione giudiziale dei beni, pur mantenendo in vita il vincolo matrimoniale.

Relazione al Codice Civile

(Relazione del Ministro Guardasigilli Dino Grandi al Codice Civile del 4 aprile 1942)

Massime relative all'art. 193 Codice Civile 2020

Cass. civ. n. 12293/2005

La separazione giudiziale dei beni ex art. 193 c.c., causa di scioglimento della comunione legale dei beni tra coniugi, non è preclusa dalla pendenza del giudizio di separazione personale tra gli stessi coniugi, nè dall'avvenuta pronuncia, da parte del presidente del tribunale, dei provvedimenti temporanei ed urgenti di cui all'art. 708 c.p.c.

Cass. civ. n. 2844/2001

Mentre in caso di separazione personale dei coniugi lo scioglimento della comunione legale di beni si verifica con effetto ex nunc, solo con il passaggio in giudicato della sentenza di separazione o con l'omologa degli accordi di separazione consensuale — non spiegando alcun effetto al riguardo il provvedimento presidenziale ex art. 708 c.p.c. — in caso di separazione giudiziale dei beni gli effetti dello scioglimento della comunione retroagiscono invece al giorno in cui è stata proposta la domanda, secondo quanto espressamente prevede il comma quarto dell'art. 193 c.c., il quale, così disponendo, deroga al principio in forza del quale, allorché la pronuncia del giudice ha, come nella specie, valenza costitutiva, gli effetti di tale sentenza non possono prodursi se non dal passaggio in giudicato.

Hai un dubbio o un problema su questo argomento?

Scrivi alla nostra redazione giuridica

e ricevi la tua risposta entro 5 giorni a soli 29,90 €

Nel caso si necessiti di allegare documentazione o altro materiale informativo relativo al quesito posto, basterà seguire le indicazioni che verranno fornite via email una volta effettuato il pagamento.

SEI UN AVVOCATO?
AFFIDA A NOI LE TUE RICERCHE!

Sei un professionista e necessiti di una ricerca giuridica su questo articolo? Un cliente ti ha chiesto un parere su questo argomento o devi redigere un atto riguardante la materia?
Inviaci la tua richiesta e ottieni in tempi brevissimi quanto ti serve per lo svolgimento della tua attività professionale!

Testi per approfondire questo articolo

  • Fallimento del coniuge imprenditore e scioglimento della comunione legale

    Editore: Ipsoa
    Pagine: 115
    Data di pubblicazione: luglio 2011
    Prezzo: 19,00 -5% 18,05 €

    Il fallimento del coniuge imprenditore in regime di comunione legale è un evento che incide sia sulla sua vita economica, sia sul regime patrimoniale coniugale. Il volume, con uno sguardo trasversale al diritto di famiglia ed al diritto fallimentare, affronta il tema dell'efficacia della sentenza di fallimento (tra risultanze del registro delle imprese e quelle dei registri di stato civile), della liquidazione concorsuale dei beni in comunione, della sistemazione dei rapporti... (continua)

  • Acquisti in comunione legale e circolazione dei beni di provenienza donativa

    Autore: Patti Filippo
    Editore: Ipsoa
    Pagine: 176
    Data di pubblicazione: giugno 2011
    Prezzo: 30,00 -5% 28,50 €

    Il volume tratta due temi, gli acquisti in regime di comunione legale di beni e la circolazione dei beni di provenienza donativa, entrambi di notevole interesse per i professionisti soprattutto per la necessità di trovare espedienti utili che consentano di arginare situazioni e fenomeni non adeguatamente risolvibili con i mezzi offerti dalla normativa esistente.

    Per ciascun argomento, partendo da un inquadramento generale, si analizzano poi le questioni interpretative ed... (continua)

  • Comunione legale

    Editore: Giuffrè
    Collana: Officina. Famiglia e successioni
    Pagine: 110
    Data di pubblicazione: ottobre 2012
    Prezzo: 15,00 -5% 14,25 €
    Categorie: Comunione legale

    L'opera affronta le seguenti tematiche: modi di acquisto: a titolo originario, per usucapione, per accessione; contratti relativi alla concessione e l'acquisto di diritti personali di godimento; obbligazioni, pesi, oneri dell'amministrazione dei beni; scioglimento o cessazione degli effetti civili del matrimonio.

    (continua)